La Stazione di Avellino chiude per l’elettrificazione. Inlocomotivi: in cantiere metro regionale e alta velocità

"TERMINAL CONNESSO AL CIRCUITO NAZIONALE E COLLEGATO AL CENTRO CITTADINO DALLA METRO LEGGERA, CON L'EX STRADA BONATTI VIA DEI BUS: COSÌ RINASCE BORGO FERROVIA". L'analisi della Associazione presieduta da Valentina Corvigno e Pietro Mitrione mentre si annuncia l'avvio dei lavori più attesi per la ripartenza del trasporto su ferro nel capoluogo

La Stazione di Avellino chiude per due mesi per completare il suo riassetto. A 140 anni dalla sua inaugurazione, dopo essere stata digitalizzata e dotata di binari e impianti compatibili per l’Alta Velocità, ora si elettrifica. L’intervento la allinea alle grandi stazioni italiane, alle quali presto sarà collegata lungo l’asse per Salerno e Napoli via Codola. Esulta l’Associazione Inlocomotivi, che si è battuta fin dal 2012 (anno in cui il terminal stava per essere soppresso) per rilanciare al rango che compete ad una delle più antiche stazioni e linee ferroviarie italiane. Nel 40esimo anniversario dalla sua parziale ricostruzione, per Inlocomotivi la Ferrovia di Avellino getta le basi per far rinascere il quartiere che porta il suo nome: Borgo Ferrovia. L’appello alla politica è ad annodare i fili importanti stesi intorno a questo terminal, oggi tra i più moderni ed avanzati d’Europa.


L’Area Vasta viaggia ad Alta Velocità con la nuova stazione elettrificata di Avellino. Progettiamo il futuro da qui

Documento della Associazione Inlocomotivi*

Per oltre due mesi la stazione ferroviaria di Avellino resterà isolata dal resto della rete ferroviaria italiana.  Finalmente una sospensione dovuta alla necessità di continuare i lavori di elettrificazione e di ammodernamento della linea ferroviaria Salerno/Avellino/Benevento e non a scelte che hanno portato negli anni trascorsi alla marginalizzazione di questa importante struttura per la nostra città.

Dopo una fase di estrema precarietà, fatti nuovi si stanno registrando in quest’ultimo periodo. Finalmente viene avanti una diversa visione di sviluppo per la nostra città da parte della amministrazione regionale che ha proposto la elettrificazione della ferrovia Salerno-Avellino Benevento ed i cui lavori sono in fase di esecuzione. Si tratta di un’opera che va nella direzione di realizzare una vera e propria Metropolitana Regionale, una idea proposta da anni ma a cui non è stato mai dato seguito. Una opportunità per far rivivere anche la “sospesa” ferrovia Avellino Rocchetta, oggi riutilizzata a fini turistici. In questa ottica Avellino potrebbe collegarsi ai corridoi ferroviari  che contano in attesa della realizzazione della linea ad Alta capacità (Roma) Napoli-Bari (Taranto). La ultimazione della metropolitana leggera cittadina di Avellino, che ha il capolinea nel piazzale della stazione FS e la riapertura della strada Bonatti,  che in poco più di 5 minuti collega la zona della Ferrovia al centro della città, possono consentire la rivitalizzazione dell’intero quartiere di Borgo ferrovia attraverso una nuova politica di integrazione ferro/gomma.

In questi ultimi anni si è speso molto tempo in interminabili discussioni sul ruolo della nostra città, del suo Piano Strategico nella costruzione dell’area vasta: oggi ci sono le condizioni per recuperare i ritardi accumulati in questi anni; oggi ci sono le condizioni, ancora una volta, per iniziare un percorso di uscita dall’isolamento che, se da una parte è caratteristica, anche positiva, dei borghi appenninici, dall’altra è la causa prima dell’abbandono di quegli stessi borghi, quando alla valorizzazione delle caratteristiche di arroccamento, tradizione, enogastronomia, non si unisce la possibilità reale di raggiungerli o di muoversi da questi per raggiungere capoluoghi con possibilità lavorative maggiori in tempi relativamente brevi.

140 anni fa, il 31 marzo del 1879, la nostra stazione fu inaugurata e questo anniversario si aggiunge a quello della ricostruzione post terremoto…approfittiamo per valutarne seriamente il futuro.

(*): Presidente Valentina Corvigno; Presidente Onorario Pietro Mitrione


LEGGI ANCHE:

La Stazione di Avellino compie 140 anni. Mitrione: da 35 aspetta il riscatto

“In 6 mesi Giuseppe Priolo ha disegnato una Avellino ad alta velocità”, Inlocomotivi: la politica non sprechi quest’opportunità di futuro

 

ARTICOLI CORRELATI