Grottaminarda, a Carpignano gli operatori turistici di Basilicata e Campania

UNA LEZIONE SULL'ARTE PRESEPIALE NAPOLETANA. I Padri Mercedari sono pronti ad aprire le porte del refettorio nella frazione di Grottaminarda per affidare la gestione all'esterno. A Grottaminarda si inaugura lo sportello del Gal Irpinia

Domenica 16 dicembre presso il Santuario di Carpignano, frazione di Grottaminarda si confronteranno circa 30 Operatori di Marketing Culturale e Turistico della Basilicata e Campania, e assisteranno alla lezione sull’arte presepiale napoletana a cura di una studiosa esperta sul tema.

Sarà questa l’occasione, come ha annunciato la referente del corso Fernanda Ruggiero, per apprendere i dettagli della lezione sull’arte presepiale, che prevede un complesso studio a monte ed esclude l’approssimazione, ma soprattutto per aprire degli scambi di vedute fra le due sessioni di corsisti lucani e campani, nell’ottica della contaminazione positiva.

Ogni corsista inoltre, avrà l’onere di concorrere al buffet finale con prodotti tipici: dall’olio e il vino di Venosa ai fagioli di Calabritto, dal pane di Montecalvo alla pasta biologica di Sant’Angelo dei Lombardi. Anche la scelta della location da parte della struttura di formazione non è casuale: il Refettorio del Convento dei Padri Mercedari di Carpignano è munito di camere utili all’accoglienza e all’ospitalità. Non si esclude quindi, che i Padri Mercedari possano annunciare l’apertura del refettorio ad una eventuale gestione esterna.

La Madonna con Bambino di Carpignano

La comunità mercedaria carpignanese fu fondata da Padre Adolfo Londei, all’inizio del secolo scorso. Fu il primo superiore della comunità, giunto a Carpignano nel febbraio 1901, insieme a frate Ferdinando Bandiera e a Padre Antonio Giuliano. Dopo poco iniziarono la costruzione del nuovo convento. La prima pietra fu posta il 17 maggio 1902 e i lavori si conclusero nel 1907. All’interno si trova la famosa Madonna di Carpignano, o meglio il supporto datato secolo XII, in occasione dell’ultimo restauro nel 2004. L’immagine che si può ammirare all’interno è parte della ridipintura del XVI secolo, più voltr restaurata. È raffigurata una Madonna in trono con il Bambino. Incoronata, Maria è rappresentata seduta, con un ampio mantello decorato a stelle, mentre il Bambino è seduto sulle ginocchia della madre.

SI INAUGURA LO SPORTELLO DEL GAL IRPINIA. Sabato a Gtottaminarda si inagura lo sportello informativo del Gal Irpinia. Riguarda i 34 comuni rientranti nel consorzio. Lo sportello realizzerá una attività di programmazione, gestione e coordinamento delle azioni e delle attività, fornendo assistenza e consulenza tecnica specifica. Per l’occasione è stato promosso un convegno, introdotto dai saluti del Sindaco di Grottaminarda Angelo Cobino, del Presidente della Comunità Montana dell’Ufita, Carmine Famiglietti, del Presidente della Comunità Montana Alta Irpinia, Marcello Arminio e di Gerardo Iandolo, presidente della Comunità Montana Terminio Cervialto. Introdurrà i lavori Vanni Chieffo, Presidente del Gal Irpinia. Interverranno Mario Grasso, Direttore della CIA Campania e Salvatore Loffreda, direttore della Coldiretti Campania. Concluderano il consigliere regionale, Maurizio Petracca, Presidente della Commissione Agricoltura della Regione Campania, e Franco Alfieri, responsabile della Segreteria del Presidente Regione Campania. I lavori saranno coordinati da Virginia Pascucci, Assessore alle Attività Produttive del Comune di Grottaminarda.

LEGGI ANCHE:

Centro Guido Dorso, «competenze per uno sviluppo sostenibile» dell’Irpinia

“Un Distretto rurale per far crescere imprese e lavoro nelle Aree Interne”. Chieffo: “Ecco il piano del Gal Irpinia”