La Campania è zona rossa fino al 18 aprile. Scuola, in classe fino alla prima media. Le regole

STOP ALLA MOBILITÀ ANCHE ALL'INTERNO DEL PROPRIO COMUNE SALVO PER LAVORO, SALUTE O NECESSITÀ. In vigore le misure di contenimento epidemiologico stabilite dalla ordinanza ministeriale. Sospesi parrucchieri e centri estetici. In attività solo i negozi per le prime necessità. Ecco le nuove limitazioni e il calendario

La Campania è zona rossa fino al 18 aprile. L’ordinanza ministeriale dell’8 marzo, già confermata per 15 giorni il 19 marzo e il 2 aprile, è in vigore per anche questa settimana. Il Ministero della Salute ha confermato le restrizioni valutando l’attuale quadro epidemiologico, in attesa della verifica prevista giovedì. Dal 12 aprile con la Campania la nuova ordinanza colloca nella zona rossa anche Sardegna (un mese fa era in zona bianca), Valle d’Aosta e Puglia. Tutte le altre regioni sono nella fascia arancione, dove approdano Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte e Toscana. Per la circolazione ancora sostenuta del Covid e delle sue varianti, soprattutto quella inglese, il Governo impone fino al 30 aprile le disposizioni della zona arancione anche nelle regioni in fascia gialla e lo stop della mobilità interregionale. In Campania fino al 18 aprile vige l’obbligo di restare a casa, salvo per motivi di lavoro, salute o necessità che vanno autocertificati (scarica il modello). Se non si dispone di un modello lo forniranno al momento del controllo le forze dell’ordine. Resta sospesa l’attività in presenza delle scuole dalla seconda media alle superiori (con la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali), mentre sono aperti gli asili, la primaria e la prima media. Chiusi parrucchieri, barbieri e centri estetici. Di seguito le regole secondo il calendario.


Le regole

ZONA ROSSA FINO AL 18 APRILE: LE REGOLE.  Nei giorni fino al 18 aprile sono in vigore le regole della zona rossa. Occorre stare a casa. Sono possibili gli spostamenti per motivi di lavoro, salute e necessità con autocertificazione (scarica il modello). Sono autorizzati l’attività motoria nei pressi della propria abitazione e quella sportiva all’aperto ma solo in forma individuale. Sono chiusi i negozi (salvo quelli per la vendita di beni di prima necessità), i bar e i ristoranti, ma sono consentiti asporto (fino alle ore 22) e consegne a domicilio (senza restrizioni). Sospesi i servizi alla persona come parrucchieri, barbieri e centri estetici. Sono aperti: supermercati, beni alimentari e generi di prima necessità, farmacie e parafarmacie, edicole, tabaccherie, lavanderie.

LE LEZIONI IN PRESENZA FINO ALLA PRIMA MEDIA. APERTA ANCHE LA SCUOLA DELL’INFANZIA. Asili nidi, elementari e prima media sono aperti anche in zona rossa. Il Decreto-legge del 31 marzo 2021 dispone che dal 7 al 30 aprile 2021 sia assicurato “inderogabilmente, sull’intero territorio nazionale, lo svolgimento in presenza dei servizi educativi per l’infanzia e della scuola dell’infanzia, nonché dell’attività didattica del primo ciclo di istruzione e del primo anno della scuola secondaria di primo grado”.

MEDIE E SUPERIORI A DISTANZA NELLA ZONA ROSSA, IN PRESENZA PARZIALE (DAL 50 AL 75%) IN FASCIA ARANCIONE.  Per i successivi gradi di istruzione (le medie dal secondo anno e le superiori) dal 7 aprile lo svolgimento delle attività è in presenza dal 50% al 75% della popolazione studentesca in zona arancione mentre in zona rossa le relative attività si svolgono a distanza, garantendo comunque la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali. In Campania, quindi, sono a distanza le lezioni dalla seconda media e per i successivi gradi di istruzione.

La Prefettura di Napoli

Documentazione

IL VADEMECUM DEL GOVERNO. Per informazioni su ciò che si può fare nella Zona Rossa si può consultare il vademecum preparato dal Governo: AREE ROSSA, ARANCIONE E GIALLA: istruzioni e regole


LEGGI ANCHE:

In Campania i positivi al Covid-19 salgono per 4.079 casi con 40 morti. Zona rossa dal 15 novembre

Vaccinazione Covid dai 60 anni in su: in Campania prenotazioni in corso. Il link

 

 

ARTICOLI CORRELATI