Amalio Santoro: il Sindaco di Avellino non ha opposizione

Conferenza stampa presso la struttura "Le querce" del capogruppo di "Si può" sulla situazione politica in città a due mesi e mezzo dal ballottaggio, che ha eletto Gianluca Festa. Critiche a tutti i gruppi di minoranza accusati di venir meno al mandato ricevuto dagli elettori sottraendosi al ruolo di oppositori

Amalio Santoro

Amalio Santoro sferra un duplice attacco al Sindaco di Avellino e alle opposizioni in Consiglio comunale. Lo ha fatto con una conferenza stampa convocata dal Gruppo “Si può” presso la struttura “Le querce”, per fare il punto sulla situazione politica e ammnistrativa in città, a due mesi dal voto. Per Amalio Santoro “nonostante la città viva una condizione di grave difficoltà, l’Amministrazione si limita al programma del Ferragosto, ha affermato. Di fronte a questa condizione, che descrive come ‘critica’ della città, l’esponente della Sinistra in consiglio comunale condanna il profilo basso e defilato dei gruppi di minoranza, tutti appiattiti e silenti. Mentre “Luca Cipriano apre un dialogo su qualcosa che non si è capito”, spiega, “i Cinque Stelle sono in balia del Sindaco, sia pure con posizioni differenziate dei suoi protagonisti, i consiglieri Luigi Urciuoli e Ferdinando Picariello”. Ne ha anche per Dino Preziosi, del quale ha evidenziato l’assenza in occasione della seduta dedicata agli equilibri di bilancio e al piano di rientro dal pre dissesto. In questo delicato contesto, è l’accusa, si viene meno all’impegno con i cittadini, mancando di rispetto perfino alla maggioranza, che nella assemblea si ritrova ad agire in perfetta solitudine.

Luca Cipriano durante la conferenza stampa nella quale ha fatto l’analisi del voto

Amalio Santoro che preannuncia un incontro al centro sociale “Samantha Della Porta” il 28 settembre sulla crisi di Governo, annuncia invece l’intenzione di sviluppare in consiglio comunale una attività di rigoroso controllo su i deliberati, alimentando un dibattito costruttivo nel rispetto dei ruoli con maggioranza e opposizione. Quella che l’ex segretario del Partito Popolare irpino evoca è una stagione dei doveri nella quale la politica di Avellino ritrovi quella etica della responsabilità indispensabile a rispettare il mandato popolare a fare l’interesse della comunità locale.

Dino Preziosi

Come si ricorderà Amalio Santoro è stato candidato sindaco dal cosiddetto centrosinistra alternativo, in contrapposizione a Gianluca Festa e Luca Cipriano. Dalle sue parole arriva la conferma che le divisioni registrate in campagna elettorale con il sindaco e il suo sfidante sconfitto al ballottaggio permangono.


LEGGI ANCHE:

Cipriano al Sindaco di Avellino: basta scontro, dialogo su problemi e soluzioni

 

ARTICOLI CORRELATI