Lavoro nei centri per l’impiego della Campania, dal 5 marzo le preselezioni per 641 posti

ECCO I CALENDARI DELLE PROVE CHE SI CONCLUDERANNO IL 26 MARZO. La Regione Campania recluta 225 lavoratori laureati (categoria D) e 416 diplomati (categoria C) da inserire negli uffici per l'avviamento all'occupazione

Lavoro nei centri per l'impiego della Campania

Il 5 marzo inizieranno a Napoli le preselezioni per 641 posti di lavoro nei centri per l’impiego della Campania. Le prove preselettive si svolgeranno presso la Mostra D’Oltremare di Napoli. Dal 5 al 18 marzo gli esami preliminari riguarderanno i candidati della Categoria C, riservata ai diplomati, mentre dal 19 al 26 toccherà alla Categoria D, riservata ai laureati. Le prove pre-selettive si svolgeranno con modalità informatiche: il test si compone di 60 quesiti con risposta a scelta multipla. La prova preselettiva di entrambe le procedure concorsuali verterà su: diritto amministrativo con particolare riferimento alla normativa in materia di accesso, trasparenza e anticorruzione, trattamento dati; diritto del lavoro e disciplina del lavoro pubblico; Statuto della Regione Campania  ordinamento amministrativo della Giunta regionale della Campania (Regolamento 15 dicembre 2011, n. 12 e ss.mm.ii.); elementi di statistica. Di seguito i calendari



La Regione Campania recluta 225 lavoratori laureati (categoria D) e 416 diplomati (categoria C) da inserire nei nuovi Centri per l’impiego, rivisti con il passaggio delle competenze all’amministrazione di Palazzo Santa Lucia. La selezione riguarda in particolare 150 posti per “Funzionario policy regionali – Centri per l’impiego”, 25 posti per “Funzionario Sistemi informativi e tecnologie”, 50 posti per “Funzionario policy regionali – Mediatore per l’inserimento lavorativo dei disabili”, 316 posti per “Istruttore policy regionali – Centri per l’impiego”, 100 posti per “Istruttore Sistemi informativi e tecnologie”. Sono stati pubblicati dalla Regione Campania due bandi di concorso, per titoli ed esami, finalizzati al reclutamento di 641 posti complessivi di categoria C e D, articolati nei seguenti profili professionali:


I 2 BANDI PUBBLICATI | scarica il BANDO PER 225 POSTI DI CATEGORIA D e il BANDO PER 416 POSTI DI CATEGORIA C


TRA LE NOVITÀ 50 FIGURE PROFESSIONALI PER L’INCLUSIONE AL LAVORO DEI DISABILI. Tra le novità del concorso, la selezione di figure professionali che avranno il compito di agevolare l’inclusione lavorativa delle persone con disabilità. I centri per l’impiego in Campania sono diventati regionali dallo scorso anno, messi in rete con una serie di istituzioni pubbliche e private, con l’obiettivo di canalizzare la domanda di lavoro verso il bacino della domanda.

PROCEDURA CONCORSUALE. Il concorso sarà espletato attraverso una prova preselettiva, ai fini dell’ammissione alla prova scritta, consistente in una prova a test a risposta multipla. Successivamente ci saranno: una prova scritta, riservata ai candidati che avranno superato positivamente la prova preselettiva volta alla verifica delle conoscenze teoriche relative alle materie e/o ambiti disciplinari specifici del profilo concorsuale, consistente nella risoluzione di quesiti a risposta multipla; una prova orale, riservata ai candidati che avranno superato la prova scritta con almeno un punteggio pari a 21/30, consistente in un colloquio interdisciplinare sulle materie oggetto della prova scritta, nonché sulle altre materie. I candidati dovranno altresì sostenere un colloquio volto all’accertamento della conoscenza della lingua inglese e delle tecnologie informatiche (ad esclusione del concorso codice C-IST), non comportante l’attribuzione di punteggio ma esclusivamente un giudizio di idoneità. In alternativa i candidati potranno certificare il livello di conoscenza della lingua inglese (almeno pari a livello B1), nonché dell’informatica (patente europea ECDL).


Scarica la brochure informativa della Regione Campania con le istruzioni per le prove preselettive | Clicca qui


LEGGI ANCHE: 

Lavoro, ultime prove per il Concorso in Campania: si assegnano i primi 2.285 posti negli enti locali

 

 

ARTICOLI CORRELATI