“Moscati a Solofra per vincere insieme al Landolfi la sfida sulla Sanità di qualitá”.

COMUNE E AZIENDA OSPEDALIERA UNITI. Conferenza stampa congiunta al Landolfi del Direttore Generale Angelo Percopo con i massimi dirigenti ospedalieri, il Sindaco Michele Vignola e il Presidente dell'Ordine dei Medici Franco Sellitto

“L’Azienda ospedaliera San Giuseppe Moscati e l’ormai ex presidio Asl Landolfi insieme per una scommessa non facile, ma che possiamo e dobbiamo vincere”.

Così Angelo Percopo, Direttore Generale dell’Azienda Moscati, ha presentato alla stampa e alla assemblea dei dirigenti e dei medici del Landolfi la annessione della struttura solofrana all’Azienda Ospedaliera di Avellino, iniziata ufficialmente questa mattina.

Emozionato per essere tornato in una delle sedi dove ha cominciato la sua carriera nel sistema sanitario pubblico, Percopo ha sottolineato la portata della sfida messa in campo con il pieno appoggio e sostegno dell’Ordine dei Medici e della Amministrazione comunale, nella trasparenza di un percorso agevolato dal management dell’Asl di Avellino, che ha ringraziato per l’impegno e la professionalità dimostrati.

Erano presenti con lui nell’aula magna del Landolfi a Solofra il Sindaco Michele Vignola, il Presidente dell’Ordine dei Medici Franco Sellitto, i Direttori sanitario e amministrativo Maria Concetta Conte e Antonio Pastore. Ad ascoltarli una platea visibilmente soddisfatta di medici, dirigenti e del personale in forza al Landolfi, transitati dall’Asl a seguito del trasferimento.

Un momento della conferenza stampa nell’aula magna dell’ospedale solofrano Landolfi. Da sinistra, il Sindaco di Solofra Michele Vignola, il Direttore Generale dell’Azienda San Giuseppe Moscati, Angelo Percopo e il Direttore Sanitario dell’Azienda Ospedaliera, Maria Concetta Conte

Inizia un percorso graduale, ma deciso verso la qualificazione da presidio sanitario a ospedale degno di un Dea di II livello, ha spiegato Maria Concetta Conte, che da oggi passerà molte delle sue giornate a Solofra per sovrintendere alla riorganizzazione.

Per ora i servizi esistenti sono confermati, in attesa del riassetto graduale che sarà scandito da un cronoprogramma razionale, ha rimarcato Percopo, che ha rassicurato il personale sugli aspetti pratici della annessione. Gli stipendi continueranno ad essere assicurati dalla Asl nella fase di transizione, fino al passaggio finale con l’entrata in vigore dei nuovi Atti Aziendali all’esame della struttura commissariale.

Ci sono alcuni servizi in deroga sotto osservazione a Napoli, ma con la sinergia avviata si punta a stabilizzare i punti di forza esistenti, integrandoli con la nuova offerta specialistica, a cominciare dalla oculistica, che dovrà caratterizzare il futuro ospedale di Solofra.

L’ingresso all’ospedale Landolfi gestito dall’Azienda San Giuseppe Moscati di Avellino

Un ringraziamento a Vincenzo De Luca è stato fatto in particolare dal Sindaco di Solofra. Michele Vignola ha spiegato che da tempo il Landolfi proseguiva il suo cammino verso una chiusura certa per mancanza di investimenti e prospettive, mentre oggi si ritrova a crescere come posti letto, con investimenti immediatamente cantierabili per 4,5 milioni e altre risorse che il Manager del Moscati solleciterà nelle prossime ore al Commissario Vincenzo De Luca.

Vignola e Percopo hanno annunciato una conferenza dei servizi in settimana per mettere a punto quelle azioni indispensabili ad innescare la trasformazione del Landolfi verso una prospettiva che la Conte, parsa estremamente decisa a bruciare le tappe, ha chiaramente indicato. “Solofra dovrà raggiungere come ospedale gli stessi risultati riconosciuti al Moscati nel Piano Nazionale Esiti, raggiungendo la medesima qualità nel più breve tempo possibile”.

L’accesso al pronto soccorso del Landolfi di Solofra

Il punto organizzativo sarà fatto proprio al Landolfi nelle prossime ore, ha spiegato Il Direttore Generale Percopo, che ha convocato a Solofra il Collegio di Direzione del Moscati. “Oggi prende avvio una nuova Azienda con due ospedali”, ha rassicurato tutti, a cominciare dal Sindaco Vignola, che ha rivendicato l’orgoglio dei solofrani per il proprio presidio sanitario, sollecitando l’Azienda dell’Amoretta a proseguire nella collaborazione aperta e trasparente di questi mesi. “Sarò non a guardia, ma a sostegno dell’andamento di questo progetto, al di là dei momenti di confronto che inevitabilmente verranno, in ottemperanza al ruolo istituzionale che ricopro a garanzia degli interessi della comunità locale”. Vignola ha spiegato che il Comune è al lavoro per portare nuovi servizi nella area ospedaliera cittadina, qualificandola anche con una fermata della futura ferrovia regionale.

Sulla trasparenza assoluta dell’iter di annessione si è soffermato il Presidente dell’Ordine dei Medici, Franco Sellitto, che ha ricordato la sua presenza a tutte le riunioni della Commissione ospedaliera, proprio per rappresentare all’esterno la mole di lavoro prodotta. “Tanto è stato fatto, moltissimo ancora si dovrà fare, ma l’avventura è iniziata sotto i migliori auspici”, ha spiegato, incassando un particolare ringraziamento del Direttore Percopo per l’attenzione ad un progetto pienamente condiviso dall’Ordine provinciale dei Medici. Sellitto ha sottolineato i vantaggi reciproci di Solofra e Avellino nella sfida iniziata oggi. Alla prima va il risultato di aver salvato l’ospedale, oggi rilanciato in una prospettiva ambiziosa. Il Capoluogo, invece, si prepara a blindare il proprio ruolo nella macro area irpino sannita, mettendo distanza dal Rummo nella corsa alla leadership ospedaliera.

Un particolare della struttura che ospita l’ospedale Landolfi

«Questa è una conferenza stampa di benvenuto, ha spiegato Percopo, in attesa di quella che entrerà nel merito della trasformazione, aperta alla partecipazione dei vertici dell’Asl, preziosi compagni di viaggio nella riorganizzazione del servizio sanitario provinciale», ha voluto precisare il Direttore Generale del Moscati, che punta a far proseguire la collaborazione con l’Azienda Sanitaria di Avellino nel futuro percorso comune verso un riassetto complessivo del servizio pubblico in provincia di Avellino.

Avellino e Solofra, città da sempre legate per mille motivi e interessi comuni, rinsaldano sulla sanità il proprio sodalizio, ha affermato il Manager Percopo, offrendo all’Irpinia tutta la possibilità di un salto di qualità nel contesto della Campania e del Mezzogiorno.

Dopo la conferenza stampa di presentazione della annessione al Moscati del Landolfi e le interviste di rito, i vertici ospedalieri si sono intrattenuti a parlare con il personale

LE INTERVISTE

VIGNOLA: INTORNO AL LANDOLFI COSÌ NASCE LA NUOVA CITTÀ

SELLITTO: LA ANNESSIONE DEL LANDOLFI AL MOSCATI BASE DEL NUOVO ASSETTO SANITARIO IN IRPINIA