La stazione dell'Alta capacità Hirpinia, sul confine tra Ariano Irpino e Grottaminarda

Stazione Hirpinia e Alta Capacità Bari Napoli andranno in cantiere in provincia di Avellino tra 90 giorni circa. Lo ha confermato il commissario straordinario dell’opera, l’Ad di Rfi Maurizio Gentile, al Sindaco di Grottaminarda, Angelo Cobino, nel corso di una riunione a Roma. Si è trattato di una informativa sul cronoprogramma del lotto funzionale  Irpino Apice Hirpinia e per la prosecuzione Hirpinia Orsara. Nel primo caso, confermata definitivamente l’aggiudicazione dell’appalto da 608 milioni, Rfi ha confermato l’avvio dei lavori a settembre, mentre è in corso l’iter di sottoscrizione del contratto con il gruppo guidato da Salini, Impregilo e Astaldi. Nel secondo, il progetto definitivo è al vaglio della conferenza di servizi, che concluderà il suo iter a luglio. Entro l’anno sarà avviata la procedura per l’appalto. Tra i cantieri dell’Apice Hirpinia, da settembre, e quelli tra Hirpinia e Orsara entro l’estate prossima, l’intera Valle Ufita sarà nel 2020 protagonista del completamento della Napoli Bari, i cui tronchi campano e pugliese si incontreranno tra Grottaminarda e Ariano Irpino.

Maurizio Gentile, Ad di Rfi e commissario straordinario per l’alta capacità Bari Napoli

COBINO: VEDIAMO IL TRAGUARDO DOPO ANNI DI BATTAGLIE E UNA LUNGA ATTESA. Affidati i lavori del primo lotto, per il Sindaco Angelo Cobino si apre il più grande cantiere del Mezzogiorno “A Santa Sofia si sta per aprire il più grande cantiere del Mezzogiorno d’Italia, di cui ne beneficerà l’intera provincia”. Così Angelo Cobino, sindaco di Grottaminarda, che conferma l’apertura del cantiere del lotto dei lavori della tratta “Apice- Hirpinia” relativa alla costruzione della stazione Hirpinia. La visita dei giorni scorsi a Roma infatti, presso la struttura del commissario straordinario dell’Alta Capacità Napoli- Bari Maurizio Gentile, ha rassicurato gli amministratori sul definitivo espletamento dell’affidamento dei lavori.

Angelo Cobino, Sindaco di Grottaminarda

Entro il mese di settembre il cantiere sarà invaso dalle ruspe e si prevede la possibilità di un incremento della manovalanza. “Tutto procede secondo la calendarizzazione annunciata dall’ingegnere Gentile, dagli espropri alle mutazioni previste dalla tratta. E’ in corso in Conferenza di Servizi invece, la tratta Hirpinia- Orsara, per l’affidamento della progettazione definitiva” continua Cobino. “Il tracciato della Napoli- Bari è sotto la diretta gestione dell’Amministratore Delegato di Rfi, e questo rappresenta una garanzia di efficienza per il territorio e per noi amministratori”.

Alla luce della conferma al secondo mandato a sindaco di Grottaminarda, Cobino rilancia la posizione strategica del Comune e rafforza la pianificazione già messa in campo durante il suo primo mandato. “Siamo molto soddisfatti per questo risultato, in quanto lo scorso anno l’opera è stata messa in discussione. Oggi i lavori vanno avanti nel rispetto della progettazione iniziale grazie all’impegno della Regione Campania, della Provincia di Avellino, di Confindustria e di tutti gli amministratori che si sono esposti per blindare la costruzione della Stazione Hirpinia. Una stazione che consente all’intera provincia di uscire dall’isolamento e rilanciare il ruolo di Avellino come città capoluogo” continua.

Il logo della Rfi, Reti Ferroviarie Italiane

Il Comune di Grottaminarda lavora di pari passo con la struttura del commissario ad acta per gettare le basi della ragnatela dello sviluppo che sarà alimentata proprio dal passaggio dell’Alta Capacità ferroviaria, destinata a ribaltare le sorti delle aree interne e il trend dello spopolamento. “Ci stiamo attrezzando per non farci trovare impreparati: l’alta capacità ci consentirà collegamenti a raggiera con i due mari e saremo baricentrici rispetto alla direttrice Napoli- Bari. Il piano che sta partendo in queste settimane 2019-2024 punta alla realizzazione di quanto è già in cantiere” annuncia il sindaco.

Un treno Frecciarossa, simbolo dell’alta velocità ferroviaria

Grottaminarda infatti lavora su più fronti e mira ad rafforzare la posizione strategica di connubio infrastrutturale fra ferro e gomma e ad implementare quello sviluppo delle ‘smart city’ codificato dai prospetti delle città metropolitane, per moltiplicare lo sviluppo commerciale, logistico e industriale della rotta del Mediterraneo. “Lavoriamo alla realizzazione del collegamento fra la stazione Hirpinia con il casello autostradale che diventerà il punto di raccordo fra la strada su rotaie e la viabilità su gomma, e che confluirà nella Contursi-Lioni- Grottaminarda. Senza contare che sono stati ripresi i lavori dell’Air per l’autostazione e per il raccordo con il pullman: siamo preparati infine alle strutture immateriali”.

I firmatari del Protocollo per la re industrializzare Valle Ufita, siglato nel febbraio 2018 dall’Unione dei Comuni Terre dell’Ufita, da Invitalia e dalla Regione Campania, con l’adesione di Confindustria Avellino

Il Comune di Grottaminarda ha siglato da tempo un protocollo d’intesa per le opere collaterali alla costruenda stazione ferroviaria e per pianificare quello sviluppo di concerto con i comuni limitrofi. Il 15 febbraio 2018 infatti, è stato siglato un protocollo con Invitalia fra Regione Campania, Invitalia e i comuni Unione dei Comuni Terre dell’Ufita, tra cui Bonito, Flumeri, Frigento, Gesualdo, Grottaminarda, Melito Irpino, Sturno e Villamaina. L’accordo commerciale prevede gli insediamenti di nuove attività produttive e la promozione di attività gestite da Regione e Invitalia. Alcune delle azioni prioritarie indicate nel protocollo hanno infatti trovato realizzazione, come il riconoscimento delle aree Zes.

Dubai e gli Emirati Arabi Uniti tra i possibili protagonisti come investitori nella Zona Economica Speciale nel Mezzogiorno d’Italia

“C’è un dinamismo fra le diverse istituzioni, e tutte collaboriamo verso un unico obiettivo. Quando funzionerà la stazione assisteremo ad una crescita complessiva e ad ampio raggio dell’intera provincia. Il protocollo d’intesa con Invitalia sottoscritto in Regione Campania ci dà la consapevolezza che non basta costruire una strada ad alta velocità, ma è necessario intrecciare tutti gli elementi e avere la collaborazione di tutti, per fare in modo che l’orchestra suoni all’unisono e funzionale al nostro scopo” spiega Cobino, che definisce una nuova era del ruolo degli amministratori comunali.

“I sindaci sono chiamati ad essere imprenditori del territorio” puntualizza. “Per questo pensiamo anche all’indotto che sarà creato dal punto di vista lavorativo: si apre a Grottaminarda uno dei più grandi cantieri del Mezzogiorno e non solo a breve termine. L’economia locale avrà una svolta e abbiamo ottime prospettive di rilancio”. I comuni stanno già ricevendo le comunicazioni per gli scavi. “L’ingegnere Gentile ha addirittura anticipato i tempi per gli atti preliminari all’avvio dei lavori. Il cantiere è già aperto, ma vedremo materialmente le ruspe a settembre. Le comunicazioni potrebbero arrivare a giorni. Sono previsti tanti viadotti e gallerie, ma anche un moderno edificio che sarà la finestra della stazione Hirpinia. Quando il treno sfreccerà si affaccerà sulla valle questa provincia avrà la visibilità che merita e i Longobardi potranno finalmente compiere il resto del viaggio: dalla Scandinavia al Mediterraneo passando per l’Irpinia” conclude.

Il tavolo regionale della Zona Economica Speciale
Container per il trasporto e lo stoccaggio delle merci in transito via mare o attraverso le rotte ferroviarie

LEGGI ANCHE:

Zes: entrano l’Alta Irpinia e i Pip di Frigento, Sturno e Venticano. Logistica contro lo spopolamento

Alta capacità, confermato l’appalto dell’Apice-Hirpinia a Salini Impregilo Astaldi. A settembre i lavori

Alta capacità, a Roma il progetto definitivo per il secondo lotto Hirpinia Orsara. Via libera da Ariano

Alta capacità, pronto il progetto della Hirpinia – Orsara. In galleria per 27 chilometri

Piattaforma logistica accanto alla stazione Hirpinia, intesa Ufita-Regione-Rfi

 

ARTICOLI CORRELATI