Una collaborazione tra Università di Salerno, la scuola media ed elementare e il Comune di Avellino per la progettazione condivisa e partecipata del campus che sostituirà l’inagibile sede della vecchia media ‘Dante Alighieri’.

Questa mattina è stata siglata dal sindaco Vincenzo Ciampi la convenzione con l’Università di Salerno, in particolare il Dipartimento di Scienze Umane, Filosofiche e della Formazione, con l’Istituto Comprensivo “Perna-Dante Alighieri” e con l’Istituto comprensivo “V Circolo Didattico Statale “Giovanni Palatucci”.

«Con la firma è stata sancita la collaborazione tra Comune, Università e scuola per l’attivazione dei laboratori di progettazione partecipata e delle altre forme di partecipazione, quali un concorso di idee ‘La scuola che vorrei …’ e la compilazione di questionari, che porteranno alla definizione del progetto esecutivo dell’intervento di realizzazione del ‘Campus scolastico “Dante Alighieri’…», si legge in una nota diffusa dall’amministrazione di piazza del Popolo.

In particolare, «il Comune di Avellino, il DISUFF dell’Università degli Studi di Salerno, l’Istituto comprensivo ‘Perna – Dante Alighieri’ e la Scuola Primaria ‘Madre Teresa di Calcutta’ del ‘V Circolo Didattico Statale Giovanni Palatucci’ collaboreranno per l’attivazione di laboratori di progettazione partecipata e delle altre forme di partecipazione quali un concorso di idee ‘La scuola che vorrei …’ e la compilazione di questionari, che porteranno alla definizione del progetto esecutivo dell’intervento di realizzazione del ‘Campus scolastico Dante Alighieri, da settembre a dicembre 2018”, si legge all’articolo 1 del Protocollo d’intesa.  Il Gruppo di lavoro sarà formato da: due referenti del Comune di Avellino, uno del Servizio Strategico “Europa e cooperazione internazionale” e uno del Settore LL.PP. Edilizia scolastica; due referenti rappresentano il DISUFF; tre saranno i referenti dell’Istituto comprensivo “Perna – Dante Alighieri”; tre i referenti della Scuola Primaria Madre Teresa di Calcutta del “V Circolo Didattico Statale “Giovanni Palatucci”.
«Le parti collaboreranno in stretta sinergia al progetto, nel rispetto delle specifiche competenze», si legge ancora nel Protocollo.

L’assessore alla Cultura, Michela Mancusi

Le attività del Laboratorio di progettazione partecipata si svolgeranno principalmente presso le due sedi che attualmente ospitano l’Istituto comprensivo “Perna – Dante Alighieri”: quello di Valle e l’Istituto “Leonardo da Vinci. Altre specifiche attività saranno realizzate presso gli uffici del Comune di Avellino, si apprende.

«La partecipazione alla vita democratica della città è il faro che ispira la nostra amministrazione – sottolinea il sindaco -. Se poi la condivisione coinvolge scuole e studenti, siamo doppiamente soddisfatti. Inizia un percorso virtuoso che non terminerà. Per noi è soltanto il primo tassello di un processo di partecipazione che vedrà in campo giovani e meno giovani. Applicheremo la democrazia diretta in diversi settori”.

La firma del Protocollo d’intesa è avvenuta nella sala stampa del Comune di Avellino, presenti accanto al Sindaco Vincenzo Ciampi, anche il vice Nando Picariello e gli assessori ai Fondi Europei Carmine De Angelis, ai Lavori Pubblici, Rita Sciscio e alle Politiche Culturali e Pubblica Istruzione Michela Mancusi.

La sede storica della Dante Alighieri è chiusa dal 2012. Sono state avviate le procedure per l’affidamento dell’appalto integrato per la progettazione e la realizzazione del Campus. Il lavoro del laboratorio servirà a fornire indicazioni precise ai tecnici, in luogo di quelle più generali già fornite dalla amministrazione comunale.


LA BOZZA DEL PROTOCOLLO PER LA SCUOLA “DANTE ALIGHIERI” FIRMATO AL COMUNE DI AVELLINO | Scarica il documento in file pdf


APPROFONDIMENTO

 

Rosa Grano: “La scuola è l’ultimo argine contro la desertificazione”

Taglio del nastro al Colletta e all’istituto comprensivo di Pietradefusi