Pd di Pratola Serra: fuori dal partito gli ‘scalatori’

Con una nota i dirigenti locali auspicano un congresso che rimetta al centro i valori, l'appartenenza e la voglia di fare politica dei cittadini, con regole chiare che impediscano il sabotaggio della consultazione democratica attraverso l'acquisto di tessere a pacchetti o blocchi. "Si faccia chiarezza sulla appartenenza anche nel gruppo dirigente"

La platea della Sala Blu durante l'intervento del vice segretario del Pd, Paola De Micheli, a sostegno del candudayo sindaco Luca Cipriano. In prima fila Nicola Mancino, Enzo De Luca, Roberta Santaniello

Il Circolo Pd di Pratola Serra interviene nel dibattito interno al Partito Democratico, nelle ore successive alla sentenza del giudice che ne ha azzerato i vertici, annullando il congresso provinciale del 2018. Con una nota si fanno proprie le posizioni espresse in particolare da Enzo De Luca e Roberta Santaniello, che in interventi pubblici hanno auspicato la ripartenza del partito a partire da un confronto sulle idee e non sui pacchetti di tessere, sottolineando la decisiva funzione del radicamento territoriale. “In relazione agli avvenimenti politici delle ultime settimane il Circolo «Moro-Berlinguer» di Pratola Serra, nel ribadire solidarietà e fiducia al segretario Crescenzo Fabrizio, sottolinea la necessità di rafforzare la presenza del partito nelle comunità e sul territorio provinciale perseguendo i valori dell’unità e della trasparenza”, afferma in premessa.

La sede del Coordinamento provinciale PD ad Avellino, in via Tagliamento

“Come circolo di Pratola Serra non possiamo che essere d’accordo con Enzo de Luca quando afferma che il prossimo congresso provinciale dovrà essere l’occasione per chiarire chi davvero si sente parte della comunità del Partito Democratico e vuole continuare a farne parte”, si legge ancora. Allo stesso tempo, “come circolo saremo vigili e attenti a non trasformare eventuali riaperture del tesseramento in occasioni per alterare la vita democratica interna, quindi ci opporremo con fermezza a pratiche di ‘acquisti di tessere’ per persone spesso ignare della loro adesione, se non addirittura elettori di altre formazioni politiche”. Da Pratola Serra si sottolinea la necessità di dare la parola ai cittadini che si ritrovano nei valori alla base del partito, pronti ad aderire a viso aperto. “Siamo quindi d’accordo con Roberta Santaniello, che auspica un tesseramento senza portatori di tessere, ma con persone in carne e ossa che abbiano intenzione di essere protagoniste e dare un contributo”.

Come circolo, infine, “non possiamo esimerci dal ringraziare Giuseppe Di Guglielmo, che nel suo ruolo di segretario provinciale ha mostrato attenzione  e impegno per la nostra comunità, favorendo le iniziative parlamentari dell’on. Chiara Gribaudo a sostegno della vertenza dei lavoratori dello stabilimento FCA di Pratola Serra”, si legge in conclusione nella nota.


LEGGI ANCHE

Pd Avellino azzerato dal giudice, ora commissario e congresso. Ciarcia: per me è una vittoria amara

Vince Ciarcia, annullato il congresso del Pd irpino. Arriva il commissario

 

 

ARTICOLI CORRELATI