Gargani sferza De Luca e lancia Marilena Di Ianni e Maggio

L'ex parlamentare annuncia la sua partecipazione alla manifestazione pubblica di Carife con l'Udc. E liquida il governatore in carica: ha speso solo il 27,37 dei finanziamenti europei

Giuseppe Gargani sferza De Luca, annunciando che parteciperà alla manifestazione organizzata a Carife per la presentazione della candida Marilena Di Ianni. «A nome della Federazione dei Popolari e dell’UDC sono onorato per la candidatura di una donna di cultura, nuova all’impegno politico, e di tradizione democristiana che sente l’impegno civile e sociale di rappresentare il suo territorio», ha detto Gargani.

Giuseppe Gargani

«La politica trasparente e chiara è questa, a fronte di una ammucchiata di liste che caratterizza negativamente questa campagna elettorale, perché quasi tutti i candidati a queste elezioni regionali, nel 2015 erano collocati in partiti e in liste diverse», ha osservato l’ex parlamentare e sottosegretario di Stato.

«Insieme alla Di Ianni è in lista il dott. Ugo Maggio con l’esperienza del professionista e con la responsabilità di guidare il consiglio comunale di Avellino per una più incisiva rappresentanza regionale.
La nostra provincia ha bisogno di esempi di coerenza e dell’impegno di questi candidati, e di una guida regionale all’altezza dei tempi», ha continuato, prima di soffermarsi sulla sfida del Centrodestra in Campania.

Ugo Maggio e Gianluca Festa

GARGANI SFERZA DE LUCA: NON HA SAPUTO SPENDERE LE RISORSE DISPONIBILI. «Stefano Caldoro è una candidatura di garanzia, perché non vuole essere ‘governatore’ con pieni poteri, come l’attuale Presidente De Luca, gestiti in maniera personale e clientelare, ma programmatore e amministratore collegiale, e come pochi ha conoscenza e consapevolezza del ruolo che la Regione deve svolgere anche nei confronti dell’Europa». Gargani ricorda che «nei prossimi mesi questa Europa solidale metterà a disposizione dell’Italia ingenti finanziamenti per i quali è necessario avere una strategia per lo sviluppo del Sud e progetti adeguati». A tale riguardo, concludendo Giuseppe Gargani esprime le proprie riserve circa l’operato dell’attuale governatore. «Il Presidente uscente su queste problematiche è completamente assente: il suo bilancio di cinque anni è negativo perché ha utilizzato per il piano 2014-2020 solo il 27,37 dei finanziamenti con ancora 3 miliardi da spendere: altro che progetto pilota per l’Alta Irpinia!».


LEGGI ANCHE:

Caldoro ad Ariano per Marco La Carità candidato sindaco

Positivi al coronavirus in Irpinia 12, di cui 8 tra Mercogliano e Avellino. In Campania 203 casi e 1 morto

ARTICOLI CORRELATI