Il municipio di Grottaminarda

A Grottaminarda si infiamma la campagna elettorale, a pochi mesi dalla scadenza per le liste. Ma a dare segnali di vitalità non sono solo le forze politiche più meno tradizionali. Con una lettera aperta, i promotori del Comitato civico “Nuovi Orizzonti per Grotta” lanciano un appello pubblico alla città perché sposino il manifesto per il cambiamento della città a partire dai temi economici. Indicano quattro punti su cui fondare una nuova prospettiva per Grottaminarda, al di là della partita in corso sull’Alta Capacità, la cui programmazione, segnalano, è destinata a dare i frutti con il tempo.

Considerando Grottaminarda ormai un centro di riferimento nel contesto della provincia di Avellino per le sue potenzialità, propongono per Grotta il recupero della centralità nella Valle Ufita, attraverso il rilancio della sua economia, che va costruito su una “capacità progettuale che le consenta di risollevarsi e proiettarsi nel futuro recuperando l’orgoglio perduto”. E concludono: “Grottaminarda ha bisogno di ripartire subito e non di aspettare il 2030”, con riferimento ai tempi di completamento dell’Alta Capacità ferroviaria.

La premessa di questo manifesto è il rinnovamento del gruppo dirigente della città attivo negli ultimi quindici anni. Precisando di non voler “processare nessuno”, intendono affermare una diversa concezione dell’amministrare, fondata su un diverso rapporto con il potere. In definitiva, puntano a favorire la nascita di una nuova esperienza politica, coinvolgente nella società grottese, in grado di riaccendere entusiasmi e suscitare nuovi protagonismi, soprattutto sui giovani. Di seguito il testo integrale della lettera.


Rilanciare l’economia di Grotta ritrovando l’orgoglio

lettera aperta del Comitato civico “Nuovi Orizzonti per Grotta”

Castello d’Aquino Grottaminarda

Cari concittadini,
in vista delle prossime amministrative 2019 abbiamo dato vita ad un comitato civico che si avvale dell’impegno di un gruppo di persone espressione del tessuto socio economico che ha a cuore le sorti del nostro paese.

Il nostro sincero proposito è quello di dare voce e sostanza alle riflessioni della stragrande maggioranza dei cittadini i quali sottolineano l’arretramento che Grottaminarda ha avuto negli ultimi 15 anni e che induce molti a pensare che il paese abbia perso ogni slancio e vitalità e versi in uno stato di totale abbandono. Una condizione che risulta ancor più insopportabile ed ingiustificabile alla luce della sua strategica posizione geografica.

Per stile e comportamento non vogliamo processare nessuno ma di certo vi è una responsabilità diretta di chi ha “gestito” la vita politica ed amministrativa del nostro paese nel detto periodo, durante il quale l’azione amministrativa si è caratterizzata per l’esercizio del potere fine a se stesso e non teso alla tutela del bene comune.
È stato un modo di amministrare che ha allontanato il cittadino dalla partecipazione alla vita politica del paese relegandolo alla condizione di mero “abitante” lontano da ogni stimolo partecipativo. Noi vogliamo riavvicinare i cittadini alla nostra casa comune rendendoli di nuovo protagonisti.

Grotta ha bisogno di recuperare la sua centralità nella Valle dell’Ufita.
Grotta ha bisogno di vedere rilanciata la sua economia.
Grotta ha bisogno di una capacità progettuale che le consenta di risollevarsi e proiettarsi nel futuro recuperando l’orgoglio perduto.
Grotta ha bisogno di ripartire subito e non di aspettare il 2030!

La nostra iniziativa è inclusiva e, in quanto tale, aperta alla partecipazione di chiunque voglia contribuire con il proprio impegno alla crescita ed al rilancio della nostra cittadina.

Con l’auspicio che anche i giovani, liberi da condizionamenti, possano contribuire insieme a noi, con il loro entusiasmo, alla realizzazione del progetto comune.

Nuovi orizzonti per Grotta, per l’interesse ed il bene di tutti.

I firmatari: Lorenzo Assanti, Michelangelo Bruno, Giovanni De Donato, Claudio De Luca, Rocco De Luca, Michele Flammia, Franca Iacoviello, Tommaso Remondelli, Raffaele Villanova


LEGGI ANCHE: 

Grottaminarda, al Castello D’Aquino “La rivolta delle pecore” di Spiniello

Lioni Grottaminarda, l’appello di Confindustria: il Mise proroghi il commissario

Lioni Grottaminarda, le imprese hanno fermato i cantieri

Grottaminarda al voto, pressing sul Sindaco Cobino. Strategie e alleanze