“Condominio industriale per la IIA a Flumeri”, Curcio: ora indotto e assunzioni

INDOTTO, ASSUNZIONI E ASSETTO SOCIETARIO, IL SINDACATO PRESENTA IL CONTO AL MISE. Il 28 febbraio i Ministri degli Esteri e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio e Stefano Patuanelli sono attesi ad Ariano Irpino per un'assemblea politica del movimento. L'incontro fornirà l'occasione per incontrare le rappresentanze sindacali. La Rsu di Fiom Cgil: "Chiederemo un incontro ufficiale a Roma su Piano Nazionale dei Trasporti e consolidamento aziendale". L'agenda

Industria Italiana Autobus, 240 ordini per il 2020: doppi turni a Flumeri

“C’è l’opportunità di far decollare Industria Italiana Autobus, realizzando un condominio industriale per la IIA a Flumeri”, spiega la Rsu Silvia Curcio. La ripresa produttiva e i lavori di ripristino dello stabilimento sono buone premesse per il polo industriale dei pullman in Ufita, ma non bastano: ora servono un indotto adeguato a chilometri zero e completare le assunzioni. Su questi temi, sulle prospettive a medio e lungo termine della Industria Italiana Autobus di Flumeri, con riferimento a indotto e assunzioni alla IIA, il sindacato presenterà il conto al Ministro Stefano Patuanelli, atteso in Irpinia nei prossimi giorni.

Silvia Curcio, rsu Fiom alla Industria Italiana Autobus. Dirigente della Cgil

Il 28 febbraio prossimo Luigi Di Maio e Stefano Patuanelli saranno ad Ariano Irpino all’assemblea del Movimento 5 Stelle promossa dalle rappresentanze locali. Nell’occasione visiteranno a fabbrica. Ma il sopralluogo del Ministro non basterà al sindacato, che da mesi chiede un vertice ufficiale a Roma, dove confrontarsi con Invitalia per ottenere garanzie sull’assetto societario e sul trasferimento della produzione. Nell’agenda del sindacato ci sono anche la ricerca dell’imprenditore e il Piano Nazionale per i Trasporti. Va irrobustita la domanda. Silvia Curcio sottolinea la necessità di un maggiore flusso di cassa per un’azienda che deve crescere. “Solo quando saranno attivate le linee di produzione e lo stabilimento avrà un incremento di forza lavoro si potrà considerare fuori pericolo la fabbrica irpina, fissando il taglio del nastro”, spiega. Insomma, per il sindacato il nuovo corso dell’azienda di Valle Ufita non può essere ancora festeggiato.

Alla IIA di Flumeri il Sindaco di Roma, Virginia Raggi, visita gli stabilimenti dove saranno costruiti i 128 nuovi bus prenotati dall’ATAC. Accanto a lei, l’ad di Industria Italiana Autobus, Giovanni de Filippis, il Presidente dell’Atac, Paolo Simioni, il sindaco di Flumeri, Angelo Lanza, il vice prefetto di Avellino, Silvana D’Agostino, il Sottosegretario, Carlo Sibilia, il deputato, Generoso Maraia

“RECUPERATA LA CATAFORESI, MA LE ASSUNZIONI SONO INSUFFICIENTI”. Ad oggi i rappresentanti sindacali prendono atto che l’azienda sta compiendo piccoli ma importanti passi in avanti, e sollecitano il Dicastero guidato da Stefano Patuanelli a fare la sua parte. “L’azienda sta rifacendo il tetto, è stata recuperata la cataforesi e sono stati assunti tramite agenzia 14 giovani, tutti provenienti dai comuni limitrofi e dall’hinterland di Flumeri, ma le assunzioni devono continuare: servono almeno le 65 unità”, spiega Silvia Curcio rappresentante sindacale della Fiom Cgil. “Si parla addirittura di tunover ma non ufficialmente, e attendiamo un incontro con la proprietà per verificare la possibilità di accompagnare qualcuno al pensionamento; questo sarà l’ultimo anno di ‘Quota 100’, e siamo pronti a cogliere la sfida per far entrare i giovani e forza lavoro fresca”, continua Curcio. “Produrre autobus è differente dal produrre auto: il nostro è un lavoro artigianale che bisogna tramandare con competenza”.

L’interno della IIA di Flumeri

“INSEDIARE UN CONDOMINIO INDUSTRIALE PER LA IIA A FLUMERI NEI SUOLI DISPONIBILI: LA FABBRICA PUÒ DARE MOLTO ALLO SVILUPPO DELL’UFITA”. I sindacati esporranno dunque richieste precise ai rappresentanti del Governo Conte a Flumeri nei prossimi giorni: dal condominio industriale per la IIA a Flumeri al finanziamento del piano nazionale per i trasporti, sono obiettivi che consentiranno alla IIA di produrre davvero e ottenere commesse per competere. Per questo è ritenuto necessario un incontro al Mise per programmare i prossimi mesi. “Non siamo in condizione di tagliare nastri, perchè non abbiamo le nostre linee di produzione, nè sufficienti commesse pubbliche. Auspichiamo che possa partire l’indotto in Valle Ufita, utilizzando i suoli in esubero nell’area dell’azienda: possono essere utilizzati a nostro vantaggio, con attività che interessano la produzione di autobus. Silvua Curcio avverte: “Dobbiamo crescere se vogliamo competere”.

“PERSI 1340 POSTI DI LAVORO CON LA CHIUSURA DELLA IRISBUS”.  Il sindacato ritiene che con l’insediamento di nuovo indotto si potrà recuperare almeno in parte l’occupazione andata perduta con la chiusura dell’Irisbus. Dai 1600 operai della allora Irisbus si è passati ai 260 di Industria Italiana Autobus. La Karsan continua a produrre per conto dell’azienda, in attesa di riportare le linee in Italia, e onora le commesse ottenute da Roberto Del Rosso. Per Silvua Curcio completare il riassetto societario è indispensabile. Manca all’appello il socio investitore che dovrebbe subentrare a Invitalia. “L’azienda sostiene che il terzo socio non c’è, e che i lavori vanno avanti lo stesso, ma non vorremmo arrivare nuovamente al 29 luglio senza un nome da presentare a Invitalia, che già lo scorso anno ha prorogato di un anno la scadenza. Non possiamo andare avanti con una società a maggioranza pubblica e senza un imprenditore solido che possa subentrare. Basta dilatare i tempi” e conclude. “Dobbiamo essere produttivi e quindi competitivi, ma con 260 unità non avremo vita lunga perchè non riusciremo a coprire i costi dell’Asi, le utenze, gli stipendi ai lavoratori: vogliamo forza lavoro anche esterna con produzione a km zero in un’area peraltro già infrastrutturata”.

I deputati del Movimento Cinque Stelle Generoso Maraia e Michele Gubitosa ad Ariano Irpino in una convention pentastellata

L’ASSEMBLEA 5S. Flumeri sarà una tappa per i Ministri pentastellati, che in Irpinia si vedranno per aprire la campagna elettorale in vista delle regionali in Campania. I titolari della Farnesina e del Ministero per lo Sviluppo Economico potrebbero incontrare i rappresentanti sindacali dell’azienda e i cronisti prima dell’assemblea del Movimento prevista per le 18 presso l’auditorium comunale. All’ordine del giorno non ci sarà solo Industria Italiana Autobus, ma anche spopolamento e sviluppo delle Aree Interne sono i temi che affronteranno i Pentastellati ad Ariano, sia nelle vesti di rappresentanti nazionali del movimento, che in qualità di alte cariche del Governo. Ci saranno anche i neo candidati regionali: l’ex sindaco di Avellino Vincenzo Ciampi, l’ex assessore Maura Sarno e gli storici attivisti del Meet-up Carmen Bochicchio e Generoso Testa


LEGGI ANCHE:

Air Mobilità mette su strada 8 nuovi bus urbani, 6 sono della IIA di Flumeri

Nella IIA lo Stato torna in fabbrica. A Flumeri assunzioni per ora solo interinali

ARTICOLI CORRELATI