L'interno della parte nuova Galleria di Valico, la cosiddetta "Pavoncelli bis"

Sono stati prorogati al 31 maggio 2019 i poteri commissariali per la “Galleria Pavoncelli”, in scadenza il 31 dicembre prossimo. Il Commissario di Governo Roberto Sabatelli proseguirà l’impegno fino alla definitiva conclusione degli atti di collaudo e definitiva messa in esercizio della imponente operaa di ingegneria idraulica. Ormai conclusi i lavori, il raddoppio della galleria idrica di valico richiede la conclusione dell’iter di rendicontazione e, tra gli altri adempimenti conclusivi, l’entrata in esercizio della centrale idroelettrica realizzata nell’ambito del progetto di messa in sicurezza del traforo idrico. Realizzata all’inizio del secolo per consentire un approvvigionamento idrico adeguato alla Puglia, preda fin dalla fine del secolo precedente da una gravissima emergenza idrica, che rischiavs di comprometterne lo sviluppo a tutti i livelli.

L’opera è stata inaugurata il 24 ottobre 2017 alla presenza dri Governatori della Campania e della Puglia Vincenzo De Luca e Michele Emiliano. La galleria lunga dieci chilometri trasporterà l’acqua alla Valle del Sele fino a Conza della Campania, per collegarsi all’Acquedotto Pugliese.

Collaudo ponte Lioni – Grottaminarda (località Carpignano). Immagine pubblicata da Castellano Costruzioni SpA

LIONI-GROTTAMINARDA SENZA GUIDA. Nel frattempo non è stata invece accordata analoga proroga per il Commissario della Lioni-Grottaminarda. Ora si apre una fase del tutto inedita per questi cantieri, ritenuti strategici dalle istituzioni locali e dalla Regione Campania. «Il Governo regionale è pronto ad assumersi l’onere di gestire per conto del Ministero i cantieri qualora si ritenesse di non prorogare il commissario», aveva dichiarato Luca Cascone, Presidente delka competente Commissione ai Trasporti nelle scorse settimane, quando la Regione lanciò un appello al Governo. «Riteniamo che l’urgenza di vedere completata quest’opera imponga una attenzione particolare da parte del Governo, in considerazione dell’interesse regionale, meridionale e nazionale di questo tracciato che, non dobbiamo mai dimenticarlo, non serve a connettere due centro urbani all’interno della provincia di Avellino, ma a congiungere dopo decenni tre sistemi autostradali, unendo ai due Mari, il Tirreno e l’Adriatico, anche lo Ionio attraverso la A2 Salerno Reggio Calabria». La Regione Campania in via prioritaria propone una proroga pluriennale della struttura commissariale fino al termine dei lavori, al netto del collaudo finale. In subordine, si propone di assumere la gestione dell’opera la cui titolarità fino ad oggi è stata del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero delle Infrastrutture e della Regione Campania, affidata congiuntamente al commissario ad Acta ex articolo 86 della Legge 289/02, Filippo D’Ambrosio.

Inaugurati nel settembre 2015, con il primo lotto ormai completato e il secondo in fase avanzata d’avvio, l’attuale Commissario (di Governo per la realizzazione dell’Asse a scorrimento veloce Lioni-Grottaminarda) Filippo D’Ambrosio, è in scadenza. Terminerà il suo incarico il 31 dicembre prossimo.

Ora occorrerà trovare le giuste soluzioni per mon disperdere con la struttura commissariale le conoscenze acquisite e la capacità di governo dell’articolato e complesso cantiere in corso.


LEGGI ANCHE:

Caposele, conto del Comune a Vianini e Ministero per oltre 1milione

Lioni-Grottaminarda, Di Cicilia: «Sindaci e Regione pronti a gestire il cantiere»