Todisco apre al sindaco Ciampi e ai Cinquestelle

Il consigliere regionale di Mdp chiede alla coalizione di centrosinistra di aprire un confronto con il nuovo sindaco di Avellino. L'obbiettivo è evitare trattative sottobanco e mettere nell'angolo il centrodestra.

Il consigliere regionale e coordinatore provinciale di Articolo Uno, Francesco Todisco, apre al sindaco del capoluogo irpino Vincenzo Ciampi e ai Cinquestelle. Pur avendo sostenuto con la lista “Avellino libera è progressista” il candidato Nello Pizza, l’esponente di sinistra ritiene necessario avviare un dialogo con gli avversari: «La città ha votato inequivocabilmente per una svolta. Ogni atteggiamento rivolto ad impedire di governare al sindaco eletto con il 60% dei voti sarebbe incomprensibile agli elettori e rappresenterebbe un danno alla città».

La formazione, nata da un’intesa tra i rappresentanti di Mdp, il consigliere regionale centrista, Vincenzo Alaia, ed altri esponenti di area progressista, può contare sulla presenza in aula della consigliera uscente Adriana Percopo, che è stata confermata con 258 voti di preferenze personali, lasciando alle proprie spalle il dalemiano Carmine Schettino, che con i suoi 240 voti, non è riuscito ad entrare nell’assemblea di Piazza del Popolo.

« Occorre evitare – prosegue Todisco – l’errore fatto dopo le politiche del 4 marzo, quando è stato rifiutato in via pregiudiziale ogni confronto con il Movimento Cinque Stelle».

Francesco Todisco e Nello Pizza durante un incontro della campagna elettorale

Temendo che si apra una campagna di compravendita di consiglieri del centrosinistra e trattative a titolo personale, il numero uno di Mdp lanciare una proposta di dialogo: « Occorre stabilire un metodo di confronto sulle cose da fare nell’interesse della città. Alla luce del sole, chiudendo ogni spazio per trattative sottobanco e di pessimo conio, operazioni trasformistiche e acquisti di consiglieri».

Ma la prima mossa dovrà farla il nuovo sindaco del capoluogo: «Spetta a Ciampi l’onere della proposta sulle scelte prioritarie su cui vuole caratterizzare la sua amministrazione, ma spetta a lui anche una capacità di ascolto sulle proposte di cui il centrosinistra vuole farsi carico. E su questo terreno toccherà alle forze che hanno sostenuto Nello Pizza non consentire confusioni e relazioni ambigue in consiglio comunale con quelle forze che sono state seccamente rifiutate dalla città».

La posizione di Todisco però non appare in sintonia con quanto è emerso, in queste ore, nei primissimi confronti interni alla delegazione degli eletti del centrosinistra e soprattutto rispetto alla linea resa nota dalla componente demitiana, con le liste “Avellino è popolare” e “Avellino rinasce”, che hanno confermato l’intenzione di voler rispettare il mandato elettorale, restando all’opposizione.