Il Vescovo Aiello incontra i 67 della Sonora Sax al ‘Cimarosa’

Torna 'Note per l'anima' con i "Paesaggi musicali" affidati alla Sonora Junior Sax

Al Conservatorio Cimarosa di Avellino giovedì 22 novembre alle ore 19, i 67 giovani orchestrali della Sonora Junior Sax, diretti dal maestro Domenico Luciano, incontrano sua eccellenza Monsignor Arturo Aiello per il secondo appuntamento di questa nuova edizione di «Note per l’anima», una iniziativa che unisce spiritualità e musica, un progetto innovativo ed emozionale, fortemente voluto dalla Diocesi di Avellino e sostenuto con convinzione dal Conservatorio «Cimarosa» presieduto da Luca Cipriano e diretto da Carmelo Columbro. Mai tanti giovani sul palco del «Cimarosa»insieme al Vescovo Aiello per un grande appuntamento tra musica e parole che questa volta è pronto a stupire l’affezionato pubblico della città di Avellino.

Il Vescovo di Avellino, monsignor Arturo Aiello

Nella splendida location dell’Auditorium «Vitale» di piazza Castello (ingresso gratuito fino ad esaurimento posti a sedere) il secondo appuntamento della rassegna incentrata sui «Paesaggi Musicali» e punterà a riconciliare cuore e mentenel segno delle riflessioni affidate al Vescovo Aielloche, questa volta, avranno come tappeto sonoro la verve e l’entusiasmo in musica di 67 giovani sassofonisti provenienti da ogni angolo della Campania.

La Sonora Junior Sax è una formazione orchestrale composta da ragazzi dai 9 ai 23 anni, tutti allievi ed ex allievi delle Scuole medie ad indirizzo musicale diretti dal maestro Domenico Luciano, coadiuvati da un gruppo di giovani tutor quali Luigi Cioffi, Angela Colucci e Nicola De Giacomo, che si integrano tra di loro in un coinvolgente “solo – tutti”che spazia dai brani più ‘classici’ al repertorio “popular” trattato con ironia e virtuosismo.

Un momento del concerto benefico di sabato sera della Associazione “Sonora Junior Sax” di Avellino, che si è esibita al Duomo di Avellino al fianco di sei musicisti di livello internazionale

I RICONOSCIMENTI. La SJS, piazzatasi al primo posto al concorso mondiale Summa Cum Laude 2016, svoltosi a Vienna, precedendo in classifica 25 orchestre provenienti dai 5 continenti, sarà composta da: Gaetano Amoroso, Natalia Angiolani, Martina Attanasio, Alfredo Barile, Gianmarco Barra, Carmelo Bettini, Lorenzo Bocchino, Emanuel Bosco, Maria Chiara Beatrice Cannavale, Jacopo Capone, Francesca Carrozza, Mattia Chiaradonna, Gabriele Cianciulli, Giorgia e Sara Corrente, Simone Coscia, Alessandro D’Abbrusco, Emanuela Della Vecchia, Vittorio Delli Gatti, Francesco De Maio, Elvira, Giorgia e Salvatore Di Giacomo, Salvatore Di Gregorio, Maria Antonietta Di Libero, Federica Di Nesta, Davide Elisio, Pasquale Falabella, Claudia Fiondo, Stefano Fiorillo, Carlo Maria Franceschetti, Sebastiano Gaeta, Francesco Gramaglia, Luca Isernia, Simone Izzo, Salvatore Lepore, Valentina Malandrino, Elisa Maraffa, Giacomo Mele, Simone Pio Muro, Rosina Naddeo, Salvatore Negro, Giuseppe Olivieri, Lucia Parente, Luca e Marco Pastore, Sabrina e Sara Perrotta, Simone Picardi, Giosuè, Lorenzo e Raffaele Pizza, Francesco Rago, Giovanni Raimondi, Bruno e Carmine Rizzo, Felice Sabato, Raffaele Saviello, Gaia Schiavone, Antonio Sibilia, Vincenzo Tisi, Annachiara e Giuseppe Varallo, Giulia Vernacchio, Umberto Viola, Alessio Villani e Gaia Volpe.

LA MUSICA. Il programma della serata si declinerà sulle note di «Into the storm» di Smith e «Hammerland» di De Haan, sulle melodie del «Nessun Dorma» di Puccini e del «Notturno» di Sibaldi. E spazierà dalla «Masquerade» di Kachaturian ai «I migliori anni della nostra vita» di Renato Zero, fino all’«Allegrone moderato» di Sibaldi e al «The recorder» di Vanni.