Al via #FuturaAvellino, la città diventa laboratorio digitale

La città di Avellino è una delle 24 tappe nazionali scelte dal Ministero per l'Istruzione per raccontare la scuola digitale e la chiave di lettura innovativa che può determinare crescita e progresso sui territori. Mostre, convegni, workshop e laboratori: le scuole della provincia affollano la città

A partire da domani e fino a venerdì 5 ottobre, con #FuturaAvellino ad Avellino fa tappa il viaggio nazionale #FuturaItalia promosso dal Ministero dell’Istruzione.

Si tratta del primo hackathon civico in cui saranno protagoniste le scuole della Provincia di Avellino con il progetto “terr@dimezzo” interamente dedicato alle sfide del territorio. Il Civil Hack sarà una vera e propria maratona progettuale durante la quale studentesse e studenti, provenienti dalle scuole secondarie di tutta la provincia, con l’aiuto di mentori, esperti e ricercatori, lavoreranno insieme con l’obiettivo di contribuire alla crescita e al futuro sostenibile del territorio, soffermandosi sull’importanza del rilancio delle aree interne e dei piccoli centri della provincia attraverso l’innovazione tecnologica.


• SCARICA IL PROGRAMMA UFFICIALE DELLA MANIFESTAZIONE

• #FuturaAvellino #Terr@Dimezzo #PNSD | Tre giorni per il Piano Nazionale Scuola Digitale: formazione, dibattiti, esperienze

> GUARDA IL VIDEO PROMOZIONALE DEL MINISTERO | Clicca lo schermo in alto

• SCARICA L’AVVISO DEL MINISTERO PER il CIVIC HACK DI AVELLINO


La tre giorni di Avellino è uno dei 24 appuntamenti nazionali di #FuturaItalia, promossi dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca nel 2018, dedicati alla Scuola digitale. “terr@dimezzo” sarà un’occasione unica per raccontare la Scuola digitale e le sue buone pratiche in chiave innovativa, rappresentando al contempo i simboli che caratterizzano e rafforzano l’identità del territorio. “terr@dimezzo” si articolerà in workshop, laboratori didattici, proiezioni, “vetrine tecnologiche”, musica e arte digitale.

L’hackathon è un evento al quale partecipano, a vario titolo, esperti di diversi settori dell’informatica: sviluppatori di software, programmatori e grafici. Si tratta di una competizione di durata variabile che, a partire da una tema principale, propone delle sfide ai suoi partecipanti, i quali, organizzati in gruppi eterogenei, hanno il compito di affrontarle, ricercando e progettando nuove soluzioni, modelli, processi o servizi innovativi. Gli hackathon civici, come Civic Hack Avellino, sono costruiti intorno a sfide, problemi ed opportunità di sviluppo a livello urbano e/o territoriale.

La provincia di Avellino si conferma dunque a laboratorio di sperimentazione: nei giorni 3-4-5 ottobre 2018 la città si animerà con esperienze provenienti dal territorio, integrate con contributi a livello nazionale su temi della didattica in chiave innovativa e digitale, nonché su tematiche cruciali per il territorio dell’avellinese.

Assume grande rilevanza nel contesto geografico e politico irpino il “Soft Mobility Hack”, previsto nei locali della stazione di Avellino, che rappresenta un momento di incontro e confronto per tutte le realtà scolastiche nazionali che hanno vissuto o stanno vivendo nei loro territori di appartenenza processi di ripristino e rigenerazione di linee ferroviarie turistiche, in grado di attrarre nuovo turismo. Riflettori accesi dunque sul “ritorno al futuro. In viaggio verso Montella alla riscoperta della mobilità dolce” a bordo del treno Avellino- Rochetta, per poi recarsi presso le ex Officine del carcere Borbonico per i lavori del Soft Mobility Hack.

Terr@dimezzo sarà un’occasione unica per raccontare la Scuola digitale e le sue buone pratiche in chiave innovativa, rappresentando al contempo i simboli che caratterizzano e rafforzano l’identità del territorio.


IL MESSAGGIO DI AUGURI DEL SINDACO DI AVELLINO E DEL COMUNE