«Grano Armando» incontra a Flumeri la sua filiera della pasta: oltre 830 fornitori e 1500 addetti

«Grano Armando» incontra a Flumeri la sua filiera della pasta made in Italy: oltre 830 fornitori e 1500 addetti. Questo pomeriggio dalle ore 15 i cancelli del pastificio si apriranno per una nuova edizione di “IncontrArmando” 2019-20, proiettata verso il decennale. «Da qualche anno la storia della nostra azienda è cambiata», scrive Armando De Matteis nell’invito a fornitori, addetti, agricoltori. «Alla nostra esperienza industriale si è aggiunto un elemento di grande valore: il rapporto unico e diretto costruito con migliaia di agricoltori che hanno aderito alla nostra filiera del grano duro italiano di alta qualità cui è stato dato il mio nome: Armando». Si tratta «dell’unica filiera cerealicola in cui l’industria sigla un patto con il singolo coltivatore; di questo sono molto fiero», sottolinea De Matteis. «La prossima edizione di IncontrArmando segnerà lo splendido traguardo dei 10 anni dalla creazione del modello produttivo che dà vita a Pasta Armando, basato sulla collaborazione, sulla trasparenza e che è espressione più genuina del vero Made in Italy di qualità», aggiunge, rivolgendosi alla platea dei protagonisti invitati a riunirsi a Flumeri. «Ecco perché vi invito a non mancare all’edizione 2019-2020 di IncontrArmando: per confermare la forza di una filiera di cui siete protagonisti e che credo possa affrontare con successo le sfide che ci riserva il futuro», conclude, firmandosi, Armando De Matteis.

Grano Armando, il logo

INCONTRARMANDO 2019-20. Avrà, dunque, un significato particolare la convention annuale programmata per questo pomeriggio presso lo stabilimento De Matteis Agroalimentare denominata «IncontrArmando». Organizzata dal Pastificio e Mulino campano in collaborazione con Syngenta, ha lo scopo di incontrare gli agricoltori e gli stoccatori che aderiscono al patto di filiera Armando. Si rinnova «il protocollo innovativo per la produzione di una pasta di alta qualità 100% da grano duro italiano» alla presenza  «di centinaia di agricoltori da nove regioni italiane, rappresentanti delle istituzioni e della ricerca per un momento di confronto sui temi più attuali della filiera cerealicola italiana». Come sempre, l’appuntamento fornirà l’occasione «per accrescere le proprie competenze e confermare la collaborazione tra impresa e agricoltura che il pastificio De Matteis promuove da anni».

GRANO ARMANDO, 12MILA ETTARI DI SUOLO ITALIANO COLTIVATO DA UNA FILIERA CHE IMPIEGA 1500 ADDETTI IN 9 REGIONI. Nel 2018 erano 833 le imprese agricole produttrici di grano duro italiano Armando, impegnate a coltivare 12mila ettari di suolo in 9 regioni. Si tratta di numeri parziali, in costante crescita, nei quali finiscono anche acquisizioni produttive da parte del Gruppo De Matteis, che si espande, come col pastificio umbro Giano. Il progetto del Grano Armando parte da Flumeri per guardare all’Italia, come ricorda Marco De Matteis, amministratore delegato di De Matteis Agroalimentare, sul sito istiruzionale del Gruppo. «Sin dall’avvio del progetto abbiamo voluto sostenere e valorizzare l’agricoltura italiana che rappresenta un enorme patrimonio di cultura e tradizione. La filiera Armando dimostra che coltivare grano duro di eccellente qualità è possibile in Italia, grazie all’impegno degli agricoltori e a sistemi virtuosi di cooperazione. L’unica forma efficace di tutela del mercato e di antidoto alle fobie ingiustificate è favorire la crescita dí accordi di filiera credibili perché realmente trasparenti».

Grano Armando è coltivato su 12mila ettari di suolo italiano

GRANO ARMANDO VERSO IL DECENNALE. Nato nel 2011, Armando è il primo marchio italiano di pasta secca «prodotta esclusivamente con grano duro italiano coltivato nel rispetto del rigoroso disciplinare di produzione messo a punto da Syngenta per garantire il raggiungimento di un elevato contenuto proteico (143%) e un alto indice di glutine: caratteristiche basilari per la produzione di una pasta di alta qualità, genuina e che ‘tenga in cottura’. Gli agricoltori che aderiscono al patto di filiera, inoltre, usufruiscono non solo dell’assistenza in campo di agronomi, ma anche dell’espressa garanzia che, al raggiungimento delle soglie di qualità previste nel contratto, De Matteis Agroalimentare acquisterà il loro raccolto a un prezzo minimo garantito, con premialità previste qualora le quotazioni di mercato risultino più favorevoli. In questi anni, combinando certezza di ricavi, migliori rese produttive (fino a +42%) e maggior redditività, il contratto di filiera Armando ha generato un clima di fiducia presso gli agricoltori aderenti, contribuendo al miglioramento economico, ambientale e sociale di molte comunità dell’Italia rurale», spiega la scheda di presentazione del progetto Grano Armando.

Pasta Armando

AGRI200: FILIERA VALE DI PIÙ CON ARMANDO.  Il Gruppo De Matteis Agroalimentare vale 100 milioni di fatturato annuo con circa 700 dipendenti, cioè 200 milioni e 1500 addetti se si calcola la filiera. Un successo che può essere spiegato in parte dalla ricerca della società Agri200, per la quale «se la superficie mediamente coltivata a grano in Italia negli ultimi 6 anni avesse seguito il modello di filiera Armando, avrebbe prodotto un maggiore valore per le imprese agricole di oltre 1,5 miliardi di euro rispetto alla media di mercato dello stesso periodo». Questo perchè «non si tratta di una semplice filiera ma di un meccanismo virtuoso che produce risultati economici per le imprese agricole e un impatto positivo sul tessuto sociale, con l’obiettivo di ottenere un grano duro nazionale di alta qualità e quindi una pasta davvero genuina e sicura».

Lo chef Alessandro Borghese, protagonista della campagna di Grano Armando

PASTARMANDO, UNA CAMPAGNA ATTRAVERSO I MEDIA NAZIONALI ALLA RADIO. Grano Armando è anche una campagna di comunicazione nazionale di Pasta Armando su Radio2 ed RDS con gli spot che hanno come protagonista lo chef Alessandro Borghese. Da un biennio è ambassador di Pasta “Armando”: scelta genuina per i menu del suo ristorante milanese “Il lusso della Semplicità”. Pasta Armando sponsorizza anche lo spazio promozionale delle 19 all’interno della trasmissione “Caterpillar” in onda dalle 18,00 alle 20,00 su Radio2. Parallelamente prosegue la campagna web per promuovere l’acquisto dal nuovo e-shop del sito www.pastarmando.it.  «L’obiettivo della campagna è promuovere i valori e l’identità di Pasta Armando, dando enfasi all’unicità della “Filiera del grano duro Armando”; un patto all’insegna della qualità che unisce il Molino ed il Pastificio di De Matteis Agroalimentare a centinaia di agricoltori italiani e che si concretizza in un contratto sottoscritto ogni anno, direttamente e singolarmente con ciascun agricoltore e stoccatore aderente».

Temporary Store di Pasta Armando a Milano, nella stazione centrale

PASTA ARMANDO, TEMPORARY STORE NELLA STAZIONE CENTRALE DI MILANO. Nella Stazione Centrale a Milano il 24 aprile ha aperto il primo temporary store di Pasta Armando. È stato proposto come «un viaggio nell’eccellenza agroalimentare italiana della quale Armando, risultato di un sistema produttivo integrato tra industria e agricoltura, è testimone autorevole. Pasta in pratiche confezioni da viaggio, gadget esclusivi e Birra Armando, prodotta con lo stesso grano della filiera, saranno in vendita nel suggestivo spazio milanese. Poi una valigetta esclusiva in edizione limitata, contenente al fianco di Pasta Armando una copia autografata dell’ultimo libro di successo “Cacio & Pepe” dello chef Alessandro Borghese che presenzierà all’inaugurazione dello store».


INCONTRARMANDO | SINTESI DELLA EDIZIONE 2017


LEGGI ANCHE:

“Investitori in fila per produrre a Flumeri, servono lotti subito”, Lanza chiama IIA

 

 

ARTICOLI CORRELATI