Con un centro in avanzata fase di realizzazione ad Avellino, con un altro che sarà inaugurato in estate a Sant’Angelo dei Lombardi, la provincia di Avellino potrebbe diventare riferimento e modello nell’assistenza gli affetti da autismo. Nascerà infatti ad Avellino la “Rete Integrata a favore dei Soggetti Affetti da Disturbo dello Spettro Autistico”.

La manager dell’Asl Avellino, Maria Morgante

Ne ha dato notizia l’Asl di Avellino in una nota nel pomeriggio. La svolta è seguita ad una serie di incontri e consultazioni realizzati tra ieri 6 febbraio ed oggi dall’Azienda Sanitaria Locale del Capoluogo.

«A seguito di un incontro con i Piani di Zona della provincia di Avellino, tenuto il 6 febbraio 2019 presso l’Asl di Avellino, e di un successivo incontro con le associazioni dei familiari, avvenuto in data odierna, in sintonia con quanto emerso dal confronto e dalle risoluzioni da adottare per rendere più efficace l’intervento a favore dei soggetti affetti da Dsa (Disturbo dello spettro autistico), la Direzione Strategica Aziendale ha previsto per il 12 febbraio 2019 un incontro congiunto tra Asl, Piani di Zona, Associazioni dei familiari, Provveditore agli studi e altri soggetti istituzionali per la costituzione di una rete integrata di interventi a favore dei soggetti affetti da disturbo dello spettro autistico», si legge nella nota diffusa dalla Direzione Generale dell’Azienda via degli Imbimbo.

Rosa Grano, provveditore agli studi di Avellino

I prossimi passaggi sono quelli davvero significativi per le famiglie, perché riguardano il merito delle prestazioni e della assistenza che potranno essere prestati ai cittadini interessati dalla Dsa. Sono certamente importanti le sedi fisiche dove sviluppare le attività, ma per l’utenza il punto sono le attività in sede, quelle scolastiche e quelle domiciliari. Per tutte queste ragioni, la rete metterà intorno al tavolo tutti gli attori che dovranno fornire, ciascuno per la propria parte, il contributo decisivo a rendere i presìdi efficaci, i servizi adeguati, la rete in grado di fornire un modello all’avanguardia, in linea con le aspettative dei genitori e delle famiglie interessate.

Uno scorcio dell’imponente edificio in cantiere da undici anni in via Serroni, nella frazione storica avellinese di Valle, destinato ad ospitare il Centro per l’Autismo

LO STATO DI AVANZAMENTO DEI LAVORI AD AVELLINO E SANT’ANGELO DEI LOMBARDI. Ad Avellino i lavori per il Centro di servizi e assistenza per l’Autismo sarà completato a maggio. Entro quella data saranno definite le procedure di esproprio dell’area, così come si era annunciato nelle scorse settimane che l’ente provvederà a programmare il funzionamento della struttura entro quella data, con la partecipazione dell’Aipa e delle altre associazioni presenti sul territorio. L’iniziativa dell’Asl di Avellino accelera quest’ultimo decisivo aspetto. Quando a Sant’Angelo dei Lombardi, dallo scorso 19 novembre sono iniziati nel presìdio ospedaliero dell’Alta Irpinia “Criscuoli” i lavori per la realizzazione del Centro per l’Autismo. Con 30 posti letto previsti, la struttura dovrà essere ultimata entro il prossimo mese di giugno 2019.


LEGGI ANCHE:

Autismo, fondamentale la diagnosi precoce. Il Cif con le famiglie