Elezioni provinciali rinviate alla primavera

Nuova scadenza entro il 31 marzo. Lo stabilisce una norma del Decreto Ristori bis approvato nella notte dal Consiglio dei Ministri

Elezioni provinciali rinviate alla primavera con scadenza entro il 31 marzo. Nella notte il Consiglio dei Ministri ha approvato con il cosiddetto Decreto ‘Ristori Bis’ un decreto-legge che introduce disposizioni urgenti per il differimento di consultazioni elettorali per l’anno 2020. Il provvedimento contiene una norma che fa slittare tutte le consultazioni elettorali di primo e secondo livello.

Provincia di Avellino. La sede di Palazzo Caracciolo

“Le consultazioni elettorali concernenti le elezioni dei presidenti delle province e dei Consigli provinciali delle regioni a statuto ordinario si svolgono entro il 31 marzo 2021”, si legge nel comunicato stampa diffuso da Palazzo Chigi. “Fino al rinnovo dei Consigli metropolitani e dei Consigli provinciali citati, è prorogata la durata del mandato di quelli in carica”. Il Decreto interviene con un ulteriore stanziamento di risorse, destinato al ristoro delle attività economiche interessate, direttamente o indirettamente, dalle restrizioni disposte a tutela della salute, al sostegno dei lavoratori in esse impiegati, nonché con ulteriori misure connesse all’emergenza in corso. Il rinvio delle elezioni provinciali era stato espressamente richiesto dall’Unione delle Province e, ad Avellino, segnatamente dal Presidente Domenico Biancardi, interpretando l’auspicio di larghi settori della politica e delle istituzioni locali, preoccupate per l’escalation dell’epidemia di coronavirus e per i rischi connessi alle operazioni di voto, in un momento in cui il contenimento del virus impone sacrifici importanti a molte categorie economiche e produttivi, alle famiglie e alle imprese. Elezioni provinciali rinviate di un semestre, quindi alla prossima primavera, quando l’auspicio è che vaccino e cure siano finalmente disponibili.


LEGGI ANCHE:

In Campania scuole chiuse e stop mobilità tra province. Scatta l’area gialla: le regole

In Campania i positivi al Covid-19 salgono per 4.508 casi (34.654 in 10 giorni) con 40 morti. Le tabelle

ARTICOLI CORRELATI