L’Irpinia torna nella morsa del gelo, ondata di neve in arrivo

Da questa notte nevica ininterrottamente da Montemarano a Lioni, da Bagnoli a Bisaccia dove i sindaci hanno emesso ordinanza di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado. Mezzi spargisale e spartineve in azione dalle prime luci dell'alba per fronteggiare all'ondata di neve e gelo che si è abbattuta sul territorio provinciale

L’aria polare aggredisce l’Alta Irpinia, dove i sindaci hanno chiuso le scuole in tutti i comuni. Da Montemarano a Monteverde, da Bagnoli Irpino a Bisaccia, le precipitazioni nevose che hanno interessato la parte alta del territorio provinciale hanno resa necessaria la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, dove al momento sono in azione i mezzi spargisale e spartineve. L’allerta meteo dei Vigili del Fuoco del Comando di Via Zigarelli ad Avellino intanto è durata fino alle 12.00 di oggi. Non sono stati registrati particolari interventi, così come non sono state rilevate particolari criticità.

Come preannunciato dalle previsioni, la fascia appenninica del Mezzogiorno sarà interessata da una nuova ondata di maltempo. Da questa notte e fino a domani sono previste incursioni dell’aria polare, che comporterà piogge e temporali, ma soprattutto neve fino a bassa quota.

Fra le regioni maggiormente interessate si citano le Marche, l’Abruzzo, il Molise e la Puglia, con il pieno coinvolgimento dell’Irpinia, dove sono previste nevicate fino ai 300 metri sul livello del mare. Neve dunque anche in collina. A partire da venerdì la perturbazione interesserà la fascia adriatica, dall’Abruzzo alla Puglia con il pesante rischio di coinvolgimento della provincia di Avellino. Sono previsti infatti rovesci su Basilicata, Calabria e Sicilia con quota neve relativamente più elevata.

Si dovrà attendere la giornata di sabato per i primi miglioramenti. Il clima rigido intanto, persisterà su tutto il Paese. Le amministrazioni comunali diramano bollettini di “buone pratiche” invitando i cittadini a verificare i contatori dell’acqua per impedirne il congelamento, e a non esporsi al rischio di mettersi al volante in assenza delle opportune