Piantedosi torna al Viminale
Stavolta accanto a Salvini

Aveva già collaborato con Anna Maria Cancellieri al Ministero dell'Interno nel 2011. Ora sarà il Capo di Gabinetto per il Ministro. Una lunga carriera tra prefetture e governo

Matteo Piantedosi, prefetto di Bologna già vicecapo di gabinetto al Viminale nel Governo Monti acanto al Ministro Anna Maria Cancellieri, è stato scelto da Matteo Salvini per il ruolo di Capo di Gabinetto del Ministro. Il suo delicatissimo compito in ultima analisi è  curare il raccordo del vertice politico con l’Amministrazione.

L’annuncio è stato dato giovedì sera a Palazzo Chigi dallo stesso Salvini, prima di presiedere il Consiglio dei Ministri per l’assenza del premier Giuseppe Conte, impegnato al G7 del Canada.

Originario di Cervinara, ma nato a Napoli (leggi la biografia) è molto conosciuto in provincia di Avellino, dove ha partecipato a numerose iniziative promosse dalle autonomie locali.

Tra le altre circostanze, sabato 27 giugno 2015 è stato l’ospite d’onore alla inaugurazione della centrale di videosorveglianza di Mercogliano e del Partenio (vedi la galleria fotografica sotto).

Piantedosi, sposato e con due figlie, nato a Napoli nel 1963, laureato in Giurisprudenza, ha lavorato alla Prefettura di Bologna dal 1989. Nel 2007 viene nominato Viceprefetto Vicario della Prefettura di Bologna. Nel 2009 al Ministero dell’Interno ha diretto l’Ufficio Relazioni Parlamentari presso l’Ufficio Affari legislativi e Relazioni parlamentari del Viminale. Già Capo Gabinetto del Capo Dipartimento per le politiche del personale dell’amministrazione civile e per le risorse strumentali e finanziarie, prefetto di Lodi, e Vicecapo di Gabinetto del Ministero degli Interni nell’esecutivo guidato da Mario Monti (con Anna Maria Cancellieri ministro degli Interni) a maggio del 2017 era tornato a Bologna come Prefetto, dopo aver fatto parte della Commissione consulta per l’attuazione del servizio del Numero Unico di emergenza Europeo.