Lavoro pubblico, in Campania fino a 23mila posti nel 2019. Formazione da 1000 € al mese

Il 18 dicembre si chiude la manifestazione di interesse riservata ai Comuni che intendono aderire all'inziativa.

Regione: Piano lavoro pubblico si chiude la prima fase. Ad aprile il bando di concorso.

Ancora pochi giorni a disposizione dei Comuni della Campania per aderire alla Manifestazione d’interesse al Piano per il lavoro nelle pubbliche amministrazioni della Regione, pubblicata il 18 ottobre ed in scadenza il 18 di questo mese.

Finora all’appello hanno risposto soltanto un terzo delle 550 amministrazioni locali, un risultato al di sotto delle aspettative, che potrebbe in parte limitare la portata dell’operazione. Ma in Regione prevedono che nella fase finale possa registrarsi un’accelerazione nelle adesioni.

Il manifesto del Piano Lavoro

L’obiettivo del progetto di Palazzo Santa Lucia è selezionare, formare e qualificare, con le modalità del corso-concorso, 10 mila potenziali dipendenti pubblici (personale di area D e C), in possesso di diploma o laurea, da immettere negli organici della Regione e dei Comuni campani, che aderiranno all’iniziativa, a copertura delle posizioni già vacanti e di quelle che si libereranno a seguito dei pensionamenti previsti nel prossimo triennio.

Secondo uno studio, infatti, in questo lasso temporale dovrebbe esservi un turn-over di almeno 13 mila posizioni.

Sostanzialmente la Regione ha deciso di organizzare e farsi carico economicamente di un concorso unico per tutte le figure professionali che è necessario reclutare. Un’operazione complessa, articolata in diverse fasi, che prevede anche un percorso formativo retribuito.

Il vero e proprio bando di concorso dovrebbe essere pubblicato tra aprile e maggio. Non è difficile prevedere una massiccia partecipazione di giovani e meno giovani, anche grazie alla possibilità che non siano imposti – come richiesto da più parti – limiti di età, benché possa essere riservato un punteggio aggiuntivo ai concorrenti meno anziani.

Una opportunità che comprensibilmente accende speranze ed aspettative tra le persone in cerca della prima occupazione o di un lavoro stabile, ma pure da parte di chi negli ultimi anni è uscito dal mondo produttivo, a seguito della crisi.

Tra l’altro, il percorso formativo della durata di 10 mesi complessivi, comprensivo di tirocinio

La targa all’ingresso del palazzo che ospita la Giunta Regionale della Campania, nella suggestiva zona napoletana di Santa Lucia

direttamente presso gli enti che dovranno effettuare le assunzioni, sarà retribuito con l’importo di 1000 euro mensili.

Per intanto, l’iter dell’iniziativa prevede che a fine mese, si apra la fase di ricognizione del fabbisogno degli enti che hanno aderito al Piano e della stessa Regione, in collaborazione con la Commissione Interministeriale Ripam ed il Formez, attraverso la quale si potrà stabilire in maniera definitiva il numero totale dei posti di lavoro disponibili e le mansioni specifiche.

Lo stanziamento per l’intera procedura è di 104 milioni di euro. Le risorse saranno attinte dal Fondo sociale europeo e dal Fondo per lo sviluppo e la coesione.

LEGGI ANCHE:

In 200mila al concorso per 10mila posti nei Comuni. Le prove

Santaniello: “Piano assunzioni, una grande opportunità per la Campania”