Un museo diffuso per il patrimonio artistico della Diocesi Avellino. Intesa Comune-Vescovo

INTESA TRA IL COMUNE DI AVELLINO E IL VESCOVO. L'amministrazione comunale ha reso note una serie di iniziative collegate ai fondi europei approvate dalla Giunta. Previsti: la riqualificazione del palazzo degli uffici di piazza del Popolo, il Parco Progetti del Pics, con maggiori fondi per Picarelli. Candidati 25 progetti di associazioni e istituzioni private

Un museo diffuso per valorizzare l’inestimabile patrimonio artistico della Diocesi Avellino. La giunta comunale ha ratificato il protocollo d’intesa tra la Diocesi di Avellino e il Comune capoluogo sottoscritto nel 2015 dall’allora sindaco Paolo Foti e dall’allora Vescovo Francesco Marino, con l’approvazione del Progetto “Museo Diffuso”, per la valorizzazione e fruizione dei beni e del patrimonio della Diocesi di Avellino.

Si tratta di un patrimonio straordinario, che neanche gli avellinesi conoscono pienamente. Basti pensare all’inventario pubblicato dalla Chiesa Cattolica. La Diocesi di Avellino dispone di 5.327 beni storici e artistici, 17.492 beni librari, 141 edifici di culto e 4 istituti culturali.


CONSULTA: LA STORIA DELLA DIOCESI DI AVELLINO

L’assessore Teresa Mele accanto al Sindaco di Avellino, Paolo Foti, in occasione della presentazione alla stampa del Museo di Villa Amendola

RESTYLING DEL PALAZZO DEGLI UFFICI. Tra gli altri argomenti all’esame, interventi sulla sede municipale del Capoluogo. Il Municipio di Avellino si fa il lifting. La giunta Ciampi ha infatti approvato, su proposta dell’assessore ai Fondi Europei Carmine De Angelis e dell’assessore all’Ambiente Massimo Mingarelli, la delibera con cui si approva il progetto esecutivo dell’intervento di riqualificazione del Palazzo degli uffici comunali redatto dai tecnici interni dell’ente. L’atto non comporta alcun impegno di spesa per il Comune ma troverà copertura, in caso di finanziamento, nell’ambito delle risorse del Por Campania Fesr 2014-2020 asse prioritario 4 “Energia Sostenibile”.

Il Vescovo di Avellino, monsignor Arturo Aiello

HOUSING SOCIALE. «Anche in questo caso, per il Comune non è previsto nessun impegno di spesa, in quanto il tutto troverà copertura con i fondi europei». La giunta ha approvato il parco progetti dei Pics per una dotazione di circa 18 milioni di euro. Inoltre, si è preso atto dell’aumento del fondo regionale per Housing sociale di Picarelli da 1.600.000 a 2.400.000 euro; si riavvia il Piano Strategico fermo al 2015 senza costi per l’Ente ma valorizzando e potenziando le professionalità interne.

INIZIATIVE PRIVATE CANDIDATE AD HORIZON E UIA. Infine, «si acquisiscono – dopo la manifestazione d’interesse – oltre 25 progetti presentati da associazioni, mondo del volontariato, università e società relative ai fondi diretti Horizon e UIA. Tanti progetti nati dal basso, dalla creatività dei cittadini che l’Amministrazione comunale vuole valorizzare e realizzare».