Piattaforma logistica in Valle Ufita, progetto sul tavolo di De Luca

«L'ALTA VELOCITÀ FERROVIARIA OCCASIONE DI RILANCIO COMPETITIVO DEL SISTEMA ECONOMICO E PRODUTTIVO DELLA PROVINCIA DI AVELLINO». Condiviso il progetto di sviluppo infrastrutturale anche da Rfi e Regione Campania. Ora l'iter per il finanziamento nell'ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR)

La piattaforma logistica in Valle Ufita e il sistema di infrastrutture collegate alla ferrovia ad alta capacità/velocità Napoli Bari sono parte della proposta progettuale irpina ora sul tavolo del Governatore della Campania De Luca. La Regione Campania ha recepito il Protocollo d’Intesa siglato da rappresentanze delle istituzioni locali e dalle parti sociali. Ora spetta al Presidente Vincenzo De Luca compiere i passi necessari per condurre nei cantieri le opere a supporto della Stazione ferroviaria Hirpinia. La piattaforma logistica in Valle Ufita e le opere infrastrutturali necessarie allo sviluppo industriale, commerciale ed economico dell’intera provincia di Avellino ora devono trovare le indispensabili coperture finanziarie. Lo scorso 24 marzo una riunione tecnica (in videoconferenza) con i vertici della Regione Campania ha permesso di condividere il Protocollo di Intesa proposto sul polo logistico in Valle Ufita da Sindaci, Consorzio Asi e Confindustria Avellino. Coordinati da Francesco Todisco, delegato dal Governatore De Luca per l’Alta Capacità Velocità in Ufita, ai lavori hanno partecipato: il presidente di Confindustria Avellino, Emilio De Vizia; l’assessore regionale all’Urbanistica Bruno Discepolo; il presidente della Commissione Trasporti Luca Cascone; il responsabile degli Investimenti di Rete Ferroviaria Italiana (RFI) per il Sud, Roberto Pagone. In collegamento anche i firmatari del Protocollo di intesa firmato lunedì 15 marzo ad Avellino da Confindustria, Comuni e Asi, nel quadro di un vasto e articolato intervento infrastrutturale collegato alla realizzazione della linea ferroviaria di alta capacità velocità Napoli-Bari.

Alta capacità in Irpinia. Tratta Hirpinia Apice della linea ferroviaria Ac Napoli Bari: Il viadotto previsto nei pressi di Merito Irpino

«IMPEGNO COMUNE PER LA COSTRUZIONE DI UNA PIATTAFORMA LOGISTICA INTERMODALE». Il Protocollo del 15 marzo scaturisce da precedenti incontri, condotti con l’obiettivo di riammagliare in maniera produttiva la Stazione ai Comuni limitrofi. Il terminal è visto come uno sbocco tra Adriatico e Tirreno e non come una semplice fermata sull’asse Napoli Bari.

CREARE OCCASIONI DI SVILUPPO ECONOMICO E OCCUPAZIONALE COLLEGATE AL SISTEMA LOGISTICO. Il Protocollo rappresenta il punto di partenza di un impegno che ha l’obiettivo di attrarre investimenti collegati all’industria della trasformazione e alla logistica.  «Attraverso tale Protocollo si intende favorire la realizzazione di interventi finalizzati al rafforzamento della competitività del sistema economico del territorio a ridosso dell’area interessata dalla Stazione Hirpinia, anche attraverso la promozione di iniziative volte ad attrarre investimenti pubblici e/o privati con la costituzione di reti di impresa connesse e collegate al realizzando sistema logistico», ha spiegato Confindustria Avellino, alla vigilia della firma.

LA PIATTAFORMA LOGISTICA IN VALLE UFITA SARÀ CANDIDATA PER IL FINANZIAMENTO EUROPEO, NELL’AMBITO DEGLI STRUMENTI DISPONIBILI. Il documento condiviso anche da Regione Campania, Rfi e invitalia, ora «sarà sottoposto agli organi competenti delle Amministrazioni Europee, Nazionali (in particolare ai Ministeri coinvolti nella predisposizione del Piano per la Ripresa e Resilienza dell’Europa – Next Generation Eu e Recovery Fund) e Regionali oltre alla struttura Commissariale di Rfi, ipotizzando di attivare anche strumenti di finanziamento come i Contratti Istituzionali di Programma ovvero di Contratti Istituzionali di Sviluppo, per la esecuzione delle opere interconnesse con la Stazione Hirpinia, la realizzazione del terminal logistico attrezzato e della rete infrastrutturale necessaria alla più funzionale fruibilità della Stazione». Confindustria Avellino ha recentemente sottolineato la portata della sfida collegata alla ferrovia. «L’intento che accomuna i Sindaci, i rappresentanti degli Enti e delle parti sociali è quello di trasformare la presenza della prevista Stazione, in una occasione unica per rilanciare lo sviluppo e la crescita di un intero territorio, amplificando gli effetti della infrastruttura ferroviaria, in un’ottica di visione strategica».


LEGGI ANCHE:

Polo della logistica meridionale in Ufita: firmata l’intesa

‘Napoli-Bari’, Rfi: è il treno del nuovo Mezzogiorno

«Un Masterplan unico per il futuro dell’Irpinia», Franza chiama De Luca

Boffa: con l’alta capacità la metropolitana della Campania

 

Positivi al coronavirus in Irpinia 147: l’elenco. Morto 61enne di Baiano. In Campania 2.209 casi e 31 decessi

La Campania è zona rossa fino al 5 aprile. Dopo Pasqua scuole aperte fino alla prima media. Le regole

 

 

ARTICOLI CORRELATI