Due aziende irpine ad Ecomondo

All'esposizione di Rimini che apre oggi fino al nove novembre partecipano due aziende avellinesi. La fiera è un appuntamento annuale e internazionale sull'economia circolare, il concetto di riusco , bonifica e bioeconomia.

Solo due le realtà aziendali irpine da oggi a Rimini per la Fiera Ecomondo. L’esposizione leader della green e circular economy nell’area euro-mediterranea rappresenta un evento internazionale. Un format innovativo che unisce in un’unica piattaforma tutti i settori dell’economia circolare: dal recupero di materia ed energia allo sviluppo sostenibile.

Avellino si presenta con Monsud SpA e I.V.P.C. Service Srl. La prima si occupa di impianti industriali, energia e ambiente. Produce inoltre nei settori chimico e petrolchimico, nell’industria del vetro ed è esperta nell’attività di decommissioning di impianti nucleari. Tant’è che ha realizzato un sito di deposito temporaneo di rifiuti radioattivi nel casertano.

L’I.V.P.C. è l’azienda irpina del vento. Attiva infatti nella realizzazione e manutenzione di parchi eolici. Ad oggi  ha sviluppato Parchi eolici per un totale di 1035 MW costituiti da 1171 turbine distribuite su sette regioni italiane. Attualmente, in virtù di varie operazioni societarie susseguitesi negli anni, il Gruppo IVPC detiene la titolarità di 271.8 MW e gestisce l’esercizio e la manutenzione di Parchi Eolici di oltre 700 MW.

Lo scopo dell’appuntamento che inizia oggi e si chiude il 9 novembre è quello di sensibilizzare ulteriormente le attività imprenditoriali verso l’economia circolare, il riuso, la produzione energetica da rifiuti, la tutela dell’ambiente.

In particolare saranno esaminate e discusse le principali novità, necessità e opportunità del riuso, le materie prime alternative e l’ecodesign industriale. Ancora la bonifica e la riqualificazione delle aree contaminate e la bioeconomia. 

In contemporanea con Ecomondo si svolge Key Energy  “Energy transition hub”. E’ la fiera delle soluzioni e applicazioni di efficienza energetica ed energie rinnovabili. Ecomondo, inoltre, propone dal 2009 un modello ideale di Città Sostenibile, all’interno di uno spazio espositivo che mostra modelli di urbanizzazione, soluzioni tecnologiche, progetti, piani di mobilità, che consentono di migliorare la vita dei cittadini e favorire lo sviluppo dei territorio in chiave sostenibile.

L’auspicio è che nelle prossime edizioni (annuali) altre realtà irpine prendano parte. La presenza di aziende ad appuntamenti di questo tipo rende testimonianza di una consapevolezza se non già di una messa in pratica dell’economia circolare da parte dell’azienda stessa. E’ per questo augurabile tutte le realtà industriali della provincia coltivino tale visione che è poi per buona parte fortemente auspicato e previsto dal Quadro Europeo per il clima e l’energia 2030.