A Sant’Angelo dei Lombardi sessanta alloggi per i turisti

L'architetto altirpino Angelo Verderosa candida una proposta per ri-abitare i piccoli paesi e intercettare il flusso turistico delle aree metropolitane verso le aree interne. Atteso l'avviso pubblico del Comune per l'apertura ufficiale della call

Sant'Angelo dei Lombardi è in corsa per essere proclamato il borgo dei borghi italiani

Sessanta alloggi da affittare ai turisti a Sant’Angelo dei Lombardi, Alloggi arredati e con parcheggio auto da affittare per l’estate non solo agli estimatori del ritmo lento e dei piccoli borghi, ma anche a potenziali nuovi residenti. L’architetto Angelo Verderosa lancia la call per una piattaforma turistica rivolta ad intercettare la domanda delle aree metropolitane verso l’entroterra per mettere a frutto quel patrimonio immobiliare privato che rischia il definitivo abbandono. L’idea progettuale è stata lanciata al tavolo della task force comunale presieduta dal sindaco Marco Marandino, e che potrebbe trovare concreta attuazione già la prossima settimana con la pubblicazione di un avviso pubblico e la specifica dei requisiti richiesti.

Angelo Verderosa, console del Club di territorio “Paesi d’Irpinia”

“E’ arrivato il momento di cogliere questa opportunità e trasformare le difficoltà del momento in una cambio di rotta per le aree interne. Noi siamo in grado di offrire discontinuità rispetto alla vita metropolitana e a livello culturale, e possiamo riscoprire un modello differente di riabitare questi luoghi, consolidando una nuova visione della qualità della vita” spiega Verderosa. “Ci dobbiamo rivolgere a persone che vogliono respirare aria buona, pagare 30 euro a notte e dedicare un badget di spesa equivalente ad un soggiorno al mare”. La disponibilità di case è stata acclarata: si tratta di abitazioni del dopo terremoto che sono state chiuse perchè i proprietari hanno scelto di vivere altrove. Sono in ottime condizioni e hanno un grande potenziale, che però resta inespresso perchè non producono reddito. “La nostra ambizione deve essere quella di catturare l’interesse di almeno 40 famiglie che scelgono Sant’Angelo come meta estiva e che possono soggiornare per almeno un mese, per tentare di farle tornare in autunno o a Natale” continua. La strategia di “attrazione” dovrà contemplare anche la disponibilità di bonus vacanze nazionali e regionali, a cui Verderosa immagina di affiancare un buono spesa erogato dal Comune presso una delle attività commerciali del paese. “Un benvenuto simbolico che rappresenterà certo un buon biglietto da visita, che racconta di una comunità accogliente e aperta nei confronti dei turisti, così da mettere in moto anche la nostra economia”. La formula dell’affitto breve di case e appartementi incontra una forte richiesta, facilitata dai social media. Da tempo è disponibile sulla piattaforma di Air B&b una certa offerta ormai insufficiente a rispondere alla domanda. In Alta Irpinia si fa fatica a trovare un alloggio. Sul portale infatti, sono presenti offerte su Frigento, Montella e Caposele in particolar modo, dove si registra il tutto esaurito. Da una indagine esplorativa si evince che il costo complessivo per affittare un appartamento per un mese ammonta a circa 3mila euro, inclusivo della disponibilità di biciclette e bagni in piscina a soli 10 minuti da Caposele. A questo si aggiungono i buoni spendibili presso le aziende agricole o i caseifici locali, in perfetto stile “pacchetto turistico”. L’idea di marketing proposta dall’architetto Verderosa nulla ha a che fare con l’intermediazione immobiliare, che escluderebbe la possibilità di creare un indotto e una offerta turistica completa su tutto il territorio comunale. A Sant’Angelo dei Lombardi sessanta alloggi catalizzerebbero un flusso costante di visitatori potenzialmente esistente.  L’architetto auspica ora l’individuazione di un portale regionale per garantire visibilità all’esterno. I dettagli della strategia potrebbero essere illustrati a breve, nell’avviso di prossima pubblicazione.


LEGGI ANCHE:

Il Laceno riapre il Maneggio ai turisti. E per la nuova stazione sciistica si va alla firma

«Campania meta Covid-free per il turismo», D’Avenia (Cd): lo dice il New York Times

 

ARTICOLI CORRELATI