Cipriano sfida in tv Ciampi, che replica: la campagna elettorale è finita

Il capogruppo di Mai Più+ propone al sindaco di Avellino un faccia a faccia sulla crisi. In mattinata, a Piazza del Popolo, conferenza dei capigruppo per definire l'iter per la costituzione delle commissioni consiliari. Poi la nota del primo cittadino

«Chiedo al sindaco di Avellino Vincenzo Ciampi un confronto pubblico, in TV, come piace al Movimento 5 Stelle, lontano dai riti della politica, per parlare dritto e chiaro alla gente». Luca Cipriano, capogruppo di “Mai Più+” lancia la sfida al numero uno dell’amministrazione comunale del capoluogo, dopo che questi aveva bacchettato i nove consiglieri di opposizione che ieri avevano messo nero su bianco il testo per la mozione di sfiducia, in attesa che almeno altre quattro firme si aggiungessero in calce al documento, per depositarlo formalmente agli atti dell’assemblea municipale, per la discussione in aula.

Il Sindaco di Avellino, Vincenzo Ciampi

A stretto giro è arrivata la replica del Sindaco di Avellino: «Lavoriamo ogni giorno per il bene della città», ha fatto sapere in una nota. «A chi mi chiede confronti televisivi oggi ricordo che non siamo più in campagna elettorale. I cittadini hanno già scelto il loro sindaco, qualcuno se ne faccia una ragione. Se vogliono sfiduciarmi s’impegnassero a trovare più voti possibili per la mozione».

E anzi, Ciampi rincara la dose contro le opposizioni, non risparmiando attacchi al gruppo che sta consentendo al Sindaco di restare in sella: «Il confronto lo chiedano al Pd. Il sottoscritto, invece, si confronta ogni giorno con la città sulle emergenze e la quotidianità: opere pubbliche, servizi, quartieri, manutenzioni, urgenze dei cittadini in difficoltà. Per i dibattiti c’è il tempo che dedichiamo in aula di consiglio comunale».

In un post pubblicato sulla sua pagina Facebook, Ciampi aveva sollevato dubbi sull’operazione degli avversari per mandarlo a casa (leggi l’articolo) e sui tempi dell’iniziativa, rammentando che il suo mandato è cominciato soltanto in estate.

E tramite il diffuso social media era giunta anche la replica di uno dei firmatari della mozione. Ormai, infatti, la politica ed i rappresentanti istituzionali locali, proprio come quelli nazionali, utilizzano con sempre maggiore frequenza questi strumenti di comunicazione informale e veloce, per rilasciare dichiarazioni o informare l’opinione pubblica, anche su questioni di grande delicatezza.

Cipriano, quindi, ha spiegato il senso della sua proposta: «Un confronto in TV per spiegare bene agli avellinesi cosa sta succedendo al Comune. Se il sindaco è così certo della bontà del suo lavoro, allora non dovrebbe sottrarsi. Anzi… avrà una occasione in più per pubblicizzare il suo operato e le scelte del Movimento 5 Stelle. Scelga luogo e data».

La risposta, se ci sarà, è facile immaginare che verrà affidata al prossimo post. La schermaglia virtuale prosegue.

Intanto, bisognerà verificare se nel corso della giornata la consigliera di Si Può, Nadia Arace, deciderà di sciogliere la riserva sulla mozione, dopo che aveva chiesto agli estensori del documento di modificare o integrare alcuni passaggi del testo.

In mattinata è prevista la conferenza dei capigruppo per definire metodi e agenda di lavoro per la costituzione delle commissioni consiliari.

Diario della crisi

IL SINDACO CIAMPI: CON ME SFIDUCIATE I CITTADINI AVELLINESI

• PD E ‘DAVVERO’ PRONTI ALLA SFIDUCIA, MA PRIMA LE PROVINCIALI

• VIA ALLE COMMISSIONI, LA SFIDUCIA SI ALLONTANA