IIA, la vertenza in Prefettura. Domani operai in piazza

La Prefettura invia richiesta a Roma. "Intervento istituzionale" per sollecitare un tavolo tra azienda, sedi del governo centrale e parti sociali sulla delicata situazione dell'Industria Italiana Autobus.

E’ terminato l’incontro in Prefettura con le segreterie sindacali irpine rispetto alla vertenza IIA. Avanzata la richiesta di “intervento istituzionale nei confronti di Governo e Azienda”. Invito accolto e recepito dall’organo di Governo territoriale.

Il documento redatto dai sindacati a margine della mattinata riferisce della necessità di un “incontro immediato presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali nel quale sottoscrivere un accordo che preveda 12 mesi di ammortizzatore sociale, garantendo un sostegno al reddito”. Altra richiesta sarà indirizzata al Ministero dello Sviluppo Economico per “convocare un tavolo nel quale venga presentato il piano industriale” relativo alla reindustrializzazione dello stabilimento con il reintegro di tutti i lavoratori.

Tutto come da calendario per i lavoratori del sito ufitano e le rappresentanze sindacali. La missiva inviata ieri da parte dell’azienda non ha comportato una modifica del cronoprogramma settimanale. La situazione rimane delicata. Non sarebbero pervenute documentazioni ufficiali rispetto al nuovo assetto societario. Soprattutto non è arrivata la mensilità di cassa integrazione. Sospesa dal 31 dicembre 2018.

Lo stato di “allarme” dei lavoratori rimane alto nonostante la comunicazione del prossimo appuntamento con l’azienda in valle Ufita il 15 febbraio. Domattina appuntamento confermato fuori lo stabilimento ufitano con assemblea di due ore dalle 9.00 alle ore 11.00. “Non intendiamo forzare e sicuramente non occuperemo però saremo lì” afferma Silvia Curcio (Fiom)”.

La diffida dell’IIA non ha intimorito i dipendenti. “I lavoratori sono molto arrabbiati – prosegue Curcio – molti sono monoreddito e non hanno liquidità in tasca. Da sette anni è la prima volta che ci troviamo in queste condizioni. Soprattutto non è plausibile un interazione con i vertici solo nel momento in cui alziamo il tiro. Abbiamo sempre chiesto in modo civile, com’è nel nostro stile. Leggiamo delle trattative in corso, però siamo senza cassa integrazione e non sappiamo nulla circa il prossimo futuro”.

Nel frattempo una nota inviata dall’Ufficio Risorse Umane informa del pagamento degli stipendi relativi al mese di gennaio 2019 in data 15 febbraio. “Si tratta di una comunicazione che però deve avere un riscontro pratico. Cioè dobbiamo capire se troveremo i soldi sul conto. Che non è scontato e che riguarda solo chi lavora. Chi è in cassa integrazione non riceve nulla”, chiude Curcio.

Intanto sulle pagine social corre l’invito a presentarsi domani mattina alle ore 08.00 davanti lo stabilimento IIA.


LEGGI ANCHE:

IIA convoca i sindacati il 15: non rientrate in fabbrica, in corso l’iter Cigs. La nota