Alta Capacità, appello di Gambacorta al Quirinale
«Evitare l’ennesimo scippo»

Il sindaco di Ariano: oltre duemila persone lasciano Avellino ogni anno, un esodo che non si riesce a fermare. Eppure corriamo il rischio di vederci sottrarre importanti infrastrutture che impedirebbero investimenti. Con lui anche il Governatore De Luca

Chiamato per un saluto istituzionale, il sindaco di Ariano e Presidente della Provincia di Avellino Domenico Gambacorta non ha perso l’occasione per riproporre anche al Capo dello Stato il tema (controverso sul piano nazionale) delle infrastrutture.

A pochi metri dal Sottosegretario agli Interni, Carlo Sibilia, presente anche il Presidente della Commissione Cultura della Camera, Luigi Gallo, esponenti del Movimento Cinque Stelle fortemente critico rispetto alle grandi opere, Gambacorta ha chiesto alla massima istituzione italiana di vigilare sul futuro di Ariano, Grottaminarda e delle Zone Interne.

«Oltre duemila persone lasciano Avellino ogni anno, alimentando un esodo che non riusciamo a fermare», ha spiegato Gambacorta. «Ma noi sindaci non alzeremo bandiera bianca, pronti a difendere con ogni mezzo un diritto che abbiamo acquisito e difeso negli anni, quello di veder realizzata la stazione ferroviaria di Grottaminarda-Ariano sulla linea di Alta Capacità Bari-Napoli».

Per Gambacorta non accettabile né immaginabile minare le prospettive di crescita e sviluppo che può derivare solo dalla ripresa degli investimenti. Richiamando l’attenzione sulla distanza minima tra il Biogem e il passaggio della linea ferroviaria, Gambacorta ha attirato l’attenzione del Capo dello Stato sui danni che potrebbe arrecare al futuro delle nuove generazioni rigettare il Tricolle nell’isolamento.

Non chiamando in causa forze politiche o esponenti del Governo, Gambacorta si è laconicamente limitato ad auspicare «che non si cambi nulla rispetto ad accordi, appalti, programmi in essere. Eventualmente, sapremo fare la nostra parte».


ARCHIVIO. IL CONSIGLIO PROVINCIALE BLINDA LA STAZIONE AC “HIRPINIA”

Il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca

Anche il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, intervenuto subito dopo, ha sottolineato il dramma dello spopolamento e la tragedia dell’emigrazione intellettuale, schierandosi dalla parte del Sindaco di Ariano.

Sottolineando il valore del Biogem per l’intera economia campana, ha invitato il mondo della politica nel suo insieme a sottrarsi alla tentazione di quello che ha definito “pulcinellismo”, in luogo di una maggiore cautela, almeno prima di assumere posizioni destabilizzanti su temi da cui dipende la vita di famiglie, giovani e imprese.


LOGISTICA. L’UFITA NELL’ELENCO DELLE ZES, VIA LIBERA DALLA REGIONE