Premio Colombo dai Campani nel mondo a Rosetta D’Amelio

La Presidente del Consiglio Regionale della Campania ha ricevuto il riconoscimento a New York «per il forte impegno profuso in tutti questi anni a sostegno dei campani nel mondo». Dalle celebrazioni un progetto delle comunità italo americane di origine campana per il turismo di ritorno

Premio Colombo dai Campani nel mondo a Rosetta D’Amelio. La Presidente del Consiglio Regionale della Campania ha ricevuto il riconoscimento a New York «per il forte impegno profuso in tutti questi anni a sostegno dei campani nel mondo», si legge nella motivazione. «Sono onorata ed emozionata di essere stata premiata dalla Federazione delle Associazioni della Campania negli Usa dinanzi a una sala piena di famiglie che vivono da anni in America con il cuore in Italia, cercando di mantenere forte il senso di appartenenza alla loro terra d’origine e di trasmetterlo ai più giovani», ha dichiarato la Presidente D’Amelio. «La loro tenacia, il ricordo di quanti sono partiti dalla Campania per garantire un futuro migliore ai loro cari, facendo grossi sacrifici, mi sprona ancora di più a sostenere le nostre comunità all’estero».

Premio Colombo dai Campani nel mondo a Rosetta D’Amelio consegnato dal presidente della Federazione delle Associazioni della Campania Usa, Rocco Manzolillo. Oltre a D’Amelio sono stati premiati la Corale polifonica vesuviana, il maestro Domenico Cozzolino e il tenore Salvatore De Crescenzo. Erano presenti la consigliera regionale Antonella Ciaramella, in qualità di delegata per la Consulta regionale degli emigranti, la deputata eletta per la circoscrizione Estera, Francesca La Marca e il rappresentante del Consolato, Iacopo Martino

CON D’AMELIO PREMIATA LA CORALE POLIFONICA VESUVIANA, IL MAESTRO DOMENICO COZZOLINO E IL TENORE SALVATORE DE CRESCENZO. La presidente D’Amelio è stata insignita del Premio Colombo dal presidente della Federazione delle Associazioni della Campania Usa, Rocco Manzolillo. Il Premio Colombo, giunto alla diciassettesima edizione, è l’evento che si svolge ogni anno, in concomitanza con il Columbus Day, per celebrare Colombo e premiare le personalità che nel mondo sostengono le comunità campane, la cultura e le tradizioni della nostra regione. Oltre a D’Amelio sono stati premiati la Corale polifonica vesuviana, il maestro Domenico Cozzolino e il tenore Salvatore De Crescenzo. Erano presenti la consigliera regionale Antonella Ciaramella, in qualità di delegata per la Consulta regionale degli emigranti, la deputata eletta per la circoscrizione Estera, Francesca La Marca e il rappresentante del Consolato, Iacopo Martino. Nell’ambito della cerimonia sono stati presentati due progetti su cui le comunità campane in America stanno lavorando insieme alla Regione Campania. In particolare, il Premio Colombo è stato consegnato a quattro studenti statunitensi che hanno partecipato al Giffoni Film Festival e che, grazie a un progetto avviato proprio quando la presidente D’Amelio era assessore in Campania, hanno potuto visitare e conoscere la loro terra d’origine con un interscambio culturale con giovani provenienti da tutto il mondo a Giffoni. L’altro progetto è “Roots Of Italy”, ritorno alle origini.

pdf

DAL PREMIO COLOMBO UN PROGETTO PER IL TURISMO DI RITORNO IN ITALIA, CIARAMELLA: «LA REGIONE VALUTERÀ LA PROPOSTA DELLE COMUNITÀ CAMPANE IN AMERICA». «Le nostre comunità hanno presentato un progetto molto interessante sul cosiddetto turismo di ritorno che punta a fare visitare la Campania alla terza generazione di emigranti e su un incoming emozionale», spiega la consigliera Antonella Ciaramella. «Ne discuteremo con i Consultori di tutto il mondo, che abbiamo convocato a dicembre in Campania e ai quali abbiamo chiesto di selezionare alcuni giovani da portare con loro in Italia». Antonella Ciaramella spiega che «dal lavoro svolto con la Consulta è emerso infatti che i giovani di origine campana, nati e cresciuti all’estero, dimenticano le proprie origini e che c’è bisogno di rafforzare il senso di appartenenza». Per questo, «incentivare il turismo di ritorno, investire e scommettere su di esso, far tornare in Campania tanti ragazzi  per far conoscere le proprie radici, i grandi attrattori ed emozionarsi, è certamente un progetto che dobbiamo sostenere e su cui mi impegnerò nei prossimi mesi».

Columbus Day, uno dei cartelli promozionali dell’edizione 2019 delle celebrazioni

CELEBRAZIONI PER IL COLUMBUS DAY 2019 A NEW YORK. Tradizionale parata del Columbus Day, giorno dell’orgoglio italo-americano, ma anche altre cerimonie, che hanno fatto da prologo al grande evento che ricorda la scomparta delle Americhe da parte di Cristoforo Colombo. Impegnati l’Ambasciatore d’Italia a Washington Armando Varricchio e il Console Generale, Francesco Genuardi, che hanno partecipato al tradizionale Gala della Columbus Citizens Foundation, presente il Governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo e il Presidente della Fondazione Angelo Vivolo. Le celebrazioni di quest’anno sono state aperte dalla «Proclamation del Presidente Trump», con cui il Presidente degli Stati Uniti d’America ha rinnovato il significato di questa giornata di unità nazionale continentale. Il pensiero è andato alle sofferenze e alle difficoltà incontrate dai primi immigrati italiani negli Usa, ma anche ai «contributi forniti dalla comunità Italo-americana alla grandezza di questo Paese in tutti i settori dalla politica, all’economia, dalla cultura alla scienza». l’Ambasciatore italiano negli Usa ha partecipato alla deposizione dei fiori presso la statua di Cristoforo Colombo a Columbus Circle.

OLTRE IL PREMIO COLOMBO, I PREMI DELLA FONDAZIONE COLUMBUS CITIZENS FOUNDATION, TRA GLI ALTRI, A MASSIMO FERRAGAMO. LaColumbus Citizens Foundation ha insignito del titolo di Grand Marshall della Parata per il Columbus Day 2019 Massimo Ferragamo, Presidente di Ferragamo USA. Premi anche a Rosanna Scotto, conduttrice del programma televisivo «Good Day in New York» su Fox, Giovanni Colavita amministratore di Colavita USA e i fratelli Bruno, imprenditori dell’alta ristorazione.


La proclamazione

COLUMBUS DAY, LA PROCLAMAZIONE DEL PRESIDENTE USA TRUMP.
Il Columbus Day continua ad essere celebrato negli Stati Uniti. Il Presidente americano Donald J. Trump ha proclamato con le seguenti parole il 14 ottobre 2019. Ecco il testo

di Donald J. Trump | Presidente degli Stati Uniti d’America

Il 12 ottobre 1492, dopo un pericoloso viaggio di due mesi attraverso il perfido Oceano Atlantico, Cristoforo Colombo e il suo equipaggio a bordo della Niña, Pinta e Santa Maria sbarcarono in quelle che oggi sono le Bahamas. Questo viaggio spartiacque inaugurò l’Era dell’Esplorazione, cambiando il corso della storia e ponendo le basi per lo sviluppo della nostra Nazione. Oggi commemoriamo questo grande esploratore, il cui coraggio, abilità e voglia di scoperta sono al centro dello spirito americano. Quando Colombo salpò dal porto di Palos sotto la bandiera spagnola, era orgoglioso del fatto di essere cittadino di Genova, in Italia. La celebrazione del Columbus Day è, quindi, un’opportunità per dare riconoscimento agli oltre 16 milioni di americani che hanno radici italiane e per tramandare l’eredità di generazioni di italoamericani che hanno contribuito a plasmare la nostra nazione. Gli Stati Uniti apprezzano molto il loro stretto legame con l’Italia, un amico di lunga data, un alleato e un partner economico. Della nostra relazione, costruita su valori condivisi e un impegno per promuovere la pace e la prosperità, continuano a beneficiare entrambe le nostre nazioni. L’audace viaggio di Colombo nel Nuovo Mondo ha riunito due continenti, consentendo per la prima volta una prospettiva globale. L’audace eredità di Colombo e del suo equipaggio è un filo conduttore che si snoda attraverso la lunga storia degli americani che hanno ampliato i confini dell’esplorazione. Dal Columbus Day traiamo ispirazione dall’intrepido spirito di avventura di questo pioniere. Affermiamo anche il nostro impegno a continuare la nostra ricerca per scoprire e comprendere meglio le meraviglie della nostra Nazione, del mondo e oltre. In commemorazione dello storico viaggio di Cristoforo Colombo, il Congresso, con la risoluzione del 30 aprile 1934 – modificata nel 1968 (36 USC 107) – ha chiesto al Presidente di proclamare il secondo lunedì di ottobre di ogni anno come “Columbus Day”. Pertanto io, Donald J. Trump, presidente degli Stati Uniti d’America, in virtù dell’autorità che mi è stata attribuita dalla Costituzione e dalle leggi degli Stati Uniti, proclamo con la presente il 14 ottobre 2019, come Columbus Day. Chiedo al popolo degli Stati Uniti di osservare questo giorno con cerimonie e attività appropriate. Chiedo anche che la bandiera degli Stati Uniti sia esposta su tutti gli edifici pubblici in onore della nostra diversa storia e di tutti coloro che hanno contribuito a plasmare questa nazione.

PRESIDENTIAL PROCLAMATION ON COLUMBUS DAY 2019

The White House | Issued on:

On October 12, 1492, after a perilous, two-month journey across the treacherous Atlantic Ocean, Christopher Columbus and his crew aboard the Niña, Pinta, and Santa Maria landed in what is today The Bahamas.  This watershed voyage ushered in the Age of Exploration, changing the course of history and setting the foundation for development of our Nation.  Today, we commemorate this great explorer, whose courage, skill, and drive for discovery are at the core of the American spirit.

While Columbus sailed from the port of Palos under the Spanish flag, he took pride in the fact that he was a citizen of Genoa, Italy.  The celebration of Columbus Day is, therefore, an appropriate opportunity to recognize the more than 16 million Americans who claim Italian heritage and to carry forth the legacy of generations of Italian Americans who helped shape our Nation.  The United States greatly values its close bond with Italy, a longstanding friend, ally, and economic partner.  Our relationship, built on shared values and a commitment to furthering peace and prosperity, continues to benefit both of our nations.

Columbus’s daring voyage to the New World brought two continents together, enabling a global perspective for the first time.  The bold legacy of Columbus and his crew spun a thread that weaves through the extensive history of Americans who have pushed the boundaries of exploration.  On Columbus Day, we draw inspiration from this intrepid pioneer’s spirit of adventure.  We also affirm our commitment to continuing our quest to discover and better understand the wonders of our Nation, the world, and beyond.

In commemoration of Christopher Columbus’s historic voyage, the Congress, by joint resolution of April 30, 1934, and modified in 1968 (36 U.S.C. 107), as amended, has requested the President proclaim the second Monday of October of each year as “Columbus Day.”

NOW, THEREFORE, I, DONALD J. TRUMP, President of the United States of America, by virtue of the authority vested in me by the Constitution and the laws of the United States, do hereby proclaim October 14, 2019, as Columbus Day.  I call upon the people of the United States to observe this day with appropriate ceremonies and activities.  I also direct that the flag of the United States be displayed on all public buildings on the appointed day in honor of our diverse history and all who have contributed to shaping this Nation.

IN WITNESS WHEREOF, I have hereunto set my hand this eleventh day of October, in the year of our Lord two thousand nineteen, and of the Independence of the United States of America the two hundred and forty-fourth.


LEGGI ANCHE:

Amicizia italo americana, Pasquale Meola: al Columbus Day i Carabineri irpini

 

ARTICOLI CORRELATI