Moscati a Solofra, ultima verifica
sulla fusione con il Landolfi

Slitta a domani mattina la riunione della Commissione ospedaliera presso l'Azienda diretta da Angelo Percopo. In programma l'ultimo vero briefing sul riassetto dell'ex presidio Landolfi alla presenza del sindaco Michele Vignola

È slittato a questa mattina l’appuntamento in Commissione Ospedaliera per l’informativa sull’assetto del Moscati a Solofra.

Rinviato per la indisponibilità del Sindaco di Solofra, che sarà invece presente alla riunione decisiva di oggi, si attendono le ultime indicazioni dalle parti, segnatamente dal Comune, per rendere definitivamente operativo quello che il primo ottobre sarà a tutti gli effetti il primo stabilimento distaccato del Moscati, dopo la riunificazione del 2010.

Tra gli argomenti, infatti, c’è la sistemazione del Saut 118, che l’Asl ha destinato a locali nuovi presso il Landolfi, che nel frattempo si prepara ad attivare i nuovi servizi. Per l’espansione del Moscati a Solofra sembra essere ormai questione di pochi giorni. Domani mattina la Commissione ospedaliera dell’Azienda diretta da Angelo Percopo effettuerà l’ultimo vero briefing, in vista la settimana prossima della riunione conclusiva sull’assetto finale e il consolidamento dell’Atto aziendale.

Il presidio ospedaliero di Solofra ‘Landolfi’

L’Asl ha fatto sapere con una nota di essere disponibile a discutere con il Comune eventuali interventi per migliorare l’accessibilità (leggi il testo) e attende eventuali proposte migliorative.

Il Moscati a Solofra  é destinato a diventare centro di eccellenza per l’oculistica, con la specialità del trapianto di cornea, il nuovo Landolfi completerà gradualmente la sua metamorfosi. Nel frattempo in questi giorni è stato completato l’elenco dei trasferimenti dall’Asl al Moscati. Ben 250 le unità complessivamente accolte negli organici dell’Azienda Ospedaliera, che si prepara ad un inverno più tranquillo, dopo dieci anni di blocco del turn over, con una situazione emergenziale al pronto soccorso. Rispetto alla soglia ritenuta adeguata, mancano sempre un centinaio di unità, ma le nuove immissioni consentono alla Direzione Generale di riprogrammare tutti i servizi, stabilizzare le unitá e pianificare una ripresa della crescita con il piano di assunzioni in corso.

Nel corso della riunione di oggi, la Commissione ospedaliera dará alle organizzazioni sindacali, di categoria e all’Ordine dei Medici i necessari ragguagli, informandoli anche delle procedure in corso per  l’affidamento del Servizio di consulenza per il “monitoraggio dell’operazione straordinaria di annessione del Presidio Ospedaliero di Solofra all’Azienda ospedaliera Moscati di Avellino”. In base al decreto 29 firmato dal Governatore della Campania nelle sue funzioni di commissario ad acta per la Sanità regionale, entro il 30 settembre dovrà essere consegnato l’Atto Aziendale definitivamente stabilizzato. Per quella stessa giornata il Direttore Generale sarà atteso a Napoli per il confronto finale presso la struttura commissariale, quando la fusione Moscati-Landolfi sarà dichiarata compiuta.

Dossier Sanità

In 250 andranno dall’Asl al Moscati

L’eccellenza ospedaliera al centro

Il futuro del Landolfi con la specialistica

Così l’Asl si riorganizza senza Solofra