È stata siglata a Santa Paolina presso la sede del Gal Partenio l’intesa per ottenere la Castagna Igp del Partenio. L’accordo di partenariato prevede la costituzione di un Comitato di Sostegno che affiancherà il costituendo Comitato Promotore della Castagna IGP del Partenio. «Enti e Associazioni fanno quadrato per dare nuovo impulso all’iter che porterà al riconoscimento della Castagna IGP del Partenio», si legge in una nota con cui il Gal Partenio annuncia l’iniziativa. Obiettivo condiviso dai partecipanti è, infatti, «mettere insieme tutti gli attori del comparto castanicolo del Partenio per l’avvio dell’iter che porterà i Comuni rientrati nella denominazione e perimetrazione geografica all’ottenimento della certificazione Igp.

Domenico Biancardi, Presidente della Provincia di Avellino

IL PARTENARIATO: CON IL GAL PARTENIO ANCHE LA COMUNITÀ MONTANA PARTENIO DI VALLO LAURO. L’intesa istituzionale è stata raggiunta alla presenza del: Presidente del Gal Partenio, Luca Beatrice; Presidente del Parco Regionale del Partenio, Francesco Iovino; Presidente dell’Associazione Castanicoltori Campani, Davide Della Porta; Direttore del Distretto della Castagna e del Marrone della Campania, Roberto Mazzei; Consulente Agronomo Italo Santangelo; Coordinatore del Gal Partenio, Maurizio Reveruzzi; consigliere del Cda del Gal Partenio, Palerio Abate. Tra i sottoscrittori dell’accordo c’è anche il Presidente della Comunità Montana Partenio – Vallo di Lauro, Domenico Biancardi.

Il Presidente del Gal Partenio, Luca Beatrice

BEATRICE (GAL PARTENIO): COINVOLGERE AZIENDE AGRICOLE, PRODUTTORI E TRASFORMATORI. «La nostra intenzione è avviare un processo virtuoso che abbia come protagonisti le aziende agricole, i produttori e i trasformatori», spiega il presidente del Gal Partenio Luca Beatrice. «Ottenere il marchio di qualità territoriale IGP risulta fondamentale per lo sviluppo di un settore così importante nell’area ricadente nei Comuni che fanno parte del Gal Partenio, del Parco Regionale del Partenio, della Comunità Montana del Partenio – Vallo di Lauro e delle aree contigue. Il prossimo appuntamento sarà un incontro con le aziende per avviare una discussione approfondita sulle problematiche inerenti al settore castanicolo».


LEGGI ANCHE:

‘Lavoratori e Pmi della Campania uniti per il rilancio’, asse Cisl-Confimi

A rischio (chi)usura oltre 176mila imprese: 58mila al Sud. L’allarme di Cia Campania

In Irpinia 2.690 assunzioni a settembre: +1.420 rispetto ad agosto

La “Casa del vino” a Castelfranci riunisce territorio e produttori

Positivi al coronavirus in Irpinia 18, di cui 7 ad Avella. In Campania: 236 casi e 6 morti

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI