Sulla ceramica Ariano si allea con la Reggia di Caserta. Ecco il Protocollo

Il tricolle ha siglato un protocollo d'Intesa con il bene culturale diretto da Felicori. Nuova vetrina per gli artigiani del posto.

Ariano Irpino – la città di Ariano d’intesa con la Reggia di Caserta diretta dal dottor Mauro Felicori. Siglato accordo. La finalità è quella di inserire la ceramica arianese in un circuito di visibilità di portata internazionale. Una vetrina importante che forte della valenza e del traino del bene culturale Reggia può dare una spinta all’attività artigianale di Ariano.

Il Sindaco di Ariano, Domenico Gambacorta

Parte dell’Associazione Nazionale Italiana della ceramica, la realtà arianese potrà contare sulla contaminazione dell’ indotto turistico della Reggia, rappresentata dal dottore Mauro Felicori. La firma dell’accordo definisce l’inizio di una fase di collaborazione tra le parti in gioco. Fanno parte del circuito anche altri Comuni dell’Associazione quali Cava dei Tirreni, Cerreto Sannita, San Lorenzello, Vietri sul Mare.

Lo scopo è anche quello di stilare progetti comuni, scambiare esperienze e buone pratiche, nei rapporti con le autorità provinciali, regionali, nazionali ed europee per ottenere finanziamenti e promuovere il turismo. Tra i punti che saranno oggetto del nuovo accordo, c’è la manifestazione “Buongiorno Ceramica”. Evento speciale che si tiene ogni anno presso la Reggia e che ospita in mostra i lavori dei vari comuni partner. L’iniziativa è utile per dare possibilità ulteriori ai ceramisti di incontrare l’interesse di buyer internazionali.


Documento | IL PROTOCOLLO TRA IL COMUNE E LA REGGIA DI CASERTA

Mauro Felicori, Direttore della Reggia di Caserta

Riferimenti di valenza culturale e formativa della lavorazione della ceramica arianese sono il Museo della Ceramica e il Liceo Artistico Ruggiero II che all’interno dell’indirizzo Design ha un dipartimento disciplinare dedicato alla ceramica. Notizia graditissima per i ceramisti del tricolle.

Luigi Russo, ceramista

Luigi Russo, parte di un marchio familiare storico nel settore ha dichiarato, “ho appreso con gioia questa notizia e siccome è un’iniziativa estesa a sei città che si distinguono nel mondo della ceramica, è positivo anche il confronto con gli altri del settore”. L’azienda Russo è nata nel 1979 dalla passione di tre fratelli. Oggi, “sicuramente stiamo soffrendo perché l’artigianato è un prodotto che si rivolge ad un ceto medio alto ed è oneroso. La crisi ha colpito molto l’artigianato – prosegue Russo perchè i prodotti di nicchia soffrono in modo particolare in questo periodo”. Il caso dell’azienda arianese è quello di una srl fondata negli anni ottanta. “Nei tempi d’oro avevamo oltre trenta dipendenti. Oggi è molto diverso. Quindi questa iniziativa è importante per noi”.


LEGGI ANCHE. FELICORI DICE ADDIO ALLA REGGIA DAL PRIMO OTTOBRE

Una splendida immagine del complesso vanvitelliano della Reggia a Caserta