Pics, Avellino tra i primi 19 in Campania
De Angelis: sui fondi Ue ci siamo

RICONOSCIMENTO ALL'UFFICIO E AL SINDACO FOTI. L'amministrazione comunale incassa il disco verde sul programma promosso dal Sindaco Paolo Foti ora in istruttoria con il successore Vincenzo Ciampi

Riconoscimento agli Uffici comunali di Avellino in materia di Fondi Ue. «Avellino è tra i primi 19 Comuni che ha predisposto e trasmesso, in via istruttoria, progetti preliminari del Pics, Progetto Integrato Città Sostenibili, una misura dell’asse dieci che interessa, per l’appunto, 19 città della Campania».

In una nota l’Assessore ai Fondi Europei del Comune di Avellino, Carmine De Angelis, esprime soddisfazione per l’avvenuto inserimento del programma di Avellino nel novero di quelli attivabili in Campania, per quanto si stia parlando ancora di un preliminare e non di progetti cantierabili.

L’assessore del Comune di Avellino, Carmine De Angelis, sindaco di Chiusano San Domenico

Carmine De Angelis coglie l’occasione per annunciare il ciclo di iniziative sull’Europa che partirà venerdì mattina 19 ottobre dalle 9.30 a Villa Amendola. «Ricco il parterre degli ospiti che vedrà, oltre alla partecipazione dell’assessore De Angelis e del sindaco Vincenzo Ciampi, anche quella di una serie di docenti di spessore», si legge ancora.

«La nostra amministrazione sta utilizzando al meglio i fondi europei», afferma il Sindaco di Chiusano San Domenico nel suo ruolo ad Avellino. «L’Europa delle possibilità è anche un’Europa della capacità amministrativa, questo è il messaggio principale che vogliamo lanciare». Per questo, «Insieme al sindaco, ci stiamo attivando al meglio per intercettare i finanziamenti che vengono dall’Europa e che saranno utilizzati per lo sviluppo del capoluogo». Al seminario prenderanno parte anche alcuni istituti scolastici di Avellino. «Nel corso dell’incontro, l’assessore De Angelis illustrerà anche altre iniziative inerenti i fondi europei ed il Comune».


Programma Integrato Città Sostenibile (PICS) Avellino 

(Fonte: Comune di Avellino)

• Centro di promozione culturale: Casa di “Victor Hugo” € 2.000.000

• Sala multimediale di esposizione dei prodotti tipici dell’Area Vasta di Avellino – completamento dei lavori di restauro del Castello longobardo € 400.000

• Museo Civico Villa Amendola-giardino orto botanico: completamento € 160.000 •

• Restauro Fontana di Bellerofonte-Itinerario “Gli occhi di mare” € 80.000

• Agenzia di promozione turistica dell’Area Vasta di Avellino – completamento dei lavori di restauro del Casina del Principe € 100.000

• Valorizzazione e restauro del Palazzotto – ex Casino Spinola con corte/giardino per eventi culturali € 800.000

• Itinerari turistici del centro storico per la SMART City: comunicazione, app e strumenti tecnologici per una città innovativa € 800.000

• Sistema integrato di accesso turistico alla SMART City: asse storico di Corso Umberto I – via Francesco Tedesco – Largo S. Spirito – Porta EST della Città di Avellino €1.120.000

• Rigenerazione energetica e ambientale dell’asse storico per la SMART City per Corso Umberto I -via F. Tedesco – Porta EST della Città di Avellino € 1.000.000

• Rigenerazione energetica ed ambientale dell’asse storico per la SMART City perViale Italia – Porta OVEST della Città di Avellino € 500.000

• Istituto Ricerca sulle devianze dello sviluppo,sulle disabilità prima infanziae alloggi a rotazione e Parco dell’infanzia, Quartiere Valle € 2.750.688,74

• Centro servizi e “Appartamenti sociali”, quartiere Valle € 1.880.000

• Antica Dogana: Centro servizi per i giovani € 4.000.000

• Rilancio economico del centro storico € 2.340.000

TOTALE € 17.930.688,74 


Gli uffici della Regione Campania ad Avellino

LA SCHEDA REGIONALE. L’Asse 10 del Por è stato dedicato allo sviluppo urbano delle 19 città medie che hanno realizzato i Programmi Integrati Urbani nel corso del precedente ciclo di programmazione 2007-2013. Tale scelta è determinata dall’esigenza di concentrazione degli interventi e trasversalità delle azioni tematiche, attraverso un unico e partecipato modello di governace. L’attribuzione dello status di Organismo Intermedio ex Art. 7 del Reg CE è in ogni caso subordinato alla verifica del possesso dei requisiti indicati nel Regolamento Generale e FESR. La Regione Campania, attraverso la realizzazione della strategia integrata per lo sviluppo urbano intende migliorare la qualità della vita nelle aree urbane attraverso quattro driver:

a) contrasto alla povertà ed al disagio (OT9 Promuovere l’inclusione sociale, combattere la povertà e ogni forma di discriminazione, OT3 in particolare per quanto riguarda il rafforzamento delle attività economiche);

b) valorizzazione dell’identità culturale e turistica delle città (OT6 Tutelare l’ambiente e promuovere l’uso efficiente delle risorse);

c) miglioramento della sicurezza urbana (OT9 Promuovere l’inclusione sociale, combattere la povertà e ogni forma di discriminazione; OT4 Sostenere la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio in tutti i settori);

d) accessibilità dei servizi per i cittadini (OT9 Promuovere l’inclusione sociale, combattere la povertà e ogni forma di discriminazione).

I quattro driver vengono sviluppati in un quadro strategico complessivo di sviluppo della competitività e dell’innovazione delle città, rappresentato dall’attenzione posta sullo sviluppo di nuove imprese, sul rilancio di quelle esistenti e sulla ricollocazione dei lavoratori. Altro fronte è rappresentato dall’intento di valorizzare le risorse culturali e turistiche delle città, che pure possono rappresentare fonte di sviluppo.