Asl, in cantiere il Centro per l’autismo, si inaugura a giugno

PARTONO I LAVORI PER IL POLO DI SANT'ANGELO DEI LOMBARDI. Soddisfazione per il presidio ospedaliero di Ariano, Gambacorta: "Grazie al Governatore". Conferenza stampa del direttore generale Morgante: ecco i nuovi investimenti

Con il decreto numero 87 del 5 novembre scorso, è stata licenziata la modifica e aggiornamento del Piano Regionale della programmazione della Rete Ospedaliera, resa necessaria a seguito dell’annessione del Landolfi di Solofra all’azienda ospedaliera Moscati. Nella conferenza stampa convocata questa mattina, i vertici Asl guidati dal direttore generale Maria Morgante hanno fatto il punto e illustrato le novità sui servizi ospedalieri.

Il Sindaco di Ariano e Presidente della Provincia, Domenico Gambacorta con il Governatore, Vincenzo De Luca, a Palazzo Santa Lucia

In particolare Morgante ha evidenziato il “Risultato eccezionale incassato dall’Irpinia e dalla Asl di Avellino. Grazie a questa direzione è stata ottenuta la Dea I livello per il Frangipane di Ariano Irpino, ed è stata premiata l’attività e il lavoro fatto in silenzio da questa direzione, che ha portato avanti con una serie di iniziative rappresentate in Regione Campania. Sono state infatti messe in evidenza le esigenze del territorio con la specifica di domanda di assistenza sanitaria di questa provincia: il decreto numero 87 ha confermato impegno della direzione ma anche del Governatore De Luca”.

Maria Morgante, Direttore Generale dell’Asl di Avellino

Tra i risultati incassati di maggiore rilevanza, l’ottenimento di Dea di I livello dell’ospedale Frangipane di Ariano Irpino, secondo soltanto ad Avellino, che “sarà in grado di fornire un’assistenza sanitaria completa” come ha spiegato la manager a Via Degli Imbimbo; ma anche importanti novità anche per il Criscuoli di Sant’Angelo, che entra nella rete spoke cardiologica, con la realizzazione di una Unità Operativa Complessa e ben sei posti letto. A questo si aggiunge l’annuncio sull’inizio ufficiale dei lavori per la realizzazione del Centro per l’Autismo prevista per lunedì 19 novembre, con 30 posti letto, che dovrà essere ultimato entro giugno 2019; mentre entro fine mese è prevista l’inaugurazione del reparto di Spdc -Servizio psichiatrico di diagnosi e cura- con otto posti letto.

Per il Criscuoli, le altre novità riguardano la realizzazione dei progetti candidati dalla cabina di regia del progetto pilota, che prevede, fra gli altri, la telemedicina territoriale. I posti letto subiranno un incremento, alla luce delle novità esposte: 163 posti letto in totale, di cui 111 della Don Gnocchi che “sono dell’Asl in quanto la fondazione Don Gnocchi è una struttura accreditata come operatore economico che lavora in convenzione con l’Asl”.

Ingresso del presidio ospedaliero Criscuoli di Sant’Angelo dei Lombardi

 


LEGGI ANCHE: Ospedali, l’Asl si organizza senza Solofra


 

Nella precedente pianificazione della rete- Landolfi incluso- l’Asl aveva una dotazione di 414 posti letto, “Che sono stati sì ridotti con l’annessione di Solofra al Moscati, ma ne sono stati recuperati 20 ad Ariano, incassando un miglioramento netto sulla qualità. Al Frangipane, inoltre, saranno presenti le unità operative di oculistica, urologia ed otorinolaringoiatria. Per il reparto oncologico sono previsti 4 posti letto e siamo pronti ad acquistare anche la risonanza magnetica anche di tipo cardiologico”.

L’Ospedale di Ariano Sant’Ottone Frangipane

Al vaglio della Commissione regionale l’apertura della radioterapia, che consentirà poi di accedere al passaggio successivo al Ministero delle Finanze per l’ammissione a finanziamento della struttura, la cui realizzazione è stata quantificata in 27 milioni di euro, e che sarà candidata ad un fondo specifico.

Sul riconoscimento di Dea di I livello dell’ospedale del Tricolle, si è pronunciato anche il sindaco Domenico Gambacorta: “Occorre riconoscere l’impegno del Governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, verso l’Ospedale Sant’Ottone Frangipane di Ariano Irpino” ha commentato sulla sua pagina ufficiale. “Con il decreto 87 il nostro Ospedale viene riconosciuto Dea di primo livello, secondo al solo Moscati di Avellino. La nostra attenzione sull’argomento è sempre stata alta, come dimostrano le delibere dei Consigli Comunali e Provinciali, adottate all’unanimità che, insieme alla visita di De Luca del 1 ottobre 2016 nei reparti dell’ospedale, hanno fornito il loro utile contributo alla risoluzione di un problema molto sentito dalla nostra popolazione”.

Da sinistra: il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, la manager dell’Asl Avellino, Maria Morgante e la Presidente del Consiglio Regionale, Rosa D’Amelio

Sulla struttura Polifunzionale per la Salute Maria Morgante si è già espressa qualche settimana fa e proprio lungo i corridoi della Rsa, in occasione del taglio del nastro della struttura ubicata al quarto piano. Dopo il declassamento da ospedale a Sps, il Di Guglielmo avrà in dotazione 10 posti letto per l’hospice, 18 per la salute mentale, e 20 posti letto dedicati alla Rsa. Senza contare che a breve partiranno i lavori per la realizzazione del Suap- ovvero un centro risvegli per persone in coma vegetativo, e che nel 2019 sarà inaugurato l’ospedale di Comunità con 10 posti letto.


LEGGI ANCHE: Centro risvegli, ospedale di comunità e Uccp: così l’Asl di Morgante rilancia il Di Guglielmo


Rispetto al Centro di Prenotazioni Unico per Asl e Azienda Ospedaliera, Morgante ha confermato l’impegno diretto dell’Azienda Sanitaria Locale sul coinvolgimento delle strutture pubbliche e quelle accreditate, “per avere un report dettagliato sulle liste d’attesa” come ha chiarito in sala stampa.