Contributi e agevolazioni dal Comune di Teora, stanziati 50mila euro

VIA AL PROGRAMMA CURA TEORA. L'amministrazione comunale ha integrato le misure disposte dalle norme nazionali con un intervento diretto. I cittadini potranno richiedere i benefici entro il 14 aprile. Le misure

Teora

Un fondo e misure speciali per contributi e agevolazioni dal Comune di Teora ai cittadini residenti danneggiati dall’emergenza coronavirus. ‘Cura Teora’ è il titolo del provvedimento con il quale sono stati istituiti interventi di sostegno economico per la cittadinanza. Il Sindaco Stefano Farina e la giunta hanno stanziato 50mila euro a copertura di un programma di aiuti destinati alla popolazione in aggiunta a quanto già previsto dalle norme nazionali.

Il Sindaco di Teora, Stefano Farina

IL PROGRAMMA. «In un periodo di particolare emergenza sanitaria ed economica», si legge nell’avviso pubblico, Sindaco e Giunta «hanno ritenuto di fondamentale importanza dare il proprio sostegno alle attività artigianali, commerciali e similari, agli studi professionali, alle partite iva in genere che hanno la loro sede legale e operativa nel Comune di Teora o in altro luogo purché residenti e ai cittadini maggiormente esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza Covid-19». Pertanto, «la giunta ha deliberato il programma ‘Cura Teora’, che prevede una  serie di agevolazioni e di contributi economici una tantum per un importo totale di circa 50.000 euro».I finanziamenti deliberati «si aggiungono e in parte si sostituiscono alle iniziative del Governo il CURA ITALIA, poiché siamo fermamente convinti che amministrare il proprio paese significa farlo nell’ordinarietà, ma soprattutto nei momenti di straordinarietà come quello conseguente al Covid-19, avendo la capacità di mettere in campo quello che sembrerebbe impossibile per le casse di un piccolo comune come il nostro», si legge ancora:

DOMANDE FINO AL 14 APRILE. I cittadini potranno beneficiare degli aiuti presentando una richiesta compilando il modello della domanda (scarica il documento cliccando qui) riportato sul sito e sull’app del Comune di Teora, entro il termine perentorio del 15 aprile prossimo entro le ore 12:00. Le domande potranno essere inviate tramite indirizzo di posta elettronica ( [email protected]av.it), oppure al protocollo dell’Ente, in questo caso «tale modalità dovrà avvenire accedendo all’ufficio una sola persona per volta osservando la distanza minima tra le stesse di almeno un metro». Di seguito l’elenco delle misure e dei benefici messi a disposizione dal programma.


LE MISURE

    • Esenzione del pagamento del posteggio al mercato settimanale per il periodo di chiusura del mercato stesso e per un ulteriore mese (applicato d’ufficio);
    • Posticipo a settembre del pagamento dell’affitto dei locali di proprietà comunale ad uso attività commerciale, artigianale e partite iva in genere (applicato d’ufficio);
    • Contributo una tantum di euro 700,00 (settecento) riservato alle attività artigianali, commerciali e similari che non hanno potuto svolgere la loro attività a seguito di ordinanza di chiusura Ministeriale, Regionale o Sindacale;
    • Contributo una tantum di euro 500,00 (cinquecento) riservato alle attività artigianali, commerciali e similari che seppur non hanno avuto ordinanza di chiusura, hanno avuto una sostanziale e comprovata diminuzione delle entrate. Sono esclusi da tale contributo gli alimentari, i fruttivendoli, le macellerie, i produttori di materiale sanitario, i  tabaccai e le partite IVA del settore agricolo;
    • Contributo una tantum di euro 500,00 (cinquecento) riservato agli studi professionali, partite iva in genere, imprese edili che non hanno potuto svolgere la loro  attività a seguito di ordinanza di chiusura Ministeriale, Regionale o Sindacale;
    • Contributo una tantum di euro 250,00 (duecentocinquanta) riservato agli studi professionali, partite iva in genere, ai tabaccai, che seppur non hanno avuto un ordinanza di chiusura hanno avuto una sostanziale e comprovata diminuzione delle entrate;
    • Contributo una tantum per spesa di generi di prima necessità riservato a cittadini residenti nel Comune di Teora che non hanno nel proprio nucleo familiare nessun reddito da lavoro, da pensione, da disoccupazione, o perché percettori di reddito di cittadinanza o altro beneficio similare e comunque tra quelli in stato di bisogno, per soddisfare le necessità più urgenti ed essenziali con priorità per quelli non già assegnatari di sostegno pubblico;
    • Contributo una tantum di euro 100,00 riservato agli alimentari, ai fruttivendoli, alle macellerie, alle partite iva del settore agricoltura regolarmente iscritte alla gestione previdenziale (con esclusione dei pensionati del settore) e produttori di materiale sanitario, come segno tangibile della nostra riconoscenza per aver svolto il loro lavoro in un momento in cui la maggior parte dei cittadini erano tutelati nelle proprie abitazioni;
    • Contributo una tantum di euro 200,00 riservato agli operatori sanitari impiegati presso gli ospedali territoriali, come segno tangibile della nostra riconoscenza per aver svolto il loro lavoro con professionalità e dedizione, esponendo se stessi e la loro famiglia ai notevoli rischi di contagio;
    • Acquisto e distribuzione di 2000 mascherine ai cittadini residenti e di disinfettante per le operatrici sanitarie che operano nel territorio provinciale e per la casa alloggio per anziani, sanificazione territorio comunale ed edifici comunali;
    • Uso gratuito dell’Ostello “Angelo e Raffaele Chirico” per il personale sanitario residente in questo comune e in servizio presso presidi sanitari territoriali e persone in quarantena volontaria;
    • Per i residenti in questo Comune che hanno la propria attività altrove il contributo spettante è ridotto del 50%.

LEGGI ANCHE:

I positivi al coronavirus in Irpinia sono 280 (+21). In Campania record di nuovi casi: 225. Il totale è 2.456

Bonus spesa in Irpinia, assegnati i fondi ai Comuni. Ecco il riparto

ARTICOLI CORRELATI