Lo stabilimento della Fca a Pratola Serra, alle porte di Avellino

Il Partito Democratico provinciale va all’attacco dei Cinque Stelle sulla vicenda della Fca. E contesta l’inconsistenza del peso in Commissione Lavoro dell’Irpinia, nonostante il ruolo di capogruppo in capo all’esponente pentastellata Maria Pallini, eletta ad Avellino.

Dopo la nota diffusa ieri, con le proposte avanzate da via Tagliamento per produrre un chiarimento da parte delle aziende sulle scelte e sul ruolo del Governo nella delicata partita industriale di Pratola Serra e Flumeri, resta alta la tensione tra gli addetti, che in condizioni diverse affrontano questo clima di incertezza sulle sorti dei due  stabilimenti.

Il Pd attende risposta all’interrogazione depositata alla Camera dall’on. Gribaudo con cui si chiede conto al Ministro Luigi Di Maio del futuro dello stabilimento di Pratola Serra.

La deputata dell’M5s, Maria Pallini

L’iniziativa dei Democratici irpini arriva nelle stesse ore in cui a Melfi fa discutere il doppio stop settimanale imposto dalla Fca alla produzione per consentire lavori di adeguamento “all’andamento del mercato e più complessivamente alla situazione tecnico produttiva organizzativa”, come si legge in una nota della direzione aziendale all’esecutivo sindacale dello stabilimento. Come è noto, a Melfi si producono Jeep Renegade e 500X.

Nel chiedere ai deputati irpini del Movimento di farsi carico di un interesse primario dell’economia provinciale, il Pd avanza due proposte, una riguardante proprio la Fca, la seconda per la ex Irisbus, al centro di un complesso riassetto della proprietà.

Si richiede una “audizione in Commissione Lavoro della Camera dei vertici aziendali di FCA per chiarire il ruolo dello stabilimento di Pratola Serra nei futuri processi produttivi, sollecitando investimenti per la riconversione degli impianti e la formazione dei lavoratori”, si legge. “Proprio rispetto alla formazione, all’assessore regionale Sonia Palmeri è stata consegnata la richiesta di accompagnare, nell’ambito delle competenze in capo al Governo della Campania, il percorso di riqualificazione per il passaggio dalla realizzazione dei motori dal diesel all’ibrido e all’elettrico”.

Chiara Gribaudo, deputata del Pd e componente della segreteria di Maurizio Martina

Per quanto riguarda l’IIA, invece “è stato chiesto all’on. Gribaudo di vigilare affinché gli stanziamenti sulla mobilità locale previsti dalla Legge di Bilancio 2017 (5 miliardi di euro all’anno per il quinquennio 2018-2022) ed in particolare il sostegno ai Piani Urbani di Mobilità Sostenibile siano confermati nella Finanziaria 2018”.

In questo senso, “l’assessore Palmeri è stata invitata a dare un impulso come Regione Campania, in sinergia con la Regione Emilia Romagna, affinché anche in sede di Conferenza Stato-Regioni il Governo sia sollecitato a dare risposte certe sull’obiettivo di produrre autobus, nella consapevolezza che nuovi soci pubblici o privati potranno decidere di investire solo in presenza di un proseguimento sulla strada degli investimenti nel trasporto locale, tracciata dai governi di centrosinistra”.

Inoltre, si richiede il coinvolgimento nel percorso “di tutte le forze politiche della provincia di Avellino, stante l’assordante silenzio su FCA dell’on. Pallini (capogruppo del M5S in Commissione Lavoro della Camera) e la stucchevole rivendicazione di meriti inesistenti su IIA da parte della stessa on. Pallini e dell’on. Gubitosa”.

E si conclude: “Il Pd sfida dunque i rappresentanti irpini in Parlamento del M5S a un confronto diretto e pubblico sui temi del lavoro”, spiega Crescenzo Fabrizio, Responsabile Dipartimento Lavoro del PD irpino.

DOSSIER FCA

Fca, la Fiom chiede un tavolo al Mise sull’automotive

Fca di Pratola Serra, il Pd interroga Di Maio sul futuro della fabbrica Oggi parla la Fiom

Fca, giorni decisivi per il Piano Manley. Pratola Serra col fiato sospeso