Nell’ex ospedale Maffucci la Centrale 118 dell’Asl Avellino: il progetto

IL RIASSETTO DALLA FINE DI LUGLIO. L'annuncio del consigliere regionale Vincenzo Ciampi, che ha riferito la risposta ad una interrogazione. Nel plesso ex Moscati di contrada Pennini arriveranno anche altri servizi dell'azienda Sanitaria: il programma

Nell’ex ospedale Maffucci di Avellino l’Asl allestirà la Centrale operativa del 118 dell’Asl, con la sede Legale aziendale, gli Uffici Amministrativi, il Dipartimento di Prevenzione e il Direzione Dipartimento di Salute Mentale. Entro fine mese il progetto si concretizzerà iniziando dal trasferimento della Centrale Operativa del 118.

L’ex ospedale Maffucci di contrada Pennini ad Avellino

Nei sette ettari dell’ex presidio ospedaliero del Moscati troveranno posto tutti i servizi dell’Azienda Sanitaria oggi divisi tra il capoluogo e Monteforte Irpino, salvo i laboratori di via degli Imbimbo. Il progetto da 4,2 milioni di euro nasce da un piano di fattibilità approvato il 22 luglio 2019 dal Direttore Generale dell’Asl, Maria Morgante, dopo la disponibilita resa dalla Azienda Ospedaliera San Giuseppe Moscati, dopo un primo diniego dall’allora Sindaco di Avellino, Vincenzo Ciampi. Ed è stato proprio lui, oggi consigliere regionale, ad annunciare il passaggio nell’ex ospedale Maffucci di Avellino della Centrale operativa del 118, riferendo i contenuti della risposta ottenuta ad una sua interrogazione alla Giunta regionale.

LA RISPOSTA ALL’INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE REGIONALE VINCENZO CIAMPI. “In risposta alla mia interrogazione alla Giunta Regionale sulle difficoltà gestionali  Centrale Operativa del 118 presso il Moscati, apprendo che entro il 31 luglio tutto il personale passerà alle dipendenze dell’Asl di Avellino. Si sana in questo modo un’anomalia rispettando la legge 13 del 2016, ma soprattutto dando una linearità ad un servizio essenziale per la rete dell’emergenza provinciale. Un risultato concreto  dopo la mia interrogazione”, premette Vincenzo Ciampi. “Apprendo anche, e questa è una novità, che la nuova sede della centrale operativa sarà presso il vecchio ospedale Maffucci di via Pennini. Ma alla data odierna sembrerebbe che il Maffucci non sia ancora nella proprietà dell’Asl. In ogni caso la struttura necessita, per essere operativa, di lavori di manutenzione e ristrutturazione per altro già finanziati”, conclude il consigliere regionale pentastellato. Il progetto, perfezionato nell’estate del 2019, è quindi in fase di concretizzazione. Di seguito i particolari.

Una prospettiva insolita dell’ex ospedale Maffucci di contrada Pennini ad Avellino

Il progetto

NEL MAFFUCCI L’ASL SPOSTA TUTTI I SERVIZI OGGI NELLE SEDI IN AFFITTO AD AVELLINO (DA VIA IANNACCONE E VIA CIRCUMVALLAZIONE AGLI UFFICI NELL’EX OSPEDALE DI MONTEFORTE). La Regione Campania ha ricevuto da molti mesi il contratto tra Asl Avellino e Azienda Ospedaliera San Giuseppe Moscati per il Maffucci. Nell’agosto 2019 il Direttore Generale Maria Morgante ha trasmesso alla Direzione Generale per la Tutela e la Salute, al Coordinamento Sanitario Regionale e alla Unità 9 Edilizia Sanitaria, il progetto di Fattibilità Tecnica ed Economica (ai sensi dell’art 23 del d.lgs 50.2018). Stabilito in 4,2 milioni di euro l’importo dei lavori necessari alla “Rifunzionalizzazione ed adeguamento impiantistico / tecnologico” dell’ex Ospedale di Avellino “Maffucci”, per ospitare i seguenti servizi: sede Legale dell’Asl di Avellino e degli Uffici Amministrativi;  Dipartimento di Prevenzione; Centrale Operativa 118; Direzione Dipartimento Salute Mentale. Il progetto è interamente finanziato nell’ambito degli “interventi di Edilizia Sanitaria di cui all’art. n. 20 della Legge n.67/’88 relativamente alle economie ancora residue e disponibili della Ia Fase”. Nel provvedimento, il Direttore Generale spiegò allora le ragioni dell’intervento, che “fa parte di un più ampio ed organico scenario organizzativo”. Permetterà una “più coerente e funzionale distribuzione di molteplici attività sanitarie attualmente erogate in più sedi insistenti nel Comune di Avellino ed alcune attualmente distribuite presso il Distretto Sanitario di Monteforte Irpino”, ma anche l’azzeramento delle spese di locazione in fitto di uno stabile ubicato in Via Iannaccone ad Avellino (già in scadenza du contratto dal giugno scorso), con conseguenti considerevoli risparmi economici a conseguirsi nel medio e lungo periodo”. L’atto di cessione è stato già concordato e condiviso dall’Asl e dall’Azienda Ospedaliera, pronte a “stipulare un contratto di comodato d’uso a titolo gratuito per una durata di anni 40”. Nel provvedimento era riportata la posizione della Regione Campania che “ha sollecitato la trasmissione di un progetto di fattibilità tecnica ed economica per l’adeguamento funzionale dell’ex presidio ospedaliero Maffucci, di proprietà dell’AORN Moscati, ora dismesso alla località Pennini di Avellino” proprio per le ragioni fin qui riportate.

La targa ricorda uno dei servizi attivi fino al 2010 nell’ex ospedale Maffucci di contrada Pennini ad Avellino

MAFFUCCI RITENUTO PIÙ IDONEO DELL’EX OSPEDALE CIVILE DI VIALE ITALIA.  Asl e Regione Campania hanno scelto l’ex Maffucci, preferendolo al plesso dismesso di viale Italia per le sue caratteristiche. Risulta più adatto l’insediamento del Plesso Ospedaliero di vua Pennini, “costituito dal fabbricato principale e da terreni aventi una superficie complessiva di circa 7 ettari”, soprattutto per le dimensioni e lo stato attuale di efficienza. Il Plesso Ospedaliero “ex Maffucci”, si legge, “è stato interessato da lavori di adeguamento strutturale e funzionale (finanziati con fondi ex art. 20 della L.67/88) iniziati nel 1998 e conclusi nel 2004”. La struttura è adeguata sismicamente, “dotata di collaudo strutturale depositato al genio Civile nel giugno 2004 e nel gennaio 2018 è stata interessata a prove di carico su solaio, carotaggi e prove ultrasoniche al fine di testare le strutture orizzontali in termini di resistenza e risposta elastica”. L’ingresso dell’Asl può avvenire con il minore impegno finanziario e nel tempo più breve. Già nel gennaio 2021 il nuovo “Maffucci” dell’Asl di Avellino potrà essere inaugurato, riorganizzando e ottimizzando la presenza della Azienda Sanitaria nel Capoluogo. La Regione Campania ha ritenuto così di rinunciare alla possibilita di collocare sul mercato una struttura appetibile per le sue caratteristiche pur in continuità di destinazione d’uso, proprio per i vantaggi economici, funzionali e logistici che il riutilizzo per il Servizio Sanitario Nazionale comporta.

L’ex ospedale Maffucci di Avellino nei sette ettari della sua proprietà in via Pennini

LEGGI ANCHE:

Positivi al coronavirus in Irpinia 7 in 24 ore. Risale la Campania: 208 casi e 3 morti

Vaccinazione Covid col camper in Irpinia da oggi in 4 Comuni. Le tappe fino al 12 luglio

Open day vaccinale in Irpinia ‘Pfizer’ con ingresso libero l’8 luglio

 

 

ARTICOLI CORRELATI