Il Sottosegretario agli Interni, Carlo Sibilia

I cantieri della Lioni Grottaminarda ripartiranno a breve, fa sapere il Sottosegretario agli Interni, Carlo Sibilia, citando una nota del Ministero delle Infrastrutture e de4i Trasporti. «Nessun ritardo dalla mancata proroga del Commissario. Inutile creare allarmismi ingiustificati», spiega l’esponente del Movimento Cinque Stelle, ribattendo la nota del Mit.

La sede del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti a Roma

«Il completamento della strada a scorrimento veloce Lioni-Grottaminarda ci sarà in tempi brevi», si legge nella nota del Mio ribattuta da Sibilia. «E la sua realizzazione non è messa in discussione. Né la mancata proroga del commissario causerà ritardi o, come affermato da Confindustria, il suo stop», si prosegue.

«Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha lavorato assiduamente in questi mesi per portare avanti al meglio un’opera in avanzato stato di realizzazione e per la quale, per motivi oggettivi, non si è ritenuta più necessaria una gestione commissariale», si taglia corto a proposito della contestata decisione di non prorogare la struttura commissariale, prima ancora del commissario. «Al momento si sta mettendo a punto il trasferimento integrale dei poteri, prerogative e responsabilità dall’ufficio del commissario ad acta al Provveditorato alle Opere Pubbliche e dunque si procederà alla prosecuzione dei lavori sull’arteria irpina, così da garantirne il completamento», scrive il Mit in una nota.

«Come si evince dalle parole del Ministero, la rimozione di Filippo D’Ambrosio non è frutto di un capriccio personale e la prosecuzione della Lioni-Grottaminarda non è in discussione, nemmeno dopo la rimozione del Commissario», commenta Sibilia. «Quindi è inutile creare allarmismi senza senso». E passa all’affondo politico. «La critica e gli attacchi li accetto tutti volentieri, attaccare il governo, e in particolare il M5S, è ormai diventato uno sport nazionale, quindi non è nemmeno più una cosa tanto originale. Certo sono tutti attacchi di gente che con la bocca è brava, ma nei fatti lo è un po’ meno».

Nella nota Sibilia accusa chi oggi protesta contro la mancata conferma del commissario di aver contribuito al declino del territorio e rivendica al governo di cui fa parte la presenza di “uomini liberi e indipendenti”.

Domani pomeriggio ad Ariano un Consiglio comunale straordinario, allargato alla partecipazione dei Comuni dell’Ufita e dell’Alta Irpinia, presente il Presidente della Commissione regionale ai Trasporti Luca Cascone, assumerà le proprie decisioni a tutela della continuità dell’opera, mentre le imprese appaltatrici e dell’indotto hanno avviato le procedure di licenziamento del personale impegnato sui cantieri aperti. Finora sono stati spesi oltre 200 milioni, altri 160 sono impegnati dai contratti in appalto con altri 70 destinati ad essere resi disponibili dalla Regione Campania, nell’ambito dell’Accordo di Programma con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.


LEGGI ANCHE:

Lioni Grottaminarda, i deputati 5s: l’opera riparte. Gambacorta: basta fake news