Con la delibera numero 1269 del 4 settembre, la direzione generale dell’Asl di Avellino approva e inoltra alla Regione Campania lo studio di fattibilità del Centro per l’Autismo presso l’ospedale Criscuoli di Sant’Angelo dei Lombardi, inserito nel più generale accordo di programma degli investimenti di edilizia sanitaria.


ARCHIVIO. Procedure avviate da fine 2017

Lo studio di fattibilità- che ammonta a 300mila euro di investimenti- (a fronte dell’investimento complessivo stimabile intorno ai 928mila e 700 euro circa, di cui 44mila sono ascrivibili a costi di sicurezza non soggetti a procedura di ribasso) riguarda l’acquisto delle attrezzature e include anche interventi alla Rsa della Struttura Polifunzionale per la Salute Di Bisaccia. Il “centro semiresidenziale per la cura del disturbo dello spettro autistico” è strutturato in due moduli tecnico-operativi di assistenza, come si legge nella delibera, indipendenti sotto l’aspetto funzionale ed organizzativo. Il primo riguarda una struttura per l’accoglienza di 20 giovani adulti di età superiore ai 18 anni; e il secondo è una struttura per l’accoglienza di 10 adolescenti di età inferiore ai 18 anni.

I lavori presso la struttura di Sant’Angelo dei Lombardi partiranno in autunno. Il centro è stato progettato per soddisfare i requisiti minimi strutturali, funzionali e amministrativi, in particolare attraverso la realizzazione, per ognuno dei moduli, di un laboratorio per attività cognitive (multimediali, fotografia, etc), un laboratorio per attività espressive (musica, danza ed altri), un laboratorio per attività creative (come la ceramica e la pittura) e un laboratorio per attività pedagogiche/educative, oltre ad un locale palestra comune ad entrambi i moduli.

Nell’acquisizione degli arredi, attrezzature e tecnologie infatti, il piano prevede risorse tecnologiche per lo svolgimento di prestazioni da parte dei medici specialistici e degli altri operatori professionali coinvolti; ausili alla comunicazione di bassa, media e alta tecnologia; attrezzature e presidi specifici per le varie tipologie di esercizio terapeutico e riabilitativo negli ambienti dedicati e per attività individuali e di gruppo; apparecchiature per il pronto soccorso e le gestione delle emergenze; e infine, arredi per ambienti e locali dei medici.

Il direttore sanitario del presidio Angelo Frieri, conferma che i lavori partiranno in autunno, e che riguarderanno una superficie di circa mille e 200 metri quadri, ubicati al primo piano nei locali adiacenti alla direzione sanitaria.

Nessun accenno invece alla gestione del centro e all’incremento di personale deputato. L’apertura del centro per l’autismo al Criscuoli intanto, si è inserito in una rosa di ‘investimenti’ di servizi che ha reso necessaria una pianificazione oculata degli spazi per concertare l’efficientamento delle attività. Altro nodo che resta da sciogliere, e che sarà affrontato nelle prossime settimane, potrebbe essere l’adeguamento del servizio di trasporto pubblico locale, per consentire all’utenza di raggiungere il presidio altirpino con maggiore flessibilità.