Premio Internazionale della Danza al Gesualdo di Avellino. Il programma

IL RITORNO DELL'ÉTOILE GIUSEPPE PICONE AL TEATRO COMUNALE DOPO 15 ANNI. Il 23 e 24 aprile sul palcoscenico del Teatro comunale si terrà il primo Gran Premio Internazionale della Danza 'Carlo Gesualdo'. Gli organizzatori: un evento unico nel suo genere per partecipazione di nomi prestigiosi e sforzo organizzativo

Sul palcoscenico del Teatro comunale il 23 e 24 aprile si svolgerà il Premio Internazionale della Danza al Gesualdo di Avellino. «La danza sarà protagonista ai massimi livelli, grazie alla presenza dei suoi maggiori esponenti provenienti da tutto il mondo», coinvolgendo la città, spiegano gli organizzatori.

Giuseppe Picone

IL RITORNO DI GIUSEPPE PICONE AD AVELLINO DOPO 15 ANNI. Il progetto artistico ideato da Guendalina Manzi vede il maestro Fabrizio Esposito nelle vesti di direttore artistico. Giudice del concorso, nel ruolo di presidente di giuria, e padrino della manifestazione sarà Giuseppe Picone, étoile di fama internazionale. Entrato a soli nove anni nella Scuola di Ballo del Teatro San Carlo di Napoli, a dodici viene scelto da Carla Fracci per il balletto “Nijinsky” di Beppe Menegatti. Poi, da quel momento, una carriera artistica incredibile che lo ha portato a calcare tutti i più autorevoli palcoscenici, entrando nell’Olimpo sacro della danza classica mondiale. Nonostante una vita vissuta in giro per il mondo, restano salde le sue origini campane e l’affetto che lo lega alla sua terra. «Sono nato a Napoli e cresciuto in provincia di Caserta, ma sono molto felice di tornare al Teatro ‘Carlo Gesualdo’ di Avellino, dal quale manco da circa 15 anni quando partecipai come ospite a una serata di Gala», spiega Giuseppe Picone. «Il ‘Gesualdo’ è un teatro che merita tantissimo. E, per quanto riguarda la danza nello specifico, è perfetto: ampio, strutturalmente imponente, costruito pensando a grandi rappresentazioni. Conosco Fabrizio Esposito da quando avevo 10 anni, in quanto parte del corpo di ballo del Teatro San Carlo di Napoli, e ho accettato immediatamente il suo invito, il piacere è enorme di prendere parte a questo prestigioso evento».

Premio Internazionale della Danza al Gesualdo di Avellino. Il programma. Nella foto (fornita dagli organizzatori): Luisa Ielluzzi, Ballerina del teatro San Carlo di Napoli, fotografata da Luigi Bilancio

IL PROGETTO DI GUENDALINA MANZI CON LA DIREZIONE DI FABRIZIO ESPOSITO. Ideato e fortemente voluto da Guendalina Manzi, direttrice della scuola tersicorea “Esmeralda” di Avellino, il progetto vede il maestro Fabrizio Esposito nelle vesti di direttore artistico. «È tempo di rifiorire, per la città e per tutti noi che siamo reduci da momenti di chiusura e grigiore, e quale strumento migliore dell’arte per elevare l’anima al bello», spiega Guendalina Manzi che affiancherà Esposito nella direzione artistica. «Da un po’ di mesi pensavo all’organizzazione di un evento che avesse la danza come protagonista ma che fosse allo stesso tempo inclusivo rispetto all’arte in generale. La prima persona alla quale ho pensato per affidarvi la direzione artistica è stata proprio Fabrizio Esposito, per il suo talento di ballerino e la sua lunga esperienza nell’organizzazione di eventi di grande portata».  Danzatore solista e primo ballerino del Teatro “San Carlo” di Napoli dal 1986 al 2012, Esposito ha calcato i palcoscenici insieme ai più grandi ballerini al mondo, da Nurayev a Bolle, dalla Fracci all’Abbagnato, oltre a importanti esperienze di direzione artistica come il Napoli Danza Festival, Amalfi International, Roscigno Danza ed Opendanzalive. «Ho subito accettato con entusiasmo l’invito di Guendalina Manzi, una professionista dotata di profonda sensibilità artistica. L’intento alla base di questo evento è creare per la prima volta un premio di tale portata dedicato alla danza, un po’ come avviene in città come Milano o Roma. Ad Avellino c’è la fortuna di avere un teatro molto importante. Ritengo che per la danza, su tutto il territorio campano, a livello strutturale sia secondo solo al Teatro ‘San Carlo’. È dunque importante valorizzarlo e offrire alla città un’occasione artistico-culturale di gran pregio».

La facciata del Teatro ‘Carlo Gesualdo’ di Avellino

Il Gran Premio
  • LA GIURIA INTERNAZIONALE. Il prestigioso ruolo del presidente della giuria internazionale è stato affidato al padrino della manifestazione l’étoile internazionale Giuseppe Picone che sarà affiancato da Simona Noja, già direttrice della scuola dell’Opera di Vienna e membro della giuria del Prix de Lausanne’s 2015,  dirige la Wiener Staatsoper Ballet Academy, Valentina Marini, presidente A.I.D.A.P. – direttore Spellbound Contemporary Ballet Roma, François Petit, Assistente direttore Ballett Schule Theater Basel, Alin Gheorghiu, consigliere onorifico balletto dell’Opera Nazionale di Bucarest, Alen Bottaini, direttore Bavaria ballett academy di Monaco di Baviera, Alessandro Rende direttore Europa in danza e Italian dance award.
  • LE SCUOLE DI DANZA ITALIANE. Le giornate del 23 e 24 aprile saranno aperte alle scuole di danza italiane, per offrire ai giovani allievi occasioni di crescita professionale e la possibilità di guadagnare esperienze formative di prestigio.
  • I PREMI E LA MOSTRA FOTOGRAFICA AQVA. La serata conclusiva si terrà sabato 24 aprile, alle ore 20.30, e vedrà l’esibizione di etoile internazionali intervallati dalle cerimonie di premiazioni degli ospiti secondo il seguente ordine: Premio Carla Fracci, Premio al talento, Premio Produzione, Premio Formazione, Premio Carriera. Il Teatro Gesualdo, durante l’evento, ospiterà la mostra fotografica “AQVA” di Luigi Bilancio.
  • LA PARTNERSHIP ISTITUZIONALE DI AVELLINO. La proposta «è stata accolta con interesse e grande apertura da parte del sindaco di Avellino, Gianluca Festa, e dal vicesindaco, Laura Nargi, nonché dalla Libertas Campania, da Istituti cittadini come il Conservatorio ‘Domenico Cimarosa’ e il Liceo Artistico ‘De Luca’. Nell’ottica della migliore sinergia organizzativa e culturale», riferiscono gli organizzatori.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web ufficiale della manifestazione  www.premiodanzacarlogesualdo.it


LEGGI ANCHE:

Green pass eliminato in Campania e in Italia dall’1 aprile per bus, negozi e alberghi

La Campania è zona bianca. Mascherine all’aperto, da oggi stop all’obbligo. Le regole

Coronavirus in Irpinia: 807 casi, di cui 137 ad Avellino e 52 ad Ariano e 40 a Montoro. L’elenco

 

 

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI