Ariano fuori della zona rossa, screening a tappeto dell’Asl: le cifre

IL RAPPORTO. EFFETTUATI 172 TEST RAPIDI NEL WEEK END: CENTRO MINERVA CONTROLLATO: ATTESA PER I TAMPONI DI 20 CASI SOSPETTI. DAL 3 MAGGIO IL FRANGIPANE RIATTIVA TUTTI I REPARTI ORDINARI. L'Azienda Sanitaria Locale di Avellino ha fornito il riepilogo dell'attività intensa di esami ed analisi sulla popolazione e sul personale delle strutture medico-sanitarie. Descritta la situazione sotto controllo. Attesi gli ultimi riscontri epidemiologici in giornata

L'accesso al presidio ospedaliero dell'Asl di Avellino ad Ariano "Sant'Ottone Frangipane"

Ariano fuori della zona rossa dal 23 aprile. Con l’Ordinanza n.36 di oggi 23 aprile 2020 firmata dal Presidente Vincenzo De Luca, viene prorogata di 48 ore fino al 22 aprile 2020, solo per il tempo necessario a consentire la dotazione di dispositivi di protezione individuale da destinare alla popolazione. L’ordinanza contiene ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 (scarica il testo della Ordinanza n.36 di oggi 23 aprile 2020 | Zona rossa Ariano Irpino fino al 22 aprile in formato pdf). Nel testo si fa riferimento al miglioramento del quadro epidemiologico per il quale come unica condizione precauzionale si stabilisce l’obbligo di utilizzo di dispositivi individuali di protezione (di cui all’art.16 del decreto legge n.18/2020) nei luoghi pubblici. L’Asl Avellino ha nel frattempo superato gli elementi di criticità connessi al focolaio, realizzando screening su vasta scala nella città e nella Rsa Minerva, come vedremo.

Unità Speciali Continuità Assistenziale dell’Asl, guardie mediche per il Covid-19. Nella foto: l’unità di Grottaminarda

L’ASL: SITUAZIONE AD ARIANO SOTTO CONTROLLO. ULTIMI ADEMPIMENTI. L’Azienda Sanitaria Locale di Avellino ha fornito il riepilogo dell’attività intensa di esami ed analisi sulla popolazione e sul personale delle strutture medico-sanitarie, descrivendo la situazione sotto controllo. Sono attesi gli ultimi riscontri epidemiologici in giornata, in particolare per i 20 tamponi naso faringei disposti su altrettante persone risultate positive ai 172 test sierologici effettuasti dai medici delle tre Unità mobili durante il fine settimane. Tuttavia, sono stati superati i punti critici indicati nelle ordinanze che hanno istituito e confermato la zona rossa. In particolare, sia il personale medico sanitario e ospedaliero, sia degenti e personale del Centro Minerva, sono stati tutti controllati con tamponi e test. Per l’Asl la situazione è talmente sotto controllo, che dal 3 maggio il presidio ospedaliero Frangipane riprenderà le sue ordinarie attività di reparto, anche in considerazione del trasferimento del reparto Covid-19 al vecchio plesso, ma anche dello sdoppiamento del pronto soccorso, che avrà un accesso separato solo per sospetti casi Covid-19 con 4 posti di osservazione breve. Di seguito i dati principali di questa attività di monitoraggio e controllo, così come li ha forniti l’Azienda Sanitaria di Avellino. In premessa, l’Azienda ha ricordato che le attività di screening non si sono limitate alla città di Ariano, ma sono state eseguite su scala provinciale. «Alla data del 19 aprile risultano effettuati 5.347 tamponi naso faringei e 4.619 test rapidi.


Il rapporto

SCREENING SU 172 PERSONE TRA “COVID-19 POSITIVI” E CONTATTI AD ARIANO IRPINO: 20 I CASI SOSPETTI SOTTOPOSTI A TAMPONE. SI ATTENDONO I RISULTATI. L’Asl di Avellino ha realizzato negli ultimi giorni un «Programma speciale e intenso giornaliero di screening sulla popolazione di Ariano Irpino, attraverso l’utilizzo di Unità Mobili» (due di base, 3 all’occorrenza) che, a partire dal 15 aprile, «hanno effettuato visite mediche a domicilio per i ‘casi Covid positivi’ e per i loro ‘contatti stretti’, con l’esecuzione di Test rapidi (sierologici) a domicilio». In particolare, i giovani medici delle Unità Mobili, alla data del 19 aprile, risulta aver eseguito ad Ariano 172 test seriologici. I 34 casi risultati positivi sono stati poi sottoposti a conferma del tampone. Sono risultati negativi i primi 14, mentre per gli altri 20 si è in attesa del risultato. Già dal 7 aprile i medici delle Unità mobili eseguono visite a domicilio su richiesta dei Medici di Medicina Generale su tutto il territorio provinciale.



CENTRO MINERVA, UN SOLO POSITIVO SU 83 TAMPONI. L’ultima mappatura complessiva di 83 tamponi eseguiti tra degenti e personale del Centro Minerva ha consegnato il risultato di 1 positivo tra gli operatori.Si è trattato di completare le verifiche dopo il focolaio scoperto nelle ultime settimane.

Soccorso Covid-19

AL FRANGIPANE UN PAZIENTE IN TERAPIA INTENSIVA, 45 NEL REPARTO COVID-19, DI CUI 2 IN ATTESA DI TAMPONE. L’Asl ha voluto chiarire l’attuale situazione del contagio reale, fotografando l’impegno in questo momento dell’ospedale locale sul fronte della cara dedicata ai casi di Covid-19. «Per quanto attiene la situazione dei ricoveri in ospedale, ad oggi al Frangipane risultano essere ricoverati: 1 paziente positivo in Terapia Intensiva 45 pazienti in Medicina COVID-19 )cioé in degenza sorvegliata). Di questi, 43 sono positivi e  2 in attesa di esito tampone. Sono state dichiarate guarite 22 persone di Ariano.

TRASFERITI A VILLA MARIA 20 PAZIENTI, 12 DIMESSI. I 20 pazienti guariti sono stati trasferiti dal Frangipane alla Clinica Villa Maria di Mirabella, in virtù dell’accordo regionale stipulato tra la Regione Campania e l’AIOP (Associazione Italiana Ospedalità privata) che ha regolamentato su scala regionale, in maniera integrale, il rapporto di collaborazione tra le cliniche private e la Regione per affrontare l’epidemia del Covid. Di questi, 12 pazienti sono stati dimessi dalla Clinica Villa Maria.

Il presidio ospedaliero Sant’Ottone Frangipane di Ariano Irpino

DAL 3 MAGGIO IL FRANGIPANE RIPRENDE LE ATTIVITÀ ORDNARIE. Durante una riunione organizzativa del Direttore Generale dell’Asl Maria Morgante con la Direzione sanitaria del Frangipane guidata da Angelo Frieri, si è stabilito di attivare, in linea con le disposizioni regionali, «il ripristino di tutte le attività ordinarie (mai trasferite in altri plessi), con i ricoveri programmati sia medici che chirurgici, a partire dal 3 maggio 2020: la riorganizzazione nel polo ospedaliero di Ariano Irpino prevede il ripristino – e si sta lavorando anche al potenziamento – di tutte le aree dedicate e di tutti i posti letto delle singole specialità, ridefinendo le aree dedicate al Covid-19 (nell’ala del vecchio ospedale)». Durante l’emergenza, si è sottolineato, «sono stati garantiti interventi urgenti in Cardiologia, in Chirurgia, in Ortopedia e in Ginecologia. Sino ad oggi, l’U.O. di Diagnostica per Immagini dell’Ospedale Frangipane è stata supportata dal personale del Criscuoli di Sant’Angelo dei Lombardi.

Maria Morgante, Direttore Generale dell’Asl Avellino

ZONA ROSSA AD ARIANO IRPINO, L’ASL ANNUNCIA LA DECISIONE IN SERATA. In considerazione dello scadere del temine della Zona Rossa per il Comune di Ariano Irpino, fissato per oggi 20 aprile dall’Ordinanza del Presidente della Giunta regionale della Campania n. 33 del 13.04.2020, «il Direttore generale dell’ASL, in serata comunicherà, tramite messaggio video,  le decisioni adottate dalla Regione Campania relativamente alla “Zona Rossa” del comune di Ariano, sulla scorta delle risultanze e dei dati aggiornati al 20.04.2020 dell’attività epidemiologica posta in essere dall’ASL».

NESSUNO SPOSTAMENTO DEL CENTRO SALUTE MENTALE DI ARIANO. In relazione alla notizia comunicata da Cittadinanza Attiva circa lo spostamento  del Centro Salute Mentale dal P.O. di Ariano Irpino ad altra sede, l’Azienda Sanitaria Locale precisa che «non esiste nessuna volontà di spostamento pertanto Il Centro Salute Mentale resta e resterà presso il Frangipane». L’Ospedale, come già annunciato, «sarà oggetto di una riorganizzazione dei reparti in linea con quanto determinato dalla Regione Campania circa la ripresa dei ricoveri ordinari  a partire dal 3 maggio 2020. I percorsi di accesso all’Area Covid e agli altri reparti resteranno divisi, come già garantito sin dall’inizio dell’emergenza, al fine di garantire la massima sicurezza di tutti i pazienti».

DA DOMANI SCREENING SULLE FORZE DELL’ORDINE E COMUNE DI ARIANO IRPINO. L’Asl di Avellino ha comunicato che, grazie alla donazione di n.372 test rapidi da parte delle associazioni di volontariato del Tricolle, da domani partirà lo screening alle forze dell’ordine presenti sul territorio del comune di Ariano Irpino. In particolare sarà sottoposto a test rapido il personale in forza nei Vigili del Fuoco, Guardia di Finanza, Carabinieri e Polizia di Stato, oltre al personale dipendente del Comune di Ariano Irpino. L’Azienda Sanitaria Locale ringrazia per quanto fatto le associazioni: A3999 Lab, Panacea Onlus, La Bussola, Pro Loco I Normanni, insieme alle altre associazioni, ai comitati e ai singoli cittadini che hanno aderito.


Personale sanitario
Tamponi per l’esame del Covid-19 e kit per analisi del sangue sono al centro delle richieste regionali per rafforzare la capacità ospedaliera e sanitaria di contenere l’epidemia di coronavirus

SCREENING SULL’INTERO PERSONALE OSPEDALIERO E SANITARIO DI COMPETENNZA DELL’ASL IN PROVINCIA DI AVELLINO. L’azione di screening sugli operatori sanitari è stata eseguita “a tappeto”, in particolare su tutto il personale sanitario (e i pazienti) dei Presidi Ospedalieri, personale dei Distretti Sanitari, del Dipartimento di Salute Mentale, operatori del 118, personale delle Carceri, personale e pazienti delle Residenze Sanitarie e Socio Assistenziali (Fasce deboli), operatori di ADI (Assistenza Domiciliare Integrata), oltre ai dipendenti EMA/POEMA, secondo l’accordo Regione-ASL-Prefettura. A titolo esemplificativo, l’Asl ricorda: 600 test rapidi eseguiti al nosocomio di Ariano Irpino; 142 test rapidi eseguiti al Dipartimento di Salute Mentale; 109 test rapidi eseguiti al Distretto di Ariano Irpino 490 test rapidi eseguiti su RSA pubbliche e private accreditate.


LEGGI ANCHE:

Tamponi per la popolazione di Ariano, da oggi esami al Biogem

Positivi al coronavirus in Irpinia 427. Nessun nuovo caso da Asl e Moscati. Voto regionale, si decide. De Luca vuole luglio

«Il Coronavirus minaccia ancora tutti», l’esperto: la politica si fermi

ARTICOLI CORRELATI