Mascherine obbligatorie all’aperto in Campania, De Luca al governo: mobilitare la forza pubblica sui controlli

IL GOVERNATORE SCRIVE AL MINISTRO DELL'INTERNO: MASSIMO RIGORE NELLA VERIFICA O SI RISCHIA. Confermata la rilevazione della temperatura all'ingresso degli uffici pubblici e la identificazione dei clienti nei locali pubblici. Ecco il testo della ordinanza 72 del 24 settembre

Fino al 4 ottobre mascherine obbligatorie all’aperto in Campania per arginare l’escalation dell’epidemia. Scattata una nuova stretta anti-covid disposta dal Governatore Vincenzo De Luca, decisa a conclusione della riunione dell’Unità di Crisi di ieri. Tuttavia non tutti stanno ottemperando. In queste ore il monitoraggio dice che in molti continuano a non indossare il presìdio sanitario, aumentando il rischio di diffusione esponenziale dell’infezione virale. Quello che sta accadendo in Francia, dove si è arrivati a 14mila casi al giorno, ma anche in altri Paesi europei tra cui Gran Bretagna e Spagna, spaventa il Governatore De Luca, che ha chiesto al Governo un giro di vite sui controlli con la forza pubblica. Facendo riferimento all’ordinanza n.72 del 24 settembre 2020, con cui su rende obbligatoria per tutta la giornata la mascherina protettiva, il Presidente Vincenzo De Luca ha scritto al Ministro dell’Interno chiedendo di definire un piano di impegno straordinario delle forze dell’ordine per garantire il rispetto delle misure di prevenzione e sicurezza sanitaria.

Luciana Lamorgese, Ministro dell’Interno

«Sollecitiamo il Ministro a comunicare il piano, in quanto come più volte segnalato, ogni misura sarà vana se non sarà assicurato un capillare controllo sul territorio in ordine all’osservanza delle prescrizioni volte al contenimento dei contagi», ha scritto De Luca nella lettera inviata il 23 settembre. «Si rinnova pertanto la richiesta di un impegno straordinario delle Forze dell’Ordine in campo e di un incremento numerico delle stesse, indispensabili all’efficacia delle attività di controllo inerenti all’emergenza».

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte

SCUOLA: EVITARE SPOSTAMENTI DEGLI INSEGNANTI TRA REGIONI E SOPPERIRE ALLA MANCANZA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO. In relazione all’avvio dell’anno scolastico, il Presidente De Luca ha inoltre «di nuovo segnalato al Governo, con una lettera inviata al Presidente del Consiglio e al Ministro per l’Istruzione, la necessità di approntare un piano per evitare spostamenti interregionali degli insegnanti e per sopperire alla mancanza di docenti di sostegno», si legge in una nota diffusa dall’Unità di crisi. «Si insiste nella richiesta di adozione di ogni atto necessario ad implementare le unità di sostegno da destinare alle scuole della Campania, anche in deroga al regime ordinario, per garantire la continuità didattica degli alunni con disabilità, e si segnala la pressante esigenza – nel contesto epidemiologico che si registra sul territorio regionale e a livello nazionale – di evitare la mobilità interregionale del corpo docente per i rischi di diffusione del contagio ad essa connessa».

Task Force Coronavirus in Campania, ecco il team. Guida Italo Giulivo. Una conferenza stampa con il Presidente della Giunta Regionale della Campania, Vincenzo De Luca

DA IERI IN VIGORE L’ORDINANZA N.72. Il Presidente Vincenzo De Luca ha firmato giovedì l’ordinanza n.72 del 24 settembre 2020, che contiene ulteriori misure per la prevenzione e la sicurezza, a partire dalle mascherine obbligatorie all’aperto in Campania. Su tutto il territorio regionale, «con decorrenza dal 24 settembre 2020 e fino al 4 ottobre 2020, fatta salva l’adozione di ulteriori provvedimenti in conseguenza della rilevazione quotidiana dei dati epidemiologici della regione, viene disposto l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto», si legge nell’ordinanza. «Occorre ripristinare immediatamente comportamenti responsabili, a maggior ragione con l’apertura delle scuole. Se vogliamo evitare chiusure generalizzate è necessario il massimo rigore», ha dichiarato il Presidente De Luca. L’ordinanza conferma le 4 principali misure di contenimento. Di seguito sono riportate.

RILEVAZIONE OBBLIGATORIA DELLA TEMPERATURA ALL’INGRESSO DEGLI UFFICI PUBBLICI. Sono state «ulteriormente confermate le disposizioni di cui all’Ordinanza regionale n.66 dell’8 agosto 2020, concernenti l’obbligo di rilevare la temperatura corporea dei dipendenti ed utenti degli uffici pubblici ed aperti al pubblico e di impedire l’ingresso, contattando il Dipartimento di prevenzione della ASL competente, laddove venga rilevata una temperatura superiore a 37,5 gradi C°».

Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania durante il suo videomessaggio

MASCHERINE OBBLIGATORIE PER L’INTERA GIORNATA: ESENTATI I BAMBINI FINO A 6 ANNI. La Regione Campania ha disposto «l’obbligo su tutto il territorio regionale di indossare la mascherina anche nei luoghi all’aperto». Ciò vale «durante l’intero arco della giornata, a prescindere dalla distanza interpersonale, fatte salve le previsioni degli specifici protocolli di settore vigenti (ad esempio per le attività di ristorazione, bar, sport all’aperto). L’obbligo rimane escluso per i bambini al di sotto dei sei anni, per i portatori di patologie incompatibili con l’uso della mascherina e durante l’esercizio in forma individuale di attività motoria e/o sportiva».

«RILEVAZIONE DELLA TEMPERATURA ALL’INGRESSO DI NEGOZI, ESERCIZI CIOMMERCIALI E CIRCOLI NON ALL’APERTO». La Regione Campania ha stabilito «l’obbligo ai titolari di esercizi commerciali, culturali, ricreativi, o comunque aperti al pubblico, non all’aperto, di effettuare la misurazione della temperatura corporea all’ingresso dei locali di esercizio e di assicurare la presenza di dispenser di gel e/o soluzioni igienizzanti, subordinando l’accesso ai locali alla previa igienizzazione delle mani e al riscontro di temperatura inferiore a 37,5 gradi C°»,

NEI LOCALI PUBBLICI I GESTORI DEVONO IDENTIFICARE I CLIENTI PER AGEVOLARE IL CONTACT TRACER. Infine, «si richiamano tutti gli esercenti, gestori ed utenti alla stretta osservanza delle misure di prevenzione e sicurezza. Al fine di rendere tempestiva la corretta ricostruzione degli eventuali casi da “contatto stretto”, vi è l’obbligo della identificazione di almeno un soggetto per tavolo o per gruppo di avventori attraverso la rilevazione e conservazione dei dati con idoneo documento di identità».


Mascherine obbligatorie all’aperto in Campania | SCARICA l’ordinanza n.72 del 24 settembre 2020 su mascherine e norme anti-covid


LEGGI ANCHE:

In Campania i positivi al Covid-19 sono 248 in 24 ore. Impennata alla vigilia della ripresa scolastica

ARTICOLI CORRELATI