Scuola in Campania, in classe fino alla terza elementare dal 18 gennaio. Didattica a distanza per gli altri

POSSIBILE RIPRESA PER SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO DAL 25 GENNAIO. Il Governatore della Campania fa slittare la ripartenza chiesta dal Ministro «valutando i dati epidemiologici». Intanto via allo screening del personale scolastico con tamponi antigenici. Il calendario e l'ordinanza

La Scuola in Campania prosegue quasi completamente con la didattica a distanza. L’eccezione riguarda le prime tre classi elementari e non solo. A partire da lunedì, 18 gennaio 2021, sarà consentito il ritorno in presenza agli alunni fino alla terza classe della scuola primaria, oltre alle classi dei servizi educativi e della scuola dell’infanzia e dei bambini e ragazzi con bisogni educativi speciali. Non è consentita la refezione scolastica fino al 23 gennaio 2021. L’Unità di Crisi riunita nel pomeriggio di ieri ha esaminato la situazione epidemiologica in relazione al ritorno in presenza nella scuola. Una relazione tecnica è confluita in una nuova ordinanza regionale, che impone lezioni con modalità da remoto.

Unità di crisi regionale contro il coronavirus al lavoro con il Governatore Vincenzo De Luca

TEST ANTIGENICI PER IL CORPO INSEGNANTE E IL PERSONALE SCOLASTICO. Nel frattempo, è stato dato mandato alle Asl di distribuire ai medici di medicina generale test antigenici per il monitoraggio della situazione dei contagi del personale della scuola, docente e non docente, con priorità per chi già è impegnato nella didattica in presenza. La Regione Campania ha chiesto e ottenuto l’invio di 350.000 test antigenici, da eseguire nell’ambito di un programma di screening a tappeto per il personale scolastico, e anche per i lavoratori del trasporto pubblico. Già con la precedente ordinanza regionale si era stabilito un percorso graduale di rientro nelle aule per studenti e docenti, accompagnato dallo screening. Le disposizioni concernenti l’attività didattica sul territorio regionale, impongono per tutti gli studenti e gli alunni un iter improntato alla prudenza più restrittivo di quello stabilito dagli ultimi Dpcm.

RITORNO GRADUALE “IN PRESENZA” A SCUOLA DALL’11 GENNAIO 2021 CON LE PRIME DUE CLASSI ELEMENTARI. RIAPRONO ANCHE GLI ASILI. L’ordinanza è scaturita dalla riunione della Unità di Crisi della Regione Campania, che la scorsa settimana ha fornito al Presidente della Giunta «un’analisi dettagliata dei dati epidemiologici in relazione alla possibilità di un ritorno in presenza a scuola al termine delle vacanze natalizie», si legge in una nota. Sulla base della relazione consegnata, è stato elaborato un calendario sfalsato delle lezioni per i diversi istituti di ogni ordine e grado, a partire dall’11 gennaio. Lunedì 11 gennaio 2021 «potranno tornare in classe gli alunni della scuola dell’infanzia e delle prime due classi della scuola primaria, esattamente com’era prima della chiusura delle scuole per la pausa natalizia». L’Unità di crisi aveva già stabilito che sarà valutata dal punto di vista epidemiologico generale la possibilità del ritorno in presenza per l’intera scuola primaria dal 25 gennaio, in particolare dalla quarta elementare alla secondaria di primo e secondo grado. La conferma di questa data o un eventuale nuovi rinvio, evidentemente, dipenderanno dall’andamento epidemiologico.


Documentazione


LEGGI ANCHE:

In Campania i positivi al Covid-19 salgono per 2.158 casi (34.366 in 10 giorni) e 39 morti. Scuola, prime riaperture dal 25 novembre

La Campania è zona gialla oggi 8 gennaio. Domani e domenica è arancione. Le regole

 

ARTICOLI CORRELATI