L’Area vasta dell’Ufita chiede la gestione del Masterplan

Il Sindaco di Ariano Franza e i 29 Comuni a confronto ieri con la rappresentanza della Regione Campania. Chiesto disco verde sulla gestione diretta del Masterplan per gli investimenti su logistica e infrastrutture collegato all'alta capacità-velocità Napoli-Bari

La stazione Irpinia nel rendering di Rfi

L’Area vasta dell’Ufita si è presentata unita al confronto con la Regione Campania, sia nel metodo che sugli obiettivi. I 29 Comuni (di Ariano Irpino e del comprensorio) intendono costruire sullo sviluppo della Città Hirpinia e dell’alta capacità ferroviaria una prospettiva di crescita economica e sociale senza precedenti nelle Aree Interne.

L’Assessore al Governo del Territorio, Arch. Bruno Discepolo

Ieri mattina ad Ariano Ariano Irpino, il Sindaco del Comune capofila, Enrico Franza, lo ha spiegato all’Assessore all’Urbanistica della Regione Campania, Bruno Discepolo, ospite nell’Auditorium comunale per discutere del ‘Masterplan’ delle Aree Interne. La nuova Città Hirpinia, i quartieri che sorgeranno intorno al terminal ferroviario della Napoli Bari, rappresenta la leva per il salto di qualità. Sul confine tra Ariano Irpino e Grottaminarda pianificano il nucleo di una vasta aggregazione urbana, moderna, terziaria e produttiva, che i sindaci intendono fondare intorno alla stazione Hirpinia. Si tratta di «un’occasione storica, che richiede una visione strategica del futuro e che ci induce, a ragion veduta, a ritenere che le infrastrutture che nasceranno intorno alla stazione saranno fondamentali soltanto se parte integrante di una logica di sviluppo ben più ampia, che guardi non a una ristretta area della Valle dell’Ufita, bensì oltre i confini stessi della Regione Campania», ha scritto un anno fa Franza (alla vigilia della firma del Protocollo d’intesa con Confindustria e Asi sulla Piattaforma logistica e le infrastrutture collegate all’alta capacità-velocità Napoli-Bari) – e ripetuto durante il confronto con la Regione.

Francesco Todisco

Con Bruno Discepolo, hanno partecipato alla riunione Francesco Todisco, Delegato “Alta Capacità Napoli – Bari per l’Irpinia” e i Sindaci dei Comuni dell’Area vasta dell’Ufita – Calore – Miscano – Cervaro. L’Assessore regionale ha avuto modo di raccogliere le richieste venute dal territorio, prime tra tutte l’istanza per il riconoscimento dell’Area Vasta dell’Ufita come centro di spesa e gestione amministrativa degli interventi. Il Masterplan della Stazione Hirpinia conterrà le opere materiali e immateriali, ritenute decisive per la valorizzazione socio-economica, produttiva, ambientale e turistico-culturale di un comprensorio ricco di potenzialità paesaggistiche, naturalistiche, archeologiche e agricole, ma anche industriali. Ora tocca alla Regione Campania stabilire la misura della responsabilità che l’Area vasta dell’Ufita avrà in questa sfida, potenzialmente in grado di mutare gli equilibri interni alla provincia di Avellino, dove il capoluogo soffre un crescente isolamento rispetto al territorio da ormai oltre tre lustri.


Un Masterplan unico per il futuro dell’Irpinia

di Enrico Franza | Sindaco di Ariano Irpino | Documento del 10 marzo 2021

Il Sindaco di Ariano Irpino Enrico Franza

La stazione Hirpinia è sempre più realtà e vorrei aggiornarvi riguardo ai passi in avanti compiuti fino ad oggi. Come già ho avuto modo di affermare in occasione dell’incontro promosso da Confindustria sul tema raddoppio ferroviario Napoli- Bari, quest’opera rappresenta un’opportunità irripetibile di sviluppo, che investe non solo le nostre comunità, ma un territorio tanto vasto da estendersi a province e regioni vicine. Un’occasione, dunque, storica che richiede una visione strategica del futuro e che ci induce, a ragion veduta, a ritenere che le infrastrutture che nasceranno intorno alla stazione saranno fondamentali soltanto se parte integrante di una logica di sviluppo ben più ampia, che guardi non a una ristretta area della Valle dell’Ufita, bensì oltre i confini stessi della Regione Campania. Già dal nostro insediamento, ho ritenuto di convocare a più riprese tutti i sindaci dei Comuni interessati perché si condividesse un progetto comune finalizzato alla stesura di un unico masterplan che porti la firma dell’Irpinia, di quell’Irpinia che sa che solo uniti si può ripartire, solo uniti si può guardare al futuro. È per tali fondate ragioni che intendiamo perseguire, attraverso lo strumento dell’Area Vasta, l’obiettivo di rendere partecipi tutte le comunità, le istituzioni, le forze produttive e rappresentanze sindacali, della condivisione delle linee guida contenute nel documento da noi fortemente voluto, nell’esclusivo interesse generale di quel vasto territorio di cui la Città di Ariano intende continuare a essere punto di riferimento. La portata storica della sfida in campo si impone di rispondere come un’unica entità, coesa e determinata e non come singole comunità. Confidiamo nel ruolo strategico della Regione Campania, quale istituzione naturalmente deputata a sostenere lo sviluppo armonico delle aree interne.

Tratta Hirpinia Apice: il passaggio del treno ad alta capacità/velocità su uno dei ponti previsti lungo il tracciato irpino

SCARICA IL TESTO: Un Masterplan unico per il futuro dell’Irpinia


LEGGI ANCHE:

Infrastrutture della Regione Campania, dal Cipess 1,6 miliardi: le opere

«Lioni capitale europea dell’auto da oggi», Scudieri: in Alta Irpinia costruiamo il futuro

Positivi al coronavirus in Irpinia 310: l’elenco. In Campania 4.275 casi e 19 morti

Open day vaccinale in Irpinia oggi: prima dose con Novavax anche senza prenotazione. Link e sedi

‘Napoli-Bari’, Rfi: è il treno del nuovo Mezzogiorno

«Un Masterplan unico per il futuro dell’Irpinia», Franza chiama De Luca

 

 

 

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI