Laceno, Bonavitacola: ecco i fondi, in 24 mesi le nuove seggiovie. Il Comune di Bagnoli: progetto da 13 milioni

L'annuncio è arrivato questa mattina a Montella in occasione della cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria al numero due della giunta regionale, di origini montellesi, al termine di un breve colloquio con il sindaco di Bagnoli Teresa Di Capua. "Resta valido il canale di finanziamento del Progetto Pilota, con un impegno della Regione Campania e il coinvolgimento del Ministero per il Trasporti"

Le seggiovie del Laceno. Il Laceno recupera i fondi del progetto pilota: pronto il decreto per 12 milioni

La Regione Campania ha annunciato attraverso il vice presidente Fulvio Bonavitacola il via libera al finanziamento della sostituzione degli impianti e rifacimento delle stazioni sciistiche di partenza e di risalita sull’altopiano del Laceno. L’annuncio è arrivato questa mattina a Montella in occasione della cerimonia per il conferimento della cittadinanza onoraria al numero due della giunta regionale Fulvio Bonavitacola, di origini montellesi, che ha coinciso con il saluto istituzionale dell’amministrazione comunale uscente guidata da Ferruccio Capone.

Teresa Di Capua sindaco di Bagnoli Irpino

“Abbiamo affrontato la questione nel dettaglio con il vice presidente regionale” ha confermato il sindaco di Bagnoli Irpino Teresa Di Capua al termine dell’incontro. “La mia amministrazione ha lavorato molto alla definizione del progetto, e alla raccolta delle autorizzazioni che sarà chiusa in settimana. Prima di dare l’ufficialità della notizia dovremo andare in giunta e completare definitivamente il plico da inviare alla Regione: è solo questione di giorni” spiega.

La Regione Campania intanto, con l’annuncio dell’Onorevole Bonavitacola ha confermato gli impegni assunti per il reperimento delle risorse, e da parte del Comune c’è tutto l’interesse a candidare il progetto nella sua interezza che prevede un investimento di 24 milioni di euro, “ma abbiamo necessità di partire quanto prima e non perdere altro tempo, per dare una risposta immediata non solo ai miei concittadini e alle imprese che hanno investito sull’altopiano, ma anche alle amministrazioni del comprensorio e del resto della provincia, che fanno sentire il loro pressing sulla necessità di avviare i lavori sul Laceno” continua Di Capua.

Di qui la scelta di avanzare nella progettazione in step. “Abbiamo deciso di candidare un primo stralcio del maxi progetto da 12 milioni di euro, e di proseguire con ulteriori progetti fino ala totale realizzazione del progetto originario, che include una pianificazione di ampio respiro. Purtroppo la presentazione dell’intera piattaforma avrebbe comportato gravosi adempimenti burocratici, e il Laceno deve assolutamente ripartire per lenire le sofferenze delle tante attività che lamentano la chiusura degli impianti”.

Il canale di finanziamento del primo stralcio progettuale resta quello della Strategia Nazionale per le Aree Interne, come già preannunciato nei mesi precedenti dal sindaco Di Capua. “Bonavitacola ci ha confermato l’interesse della Regione Campania e il diretto coinvolgimento del Ministero dei Trasporti. Resta valido il tracciato della costruenda Città dell’Alta Irpinia”.

ARTICOLI CORRELATI