Protezione civile Campania: allerta meteo gialla fino al 2 novembre

L'avviso vale fino dalle 18 di oggi lunedì 1 novembre alle ore 9 di doman. Il bollettino: si prevedono precipitazioni sparse anche a carattere di rovescio e temporale, localmente anche intense

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un nuovo avviso di allerta meteo di colore Giallo valido a partire dalle 18 di stasera, lunedì 1 novembre, fino alle 9 di domani mattina, martedì 2 novembre, su tutta la Campania. Si prevedono precipitazioni sparse anche a carattere di rovescio e temporale, localmente anche intense. Possibili raffiche di vento nei temporali.​

Allerta meteo Gialla sulla Campania dalla Protezione civile Campania: allerta meteo gialla

I FATTORI DI RISCHIO. A questo quadro meteo è associato un possibile dissesto idrogeologico localizzato con criticità di livello Giallo e possibili fenomeni di impatto al suolo come: ruscellamenti superficiali e possibili fenomeni di trasporto di materiale; possibili allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno; scorrimento superficiale delle acque nelle sedi stradali, possibili fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche con tracimazione e coinvolgimento delle aree depresse; innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua, con inondazioni delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, ecc); possibili cadute massi in più punti del territorio; occasionali fenomeni franosi legati a condizioni idrogeologiche particolarmente fragili.​

ALLERTA PER LE ISTITUZIONI LOCALI. L​a Protezione Civile della Regione Campania raccomanda agli enti competenti di porre in essere tutte le misure atte a mitigare e contrastare i fenomeni attesi, anche in linea con i rispettivi Piani comunali.


LEGGI ANCHE:

In Campania i positivi al Covid-19 sono 1.106 con 46 morti. Boom di guariti. Le tabelle

Green pass con la terza dose vale 12 mesi. Entro l’anno scatta anche per gli Over 50

La Campania è zona bianca fino al 7 novembre. Ma in 7 giorni 46,7% di nuovi casi in più. Le regole

 

 

 

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI