RFI sfida i 5S sulla Stazione Hirpinia, via agli espropri

Presso il Comune di Ariano Irpino è giunto Avviso di "Immissione in possesso per occupazione d'urgenza". Al via gli espropri per la realizzazione della stazione Hirpinia.

Rfi non si ferma e procede nell’iter che dovrà portare all’apertura dei cantieri per la costruzione della stazione di alta capacità Hirpinia. Il Comune di Ariano ha dato seguito alla pubblicazione degli atti di occupazione dei suoli finalizzati all’esproprio nell’area interessata dalla costruzione del terminal e dal passaggio dei binari, nell’ambito del primo lotto Apice-Hirpinia.

Emesso Decreto di Occupazione d’Urgenza. Pugno duro da parte del Gruppo Ferrovie dello Stato. Il documento è “preordinato all’esproprio” relativo ad appezzamenti nel Comune di Ariano Irpino. L’atto è stato protocollato in quel della S.p.A il 26 ottobre. Il 31 la comunicazione resa pubblica dal tricolle. Immediata e importante la pubblicazione del Comune di Ariano Irpino, guidato da Domenico Gambacorta.

Due binari paralleli quelli del gruppo FS e le comunicazioni in ambito governativo. Sempre il 26 da Roma è schizzato in irpinia l’allarme per la risoluzione presentata dalla senatrice sannita Sabrina Ricciardi, contenente la proposta di una revisione del tracciato Napoli Bari con revoca della stazione Hirpinia. Opera già appaltata e in gara. A giorni infatti saranno aperte le buste ed entro fine anno ci sarà l’aggiudicazione dei lavori.

Consiglio comunale straordinario Ariano Irpino – discussione Stazione Hirpinia.

Un atto giudicato in provincia di Avellino come lesivo dell’interesse dell’intera comunità al di là delle logiche politiche o di appartenenza territoriale. Il Consiglio comunale allargato alle rappresentanze istituzionali e di categoria domenica sera 28 ottobre ad Ariano Irpino ha prodotto un documento, che impegna il futuro presidente della Provincia, che sarà eletto nelle prossime ore, a presentare al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte la richiesta ufficiale di non intralciare il cronoprogramma avviato dalla Rfi in Valle Ufita e di non modificare il tracciato. Intanto la stessa Rfi, di suo, procede rispetto al I lotto funzionale Apice Hirpinia.

Nel mese di maggio il Commissario ha approvato il progetto definitivo dell’itinerario Napoli Bari. Raddoppio tratta Apice – Orsara. Definita la compatibilità ambientale e la localizzazione dei punti soggetti ad esproprio. Pronto il piano particellare che prevede occupazione d’urgenza. 

Il Premier Giuseppe Conte (a sinistra) con il Sottosegretario Giancarlo Giorgetti

La messa in discussione della stazione Hirpinia ha scosso nella pancia il territorio e da più parti i vari leader di governo locale hanno fatto sentire la propria voce. In sede consiliare ad Ariano Irpino domenica 28 si sono ritrovati i sindaci di tutto il comprensorio. Hanno posto il visto su una richiesta di incontro che sarà premura del nuovo presidente della Provincia far arrivare al premier Giuseppe Conte. L’attenzione continuerà ad essere altissima da parte degli enti locali. Perchè atti alla mano e lavori in corso c’è pur sempre una volontà politica espressa in Senato che osteggia la stazione Hirpinia. Il Movimento 5 Stelle irpino in verità ha subito chiarito le distanze dalle dichiarazioni della senatrice. Tuttavia i dubbi hanno preso corpo e tutti, cittadini e istituzioni, rivendicano certezze.

Stante i documenti di RFI, che segnano la rotta della laboriosità rispetto al progetto, le amministrazioni locali osserveranno con attenzione l’esecutività dell’opera. Il tracciato indubbiamente costoso è di connessione tra l’Europa e il Mezzogiorno e quindi l’Oriente. La pianificazione politico-stregica del territorio negli anni ha portato già alla realizzazione di infrastrutture collaterali e di collegamento alla nascente stazione Hirpinia. Da qui anche il riconoscimento ZES dell’area ufitana. Un progetto ampio di contrasto forte alla triste prospettiva della desertificazione delle aree lontane dalle coste. Un investimento che se in prima battuta riguarda il ferro e tunnel sotterranei di cui si evidenzia la necessità, agisce anche sul decongestionamento urbano. Quello relativo alla densità demografica di metropoli ormai al collasso e che non riescono ad evadere la domanda di lavoro, servizi e bisogni alimentari.


LA MOBILITAZIONE, IL DOSSIER COMPLETO

Stazione Hirpinia | I sindaci andranno dal Premier Conte

Stazione Hirpinia | Pallini si schiera con l’Ufita e avverte il M5s: l’opera non si tocca

Stazione HirpiniaNasce il Comitato Sì TAC. Proposta di Bevere

Stazione HirpiniaPetracca: deputati irpini M5s dilettanti. Si dimettano

Stazione Hirpinia | Di Cicilia: «Tentano lo scippo mentre si aprono le buste. Non lo permetteremo»

Stazione Hirpinia |Affondo bipartisan: M5s e Lega contro gli interessi del Sud

Scippo dell’Alta Capacità: Irpinia mobilitata contro M5s-Lega. Il documento