Presentata la produzione del Ducato alla Fca di Pratola Serra. Il sindacato unito brinda (senza la Fiom)

FISMIC, ZAOLINO: «DOPO 10 ANNI DI ATTESA E SOFFERENZA LA SVOLTA DEL RILANCIO CON INVESTIMENTI MILIONARI SENZA ALCUN AIUTO DEL GOVERNO». La Direzione aziendale dello stabilimento avellinese ha annunciato un piano di investimenti nella fabbrica irpina, dove alla produzione motoristica per le auto si aggiungerà il Diesel che spingerà i nuovi veicoli commerciali. La nota della Fismic che festeggia anche la ritrovata unità aziendale, oltre agli investimenti nell'elettrico in corso a Mirafiori. Il comunicato Fca

Alla Fca di Pratola Serra si produrranno i motori per il Ducato della linea Fiat Professional

Presentata la produzione del Ducato alla Fca di Pratola Serra. Il sindacato unito brinda (senza la Fiom). La Direzione aziendale dello stabilimento avellinese ha illustrato ieri alle rappresentanze sindacali di Fismic-Fim-Uilm-e Uglm, presenti con i referenti Giuseppe Zaolino, Luigi Galano, Gaetano Altieri e Giuseppe Oliviero e e rappresentanze sindacali unitarie il piano industriale per i prossimi anni. «Due ore di riunione in cui la Direzione dello stabilimento ha presentato il piano industriale che rilancerà la più grande fabbrica dell’Irpinia», ha fatto sapere Zaolino in una nota diffusa in mattinata.

Giuseppe Zaolino, Segretario della Fismic di Avellino

ZAOLINO: «UNA SVOLTA LUNGAMENTE ATTESA». «Possiamo definire la riunione di ieri dichiara il Segretario Generale della Fismic-Confsal  Irpina un nuovo inizio che premia la caparbietà dei lavoratori, del sindacato e dell’azienda a credere nel futuro anche quando gli scenari facevano presagire il peggio», ha scritto in un comunicato Giuseppe Zaolino. «Nel piano industriale ci sono nuovi motori sia per il settore auto e sia per i veicoli commerciali». Per Zaolino la data scelta dalla Direzione Aziendale per ufficializzare i programmi della Fca a Pratola Serra non poteva essere più felice. Contemporaneamente «a Torino si è annunciata la installazione del primo robot della linea di montaggio a Mirafiori per la produzione della nuova Cinquecento elettrica», per la quale il gruppo automobilistico torinese ha comunicato la partnership con Enel X (vedi la nota ufficiale della Fiat Chrysler riportata di seguito). Ma Zaolino si sofferma con soddisfazione sui contenuti dell’incontro a Pratola Serra. «Nello stabilimento irpino, va sottolineato, si parla di investimenti milionari e tutti in autofinanziamento, cioé senza il supporto del Governo, per potenziare e implementare il sito», oltre alla nuova produzione motoristica del Ducato alla Fca di Pratola Serra. A questo punto, prosegue, «per Pratola Serra dopo 10 anni di sofferenza si aprono scenari rassicuranti sotto il profilo dello sviluppo produttivo ed occupazionale». Infine, un passaggio alla ritrovata unità sindacale. «Abbiamo finalmente respirato un clima di grande compattezza tra le parti firmatarie del CCSL, dimostrando la correttezza e la lungimiranza di quelle scelte di politiche industriali fatte nel 2010 con l’accordo di Pomigliano». Purtroppo, «l’unico neo l’assenza di un pezzo di sindacato che per sua scelta politica ha deciso da sempre di restare fuori dal sistema, facendo solo opposizione».

Fiat Chrysler Automobiles. Lo stabilimento della Fca a Pratola Serra, alle porte di Avellino

LA SFIDA SULL’ELETTRICO DELLA FCA. SIGLATA LA PARTNERSHIP CON ENEL X: IL COMUNICATO DELLA FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES.

Una immagine promozionale di Enel X, brand digitale dell’energia

La nota FCA pubblicata dalla Media Relations della FCA Group mediarelations@fcagroup.com

FCA sigla partnership con Enel X e il gruppo ENGIE per la mobilità elettrica.

    • Le partnership offriranno soluzioni di ricarica e servizi innovativi ai clienti di FCA.
    • L’iniziativa prevede anche lo studio e la sperimentazione di nuove tecnologie rivolte alla riduzione del costo totale di possesso dei veicoli elettrici a vantaggio del cliente finale.
    • In relazione alla loro presenza europea, Enel X collaborerà con FCA in Italia, Spagna e Portogallo, mentre ENGIE affiancherà FCA in 14 altri paesi europei.
    • Nel corso dei prossimi due anni, FCA installerà circa 700 punti di ricarica presso gli stabilimenti, i centri di ricerca e i parcheggi destinati ai dipendenti in Italia, i quali potranno usufruire di queste infrastrutture per ricaricare i propri veicoli durante l’orario di lavoro.
Colonnini per il rifornimento di energia ai veicoli elettrici

Attraverso il supporto dei partner, FCA proseguirà le attività di elettrificazione e formazione di tutta la sua rete di concessionari in Europa. Sono già stati studiati programmi di formazione dedicati per la forza vendita e per tutto il personale operante presso i concessionari del Gruppo.

La bandiera della Fca sventola sul Lingotto di Torino

Fiat Chrysler Automobiles (FCA) ha siglato due accordi per lo sviluppo di nuove soluzioni dedicate alla mobilità elettrica a sostegno della produzione e commercializzazione dei modelli ibridi plug-in (PHEV) e a batteria (BEV) previsti nel piano industriale di Gruppo per il 2018- 2022. Attraverso questi accordi, i concessionari di FCA offriranno soluzioni di ricarica e servizi innovativi dedicati ai clienti privati e a quelli business. L’iniziativa prevede inoltre lo studio e la sperimentazione di nuove tecnologie rivolte alla riduzione del costo totale di possesso dei veicoli elettrici a vantaggio del cliente finale. I due partner, Enel X e ENGIE, sono entrambi leader globali nel settore energetico. La partnership con ENGIE include le controllate ENGIE Eps, società specializzata nelle soluzioni di energy storage con cui FCA collabora da oltre due anni, e EVBox, società di riferimento nella produzione di stazioni di ricarica. I partner lavoreranno con FCA in tutti i principali mercati europei per valorizzare al meglio le tecnologie sviluppate nel corso degli ultimi anni e si impegneranno nello sviluppo di soluzioni innovative dedicate ai clienti privati e a quelli business. Enel X collaborerà con FCA in Italia, Spagna e Portogallo, mentre ENGIE affiancherà FCA in Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Olanda, Polonia, Slovacchia, Svezia, Svizzera e Regno Unito. “Queste partnership – ha affermato Mike Manley, Amministratore Delegato di Fiat Chrysler Automobiles – integrano la strategia di e-mobility annunciata l’anno scorso nel contesto del piano quinquennale di Gruppo. Stiamo creando un ecosistema di partner, prodotti e servizi nei diversi mercati al fine di soddisfare e superare le aspettative, in rapida evoluzione, dei nostri clienti in termini di veicoli elettrificati”.

Il Ceo di Fca, Mike Manley

L’obiettivo principale delle due partnership è l’offerta di soluzioni di ricarica in ambito privato e pubblico a sostegno della vendita della futura gamma di veicoli elettrici di FCA, tra cui la Fiat 500 BEV e la Jeep Renegade PHEV. Grazie alla collaborazione con i due partner, FCA offrirà ai suoi clienti la possibilità di installare presso la propria abitazione uno specifico punto personalizzato (la cosiddetta wallbox) per l’ottimizzazione e la gestione intelligente della ricarica in base alle effettive necessità. I partner cureranno con FCA la fase preliminare, rivolta alle verifiche di fattibilità e installazione, così come la fase di gestione e manutenzione della wallbox. Il cliente sarà dunque accompagnato e assistito durante l’intero ciclo di vita del veicolo e della sua wallbox. In aggiunta alla ricarica delle vetture elettriche in ambito privato, ai clienti saranno anche offerte soluzioni di ricarica economiche e facilmente accessibili in ambito pubblico. FCA collaborerà con i partner allo sviluppo di applicazioni necessarie alla localizzazione dei punti di ricarica, alla prenotazione e al pagamento della ricarica. E tutto questo sfruttando le soluzioni integrate di connettività dei veicoli. Attraverso il supporto dei partner, inoltre, FCA proseguirà le attività di formazione ed elettrificazione di tutta la sua rete di concessionari che è già stata avviata in tutta Europa. Sono stati studiati programmi di formazione dedicati per la forza vendita e tutto il personale operante presso i concessionari del Gruppo. Per loro sono anche state pensate specifiche infrastrutture di ricarica destinate all’attrezzamento dei piazzali, dei parcheggi clienti, delle aree di test drive e delle officine.


LEGGI ANCHE:

«Motori Ducato alla Fca di Pratola Serra». Arriva l’annuncio ufficiale

“Fca verso la svolta”. Altieri: convocato il tavolo da Fiat Chrysler

Fismic: il Ducato salva la Fca di Pratola Serra

 

 

ARTICOLI CORRELATI