Comune di Avellino: via Ciampi, il Pd firma la mozione: «Parola agli elettori»

La mozione potrebbe essere formalizzata all'inizio della prossima settimana, con l'accordo di tutti i gruppi dell'opposizione. Il Pd è deciso ad andare fino in fondo.Ma il Primo cittadino risponde subito e nomina il nuovo Segretario Generale dell'ente Capoluogo. Intanto, il Presidente del Consiglio comunale convoca la commissione sul Consuntivo.

Entro la prima settimana di novembre la consiliatura sarà terminata. Si voterà in Consiglio la sfiducia al sindaco restituendo la parola ai cittadini con le elezioni anticipate di primavera. «La parola torna agli elettori», spiegano i Democratici, in sintonia con le Opposizioni. Il Pd è pronto a firmare la sfiducia al sindaco di Avellino, Vincenzo Ciampi. Ecco le tappe del percorso.

La capogruppo democratica Enza Ambrosone ha convocato per venerdì pomeriggio la delegazione di Piazza del Popolo, per discutere su modi e tempi dell’iniziativa.

Sarà necessario concordare con gli altri esponenti dell’opposizione un testo condiviso da tutti che, in base allo statuto dell’ente, dovrà portare in calce la firma di almeno i due quinti dei consiglieri comunali (13 nel caso specifico) per essere formalizzato e posto all’ordine del giorno dell’assemblea municipale. La mozione viene messa in discussione non prima di dieci giorni e non oltre trenta dalla sua presentazione al Segretario generale. Se viene approvata, si procede allo scioglimento del consiglio ed alla nomina di un commissario ai sensi delle leggi vigenti.

Se il documento fosse ufficialmente depositato lunedì 22 ottobre, dunque, la seduta d’aula dovrà svolgersi non oltre il 21 novembre.

Lo scoglio che il Pd deve superare, che sostanzialmente ha determinato il rinvio della mozione, è quello delle elezioni provinciali previste per il 31 ottobre. Ma c’è anche la scadenza del Bilancio consuntivo 2017, per il quale i consiglieri hanno già ricevuto la diffida del prefetto di Avellino, Maria Tirone. Spetterà alla conferenza dei capigruppo, convocata per lunedì, fissare la data dell’adunanza, che presumibilmente potrebbe essere tra il 5 ed il 7 di novembre. C’è, quindi, tutto il tempo per sciogliere i principali nodi amministrativi e politici, prima di arrivare alla data chiave.

In queste ore, si sarebbero già registrati dei contatti tra Ambrosone e Luca Cipriano, il capogruppo di Mai Più+, per definire il testo della mozione da presentare, al quale dovranno dare la propria adesione i rappresentanti di Avellino è Popolare, Costantino Preziosi (La svolta inizia da te), Nadia Arace (Si può) e probabilmente Gianluca Gaeta, uno dei due consiglieri di Insieme Protagonisti. Complessivamente, con le firme di Pd e Davvero, si arriverebbe a quota 19 o 20 firme. Resterebbero fuori dalla conta Ettore Iacovacci di Avellino è democratica, Adriana Percopo di Avellino libera è progressista e Stefano Luongo, l’altro consigliere di Insieme Protagonisti, che pur se collocati all’opposizione hanno avviato una collaborazione con Ciampi, per la definizione delle linee programmatiche del sindaco.

Se le previsioni saranno confermate, dunque, i numeri dovrebbero essere più che sufficienti per sfiduciare il primo cittadino. In aula infatti sarà necessario che la mozione raccolga la maggioranza assoluta dei voti: 17 su 32 (escluso il sindaco).

Chiusa l’esperienza amministrativa, si tornerà alle urne in primavera.

LA REAZIONE DI CIAMPI: NOMINATO IL NUOVO SEGRETARIO GENERALE.  «Ho scelto il nuovo Segretario Generale del Comune di Avellino, Vincenzo Lissa», ha pubblicato un post su Facebook il Sindaco Vincenzo Ciampi. «Ho avuto un colloquio con lui dopo aver vagliato diversi nomi. Si tratta di una persona speciale, un irpino ma, soprattutto, un dirigente con un importante curriculum», scrive ancora. «Ha infatti ricoperto incarichi in Comuni come San Michele di Serino, Chiusano San Domenico, Montoro, Monteforte Irpino, Ariano Irpino, Castellammare di Stabia e Pomigliano d’Arco».

Ciampi ne ricorda le pubblicazioni. «È autore del volume “Casi e questioni di diritto degli Enti locali” pubblicato nell’anno 2006 dalla casa editrice Giappichelli di Torino» e del testo “Riflessioni sulla proprietà e i suoi vincoli” pubblicato nell’anno 2014 dalla casa editrice Cedam di Padova. Mi sono divertito a leggere una sua lettera del 2010, pubblicata dal Corriere della Sera, che lo ha reso famoso in tutta Italia. Il riferimento è (molti lo ricorderanno) alla missiva indirizzata ad un dirigente del Comune di Ariano ripresa  e pubblicata sul Corriere della Sera per iniziativa del giornalista e scrittore Gian Antonio Stella. Accusato di esprimersi in burocratese dallo stesso Stella, Lissa fu ospitato nel programma di approfondimento ‘La vita in diretta’ per replicare. Al tempo, era il settembre del 2010, era a capo della Segreteria Generale di Ariano. Lissa rivendicò il merito di aver ottenuto la stabilizzazione di 11 lavoratori socialmente utili, al di là dello stile insolito del suo scritto.

«Lissa ha la passione per la Filosofia, ama Kant. Anche io sono un appassionato degli idealisti. La frase: “Il cielo stellato sopra di me, la legge morale in me” della Critica della Ragion Pratica è un immortale riferimento dell’azione di chi è impegnato nella società come chi amministra o è un alto funzionario pubblico, come il nuovo segretario generale», conclude Ciampi, che fa gli auguri più sinceri di un proficuo lavoro per il bene della città e dei cittadini. Nell’attesa che arrivi il Commissario, quello del Sindaco sembra quasi un passaggio del testimone.

MAGGIO “CONVOCA” LA COMMISSIONE SUL CONSUNTIVO. Nel frattempo il Presidente del Consiglio comunale, Ugo Maggio, ha formalmente richiesto alla III Commissione di esprimersi nel merito del Consuntivo. Si tratta di un adempimento necessario imposto dal regolamento per ottenere la possibilità in Consiglio di procedere all’esame e alla approvazione del documento contabile. “Ai sensi dell’art.26 comma 2,3  del vigente Regolamento delle Commissioni Consiliari si trasmette la proposta di deliberazione di seguito elencata per il prescritto parere”, recita la missiva inviata a componenti della Commissione e ai Capigruppo consiliari. Oltre “Rendiconto della Gestione 2017”, sono in calendario le ratifiche delle variazioni di bilancio proposte dalla Giunta (Deliberazione di Giunta Comunale di variazioni al Bilancio 2018/2020 n.198 del 24/8/2018 e n.221 del 18/9/2018). Inoltre, c’è il riconoscimento del debito fuori bilancio per “Poste Italiane Servizio Report Gold”.